Erythronium dens-canis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dente di Cane
Erythronium dens-canis1.jpg
Erythronium dens-canis
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Liliidae
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Genere Erythronium
Specie E. dens-canis
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Nomenclatura binomiale
Erythronium dens-canis
L., 1753
Nomi comuni

Satiro rosso
Collostorto
Eritronio

Il Dente di Cane (Erythronium dens-canis L., 1753) è una pianta erbacea bulbosa appartenente alla famiglia delle Liliaceae.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

La famiglia delle Liliaceae è molto grande comprendendo oltre 4000 specie diffuse su tutta la Terra. Al genere Erythronium appartengono circa una trentina di specie, una sola delle quali (quella di questa scheda) è presente spontaneamente sul territorio italiano e in Europa.
Secondo alcune tassonomie botaniche[1], questa pianta appartiene alla sottofamiglia delle Lilioideae e alla tribù delle Tulipeae.

Variabilità[modifica | modifica sorgente]

Nell'elenco che segue sono indicate alcune varietà e sottospecie (l'elenco può non essere completo e alcuni nominativi sono considerati da altri autori dei sinonimi della specie principale o anche di altre specie):

  • Erythronium dens-canis L. var. dens-canis
  • Erythronium dens-canis L. var. niveum Baumg.
  • Erythronium dens-canis L. var. japonicum Baker (1874)
  • Erythronium dens-canis L. var. sibiricum Fisch. & C.A. Mey. (1841)

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

La specie di questa scheda ha avuto nel tempo diverse nomenclature. L'elenco che segue indica alcuni tra i sinonimi più frequenti:

  • Erythronium bifidum Sweet (1830)
  • Erythronium bulbosum St-Lager (1880)
  • Erythronium caninum Dulac (1867)
  • Erythronium longifolium Miller (1768)
  • Erythronium maculosum Lam. (1779)
  • Erythronium ovatifolium Poiret in Lam. (1808)
  • Erythronium sibiricum (Fischer & C.A. Meyer) Krylov (1929)
  • Erythronium vernale Salisb. (1796)

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome generico fa riferimento al colore del fiore che normalmente è rosato (Erythros=rosso); mentre il nome specifico (dens-canis) ha una etimologia molto semplice: il bulbo a forma acuminata ricorda il dente di un cane. Sia il nome botanico che quello del genere venne definito nel periodo 1735-1753 da Carl von Linné (Rashult, 23 maggio 1707 – Uppsala, 10 gennaio 1778), biologo e scrittore svedese, considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi.
In lingua tedesca questa pianta si chiama Hundszahnlilie; in francese si chiama Érythrone dent de chien; in inglese si chiama Dog's-tooth Violet.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Descrizione delle parti della pianta
Il portamento
Località: Visome (BL), 350 m s.l.m. - 12/3/2007

Si tratta di una pianta perenne e glabra. L'altezza varia da 10 a 20 cm. La forma biologica è geofita bulbosa (G bulb): ossia sono piante perenni erbacee che portano le gemme in posizione sotterranea. Durante la stagione avversa non presentano organi aerei e le gemme si trovano in un organo sotterraneo chiamato bulbo, un organo di riserva dal quale, ogni anno, si dipartono radici e fusti aerei.

Radici[modifica | modifica sorgente]

Le radici sono prodotte alla base del bulbo e sono del tipo fascicolato.

Fusto[modifica | modifica sorgente]

Sono piante acauli (senza fusto – quello che sembra un fusto in realtà è il peduncolo dell'infiorescenza); possiedono solamente un bulbo sotterraneo di forma cilindrico-conica ad apice acuto e di colore bianco (dato dal rivestimento della tunica bulbifera). Dimensione del bulbo: larghezza 7 mm; lunghezza 30 mm.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

La foglia
Località: Pasa, Sedico (BL), 356 m s.l.m. - 19/3/2009

Questa pianta possiede due sole foglie radicali (o basali), picciolate a forma ovale-lanceolata e a disposizione opposta. Sono macchiate di verde chiaro su fondo rosso-bruno scuro (o viceversa a seconda della varietà). Non sono presenti le foglie cauline per cui il fiore è sempre ben messo in evidenza. La pagina superiore presenta 3 - 5 nervi. Dimensioni della lamina fogliare: larghezza 2 – 3 cm; lunghezza 4 – 7 cm.

Infiorescenza[modifica | modifica sorgente]

L'infiorescenza è formata da un unico fiore portato alla sommità dello stelo (peduncolo) sottile, tondo e ricurvo, a consistenza cerosa, arrossato e glabro. I fiori quindi non sono inseriti direttamente sul bulbo come in altre Liliaceae tipo Colchicum. Il fiore è pendulo (o nutante), ma con i vari tepali del perigonio ripiegati all'infiori e all'insù (un po' come il ciclamino).

Fiore[modifica | modifica sorgente]

Il fiore
Località: Visome (BL), 350 m s.l.m. - 12/3/2007

La struttura del fiore è quella tipica delle Monocotiledoni, ossia sono fiori ermafroditi, attinomorfi, 5-ciclici (formati cioè da 5 verticilli: 2 per il perigonio – 2 per l'androceo - 1 per il gineceo) e trimeri (sia il perigonio che l'androceo è formato da gruppi di tre elementi). I colori vanno dal violetto, al rosa, al bianco e alcune varietà presentano anche un profumo delicato. La lunghezza del fiore va da 15 a 50 mm.

* P 3+3, A 3+3, G (3) (supero)[2]
Stami e pistillo
Località: Pasa, Sedico (BL), 356 m s.l.m. - 19/3/2009
  • Androceo: gli stami sono 6 con antere “basifisse” (sono attaccate ai loro filamenti per la base – per cui risultano lineari). Il colore delle antere è violaceo-nerastro. Lunghezza delle antere: 7 mm.
  • Gineceo: lo stilo è singolo con stimma trilobo (sviluppato a ventaglio, ossia in piano) su un ovario supero e triloculare (formato da 3 carpelli saldati) contenente diversi ovuli. Il colore dello stilo è bianco ed è più lungo degli stami per cui sporge visibilmente.
  • Fioritura: da marzo a maggio (sfiorisce molto rapidamente, come rapidamente fiorisce).
  • Impollinazione: l'impollinazione è entomofila, ossia tramite insetti (farfalle e ditteri).

Frutti[modifica | modifica sorgente]

Il frutto
Località: Villiago, Sedico (BL), 387 m s.l.m. - 13/4/2009

Il frutto è del tipo a capsula posta al centro del perigonio che in fase di fruttificazione è in via di marcescenza (rimane solo lo stilo che è persistente). La forma è ovoidale a sezione trigona. La deiscenza è del tipo loculicida. I semi maturano da maggio a giugno.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Fitosociologia[modifica | modifica sorgente]

Dal punto di vista fitosociologico la specie di questa scheda appartiene alla seguente comunità vegetale[3]:

Formazione : comunità forestali
Classe : Carpino-Fagetea sylvaticae

Usi[modifica | modifica sorgente]

Cucina[modifica | modifica sorgente]

È una pianta commestibile, consumata a crudo, insieme ad altre insalate, o lessata (questo soprattutto nella Mongolia e nella Siberia). I giapponesi invece, dai bulbi, estraggono dell'amido per farne delle paste alimentari (tipo “vermicelli”)[4].

Giardinaggio[modifica | modifica sorgente]

Ama l'ombra e i terreni molto ricchi di humus, come quelli dove prospera allo stato selvatico. Per questo viene spesso utilizzata per abbellire il terreno ai piedi di grandi alberi. La riproduzione avviene in estate per moltiplicazione (o divisione) dei bulbi che vanno posti a circa 5–6 cm sottoterra.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ GRIN Taxonomy for Plants. URL consultato il 16 aprile 2009.
  2. ^ Tavole di Botanica sistematica. URL consultato il GG-MM-2009.
  3. ^ AA.VV., Flora Alpina., Bologna, Zanichelli, 2004.
  4. ^ Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta, Milano, Federico Motta Editore, 1960.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Teresa della Beffa, Fiori di campo, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2002.
  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume secondo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, p. 150.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume terzo, Bologna, Edagricole, 1982, p. 358, ISBN 88-506-2449-2.
  • AA.VV., Flora Alpina. Volume secondo, Bologna, Zanichelli, 2004, p. 1036.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]