Erode Agrippa II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Agrippa II (in latino: Marcus Iulius Agrippa; 28 – 100?) è stato un re vassallo di Roma, figlio di Agrippa I, tetrarca di Calcide dal 50 al 53.

Agrippa II
Agrippa II.jpg
ΑΥΤΟΚΡA OYECPACI ΚΑΙΣΑΡI ΣΕΒΑΣTW, Testa di Vespasiano a destra ETOY KZBA ΑΓΡΙ-ΠΠΑ, Nike in piedi a sinistra, con spiga di grano e cornucopia; a sinistra una stella
Nota: i coni di Agrippa portano tutti l'effigie dell'imperatore

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allevato a Roma, Erode Agrippa non successe al padre alla sua morte nell'anno 44 poiché era troppo giovane e a Roma si decise di far governare la Giudea direttamente tramite un Procuratore. Solo nel 50 ebbe il regno di Calcide nel Libano, alla morte dello zio Erode. Ottenuto l'incarico di nominare i sommi sacerdoti da Claudio (53), rimosse il sacerdote Anano (che aveva fatto condannare ebrei-cristiani) dopo le lamentele degli abitanti di Gerusalemme.

Perse la tetrarchia nel 53, venendogli affidato un regno più vasto, che comprendeva la Batanea, la Traconitide e regioni verso il Libano, cui altre ne aggiunse in seguito Nerone.

L'apostolo Paolo a processo, dipinto di Nikolai Bodarevsky (1875). Accanto a Erode la sorella Giulia Berenice.

Governò sempre secondo il volere dei Romani e anche nella rivolta giudaica del 66 tentò di indurre gli Ebrei alla resa; per questo venne compensato da Roma con ingrandimenti territoriali. Della fine del suo regno non si hanno molte notizie ed è incerta la data di morte.

Il Nuovo Testamento riferisce di un suo incontro con San Paolo di Tarso in Atti 26.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]