Ernst Deutsch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ernst Deutsch nel 1931

Ernst Deutsch (Praga, 16 settembre 1890Berlino, 22 marzo 1969) è stato un attore austriaco.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nato a Praga nel 1890, Deutsch calcò le scene teatrali fin da giovanissimo, distinguendosi per la partecipazione al movimento espressionista[1] e "per la recitazione misurata ed intensa"[2]: si ricordino, tra le numerose interpretazioni, la parte in Il figlio (Der Sohn) di Walter Hasenclever, rappresentato a Dresda nel 1916[3][4] e l'anno successivo a Der Bettler a Berlino[1]

Nello stesso periodo inizia la carriera cinematografica, che lo porta a partecipare ad oltre un sessantina di pellicole in circa mezzo secolo di attività, di cui più di quaranta nel periodo del cinema muto tra il 1916 e il 1928 (tra cui la parte del rabbino Famulus in Il Golem - Come venne al mondo del 1920)
Lascia la Germania nazista nel 1933 e si trasferisce a Zurigo, Bruxelles, Londra (1936) e quindi a New York (1938): lavora a Broadway[5] e inizia una carriera anche ad Hollywood dove prende lo pseudonimo di Ernest Dorian.

Nel 1948 vince la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile alla Mostra di Venezia per l'interpretazione ne Il processo di Georg Wilhelm Pabst. L'anno successivo è nel cast de Il terzo uomo, con Orson Welles e Joseph Cotten, nel ruolo del "Barone" Kurtz.

Nel 1973 il teatro di Amburgo viene intitolato a suo nome.

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Ernst Deutsch Theatre ad Amburgo

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b G. Calendoli, L'attore: storia di un'arte, 1959, p. 550
  2. ^ Le Garzantine Cinema – vol. 1, Garzanti, Milano 2003, p. 301
  3. ^ G. Brunetta, Storia del Cinema Mondiale, 1999, p. 87
  4. ^ F. Orsini, Pirandello e l'Europa, 2001, p. 50
  5. ^ Internet Broadway Database

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22935640 LCCN: no90019259