Eroge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un negozio di Eroge ad Akihabara, Tokyo.

Un Eroge è di fatto un "erotic game" (Ero chikku ge mu): si tratta d'un videogioco giapponese per computer con una trama pervasa da forte erotismo, di solito in forma animata. Da non confonder col Galge o Bishōjo game il quale, a differenza dell'Eroge non è caratterizzato da un contenuto ritenuto pornografico o eminentemente erotico.

Breve storia[modifica | modifica sorgente]

Gli Eroge, noti anche come Hentai-games[1], hanno la loro origine nei primi anni '80: il primo gioco commerciale erotico per computer con immagini sessualmente esplicite, Night Life, è stato rilasciato dalla Koei nel 1982[2]

I primi Eroge avevano di solito storie molto semplici, ma già introducendo scene di stupro, che spesso hanno portato alla loro diffusa condanna da parte dei media: ma quasi subito il contenuto è stato significativamente integrato in una trama attenta e matura, pur continuando a essere accusato di pornografia.

Nel 1992 la Elf rilascia Dōkyūsei in cui, prima ancora dell'eros esplicito, l'utente deve prima conquistare l'affetto di tutta una serie di personaggi femminili (cui viene dato un notevole peso e importanza), rendendo la storia una sorta di romanzo d'amore interattivo. Nel 1996 lo stesso editore, ampliando l'idea precedente, rilascia Shizuku, una storia horror con protagonista uno studente violentatore. Nel 1997 esce To Heart, una storia sentimentale dolceamara ambientata ai tempi del liceo, che è diventato ben presto uno degli Eroge più famosi e di tendenza: la colonna sonora divenne così popolare da essere inserita in tutti i karaoke del paese.

Nel 1999 la Key rilascia Kanon, contenente solo 7 brevi scene erotiche all'interno di una storia sentimentale dalle dimensioni di un vero e proprio romanzo (la risposta positiva di pubblico fu tale che nel 2002 ne venne prodotta una serie animata in 13 episodi, seguita poi da una 2ª serie di 24 episodi nel 2006). Anche se ancora oggi molti Eroge sono commercializzati puntando soprattutto sulle scene sessuali, la storia non sessuale è ormai parte importante d'ogni game, entrando a buon diritto nella cultura otaku stabilita.

Videogioco[modifica | modifica sorgente]

Un game-play Eroge è fondamentalmente un gioco Bishōjo, con l'eccezione e la differenza che il personaggio protagonista giunge ad intrattener uno o più rapporti sessuali con le ragazze della storia. Ha spesso lo stile d'una "visual novel" con varie scelte possibili proposte al giocatore man mano che procede, in modo da avvicinarsi sempre più ad una certa ragazza. Vi potrebbe esser una ragazza specifica con cui il personaggio è destinato ad aver un rapporto intimo prima della conclusione, sempre che abbia scelto le giuste opzioni. Questo finale è una qualche forma di ricompensa per aver completato il gioco.

Vi sono poi anche molti giochi che hanno incluso nella loro tram anche altri generi, per vivacizzarlo e renderlo più difficile e appassionante per il giocatore ottener il finale da lui voluto

BL game[modifica | modifica sorgente]

BL-Boys Love game, anche conosciuti come yaoi game, si riferiscono solitamente a Eroge orientati verso coppie di protagonisti omosessuali il cui mercato più importante è quello femminile (come d'altronde gli yaoi manga). Oltre a questi anche molti giochi "Otome" (da Otomen) hanno un contenuto omoerotico incidentale. Mentre i giochi espressamente creati per un pubblico gay maschile vengono indicati col nome di bara. Uno dei più famosi giochi BL è Enzai

Esempi di Eroge e BL game[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andrea Wood, Choose Your Own Queer Erotic Adventure: Young Adults, Boys Love Computer Games, and the Sexual Politics of Visual Play in Kenneth B. Kidd, Michelle Ann Abate (a cura di), Over the rainbow : queer children's and young adult literature, University of Michigan Press, pp. 354–379, ISBN 9780472071463.
  2. ^ Retro Japanese Computers: Gaming's Final Frontier, Hardcore Gaming 101, reprinted from Retro Gamer, Issue 67, 2009

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]