Esercito di difesa del Nagorno Karabakh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lerrnayin Gharabaghi Hanrapetut’yan ink’napashtpanut’yan banak
Esercito di difesa del Nagorno Karabakh
Insegna da spalla
Insegna da spalla
Descrizione generale
Nazione Nagorno Karabakh Nagorno Karabakh
Servizio Esercito
Battaglie/guerre Guerra del Nagorno Karabakh
Comandanti
Comandante attuale Tenente generale Movses Hakobyan

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L’Esercito di difesa del Nagorno Karabakh (armeno|Լեռնային Ղարաբաղի Հանրապետության ինքնապաշտպանության բանակ, Lerrnayin Gharabaghi Hanrapetut’yan ink’napashtpanut’yan banak) è la forza militare ufficiale della repubblica del Nagorno-Karabakh.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L’Esercito viene ufficialmente fondato il 9 maggio 1992, all’indomani della conquista di Shushi, con l’obiettivo di proteggere la popolazione armena della regione dagli attacchi azeri.

Conta ufficialmente poco meno di ventimila uomini e viene posto sotto il comando del generale Movses Hakobyan. Tra i fondatori della milizia figurano Robert Kocharyan e Serž Sargsyan (futuri presidenti della repubblica dell’Armenia), Vazgen Sargsyan (futuro primo ministro armeno), Monte Melkonian (responsabile del settore di Martuni) e Samuel Babayan (ministro della Difesa dal 1994 al 2000). L’istituzione dell’esercito ha lo scopo di riorganizzare tutti i gruppi combattenti e creare un unico comando delle operazioni raccordando le varie unità operative.

Fino a quel momento i miliziani armeni combattono in piccoli distaccamenti di volontari formati da non più di 40 elementi, spesso armati in modo improvvisato con le armi che hanno a disposizione. Nei primi mesi della guerra (gennaio 1992) le milizie armene sono disorganizzate e poco coordinate. Il loro obiettivo primario è quello di difendere le comunità locali dei villaggi, ciascuna operando indipendentemente dalle altre. L’intensificarsi dell’azione azera (con pesanti bombardamenti) e la progressiva trasformazione del conflitto su più vasta scala spingono le milizie armene ad organizzarsi sotto un unico comando. Il primo risultato è la liberazione del Corridoio di Lachin (18 maggio 1992).

Il miglioramento dell’equipaggiamento, ottima conoscenza del territorio, creatività e motivazione sono le caratteristiche che consentono all’Esercito di difesa del NK di avere la meglio su un nemico molto più numeroso e meglio equipaggiato.

Numerosi combattenti dell'Esercito di difesa del Nagono Karabakh, caduti in battaglia, sono sepolti nel cimitero militare di Yerablur.

L’Esercito di difesa oggi[modifica | modifica wikitesto]

Il ruolo primario è quello di difendere i confini della repubblica ed in particolare la linea di contatto con l’Azerbaigian che si sviluppa sul fianco orientale e settentrionale dello stato. Lungo tale confine sono schierate in trincea le prime linee con il compito di monitoraggio e difesa.

Negli ultimi anni si sono registrate numerose violazioni dell’accordo di cessate il fuoco che hanno portato in alcuni casi soprattutto nella zona di Martakert (marzo 2008, giugno 2010) a vere e proprie battaglie con lo schieramento avversario.

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

Non esiste un dato ufficiale, preciso ed aggiornato, della dotazione dell’Esercito di difesa del Nagorno Karabakh. Negli ultimi mesi, anche grazie agli aiuti armeni, la dotazione è molto aumentata e l’unico dato stabile riguarda il numero degli effettivi che dovrebbe essere sempre intorno alle ventimila unità. Altrettanti o poco più i riservisti.

I dati disponibili[1] parlano di meno di 400 carri armati, poco più di veicoli equipaggiati e meno di 500 pezzi di artiglieria ai quali sono da aggiungere un numero imprecisato di sistemi lanciamissili.

L’aviazione conterebbe su due Sukoy Su-25, 5 Mil Mi-24, e 5 Mi-8 con un personale complessivo di circa 250 uomini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ si veda la versione inglese di questa pagina

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerra