Ernst-Thälmann-Park

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il monumento a Ernst Thälmann

L'Ernst-Thälmann-Park è un parco di Berlino, nel quartiere di Prenzlauer Berg. È parte di un complesso che comprende edifici residenziali, centri culturali, il planetario Zeiss, un ospedale (preesistente) e il monumento a Ernst Thälmann.

Pianta dell'area[modifica | modifica sorgente]

Pianta dell'area

1. Monumento a Ernst Thälmann

2. Traditionskabinett

3.

4. Kulturhaus

5. Theater unterm Dach

6.

7. Negozi di quartiere

8.

9. Piscina coperta

10.

11. Palestra

12. Scuola

13. Ospedale di Prenzlauer Berg

14. Scuola materna

15. Uffici del distretto di Pankow (già municipio di Prenzlauer Berg)

16. Planetario Zeiss

17. Stazione della S-Bahn Prenzlauer Allee

18. Stazione della S-Bahn Greifswalder Strasse

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'area dell'Ernst-Thälmann-Park, compresa fra la Ringbahn (ferrovia circolare) e le strade Danziger Straße, Greifswalder Straße e Prenzlauer Allee, era precedentemente occupata da un'officina del gas, costruita nel 1871. Il complesso, di alto valore storico ed artistico, fu chiuso nel 1982 ed abbattuto poco dopo nonostante le proteste della cittadinanza, che ne richiedeva il mantenimento e riutilizzo a scopi culturali.

Al posto dell'officina del gas sorse un complesso di nuovi edifici affacciati sul nuovo parco. Il progetto, dovuto all'architetto Erhardt Gißke, fu realizzato dal 1983 al 1986. L'inaugurazione avvenne il 16 aprile dello stesso anno, in occasione del 100º anniversario della nascita del leader comunista Ernst Thälmann. L'Ernst-Thälmann-Park assunse altresì il ruolo di "progetto-vetrina" del programma edilizio della Repubblica Democratica Tedesca in occasione dei festeggiamenti per il 750º anniversario della fondazione della città (1987).

Il parco[modifica | modifica sorgente]

Il parco propriamente detto ha un'area di 16 ettari (l'intera area del complesso è di 25 ettari). Al suo interno si trovano una piscina coperta, una scuola, un laghetto e un campo giochi decorato con mosaici di ceramica. Nel parco sono poste alcune statue, realizzate da artisti contemporanei.

Il monumento a Ernst Thälmann[modifica | modifica sorgente]

Il monumento a Ernst Thälmann fu eretto fra il 1981 e il 1986 su progetto dello scultore sovietico Lev Kerbel.

Ha un'altezza di 14 m e una larghezza di 15, per un peso complessivo di 200 tonnellate. È in bronzo, su un basamento di granito ucraino.

Attrezzature culturali[modifica | modifica sorgente]

Il Theater unterm Dach

Una palazzina, che originariamente ospitava gli uffici amministrativi dell'officina del gas, è oggi sede del teatro Theater unterm Dach. Vi sono poi il centro culturale "WABE", la galleria d'arte "Parterre" ed altri locali di divertimento.

Al limite ovest dell'area, affacciato sulla Prenzlauer Allee, è il planetario Zeiss.

Gli edifici residenziali[modifica | modifica sorgente]

Il complesso di edifici residenziali comprende 1332 appartamenti per circa 4000 abitanti.

Vi sono 4 edifici a torre (uno di 14, due di 17 e uno di 20 piani) e tre edifici articolati in linea (da 6 ad 8 piani), tutti costruiti con il sistema di prefabbricazione a pannelli (Plattenbau).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gißke, E., Krause, D., Battke, M., Städtebauliche, architektonische und künstlerische Konzeption zur Gestaltung des Ernst-Thälmann-Parkes in Berlin, Hauptstadt der DDR in Architektur der DDR, nº 10, Berlino (Est), VEB Verlag für Bauwesen, 1983, pp. 594-599, ISSN 0323-3413.
  • Stingl, H., Innerstädtische Wohnungsbau "Ernst-Thälmann-Park" in Berlin in Architektur der DDR, nº 4, Berlino (Est), VEB Verlag für Bauwesen, 1985, pp. 214-223, ISSN 0323-3413.
  • Baudirektion der Hauptstadt Berlin des Ministeriums für Bauwesen (a cura di), Ernst-Thälmann-Park in der Hauptstadt der Deutschen Demokratischen Republik, Berlin, Berlino (Est), 1986.
  • Wohngebiet Ernst-Thälmann-Park fertiggestellt und in Besitz genommen in Architektur der DDR, nº 6, Berlino (Est), VEB Verlag für Bauwesen, 1987, pp. 16-27, ISSN 0323-3413.
  • Berliner Wohnquartiere. Ein Führer durch 70 Siedlungen, Reimer Verlag, Berlino 2003, pp. 256-259.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]