Ernesto II di Brunswick-Lüneburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato di Brunswick e Lüneburg
Hannover
Braunschweig-Lüneburg.PNG

Guglielmo
Figli
Ernesto II
Cristiano
Augusto
Federico
Giorgio
Cristiano Luigi
Giorgio Guglielmo
Figli
Giovanni Federico
Figli
Ernesto Augusto
Figli
Giorgio I di Gran Bretagna
Modifica

Ernesto di Brunswick-Lüneburg (Celle, 31 dicembre 15642 marzo 1611) fu duca di Brunswick-Lüneburg dal 1564 al 1611 e Principe di Lüneburg dal 1592 al 1611.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il secondogenito e primo figlio maschio del duca di Brunswick-Lüneburg Guglielmo e della principessa Dorotea di Danimarca.

Dopo aver studiato a Wittenberg, Lipsia e Strasburgo dovette far ritorno a Celle a causa di un peggioramento della salute di suo padre[1].

Nel 1592, dopo la morte del padre, assunse le redini del governo del ducato. Inizialmente pattuì con il fratello Cristiano e la nobiltà di governare per un numero limitato di otto anni. Successivamente stipulò un ulteriore accordo grazie al quale rimase in carica fino alla morte[2].

Il principale obiettivo del suo governo fu quello di risanare le finanze dello Stato e della sua famiglia dopo che suo padre li aveva lasciati molto indebitati. Degno di menzione è il trattato della Famiglia Celle da lui concluso nel 1610 con cui venne sancita l'indivisibilità del principato e che l'imperatore Mattia confermò nel 1612.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Sauer (1877) (in tedesco). "Ernst II., Herzog von Braunschweig-Lüneburg". In Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). 6. Leipzig: Duncker & Humblot. p. 261–261
  2. ^ William Sauer (1877) (in tedesco). "Ernst II., Herzog von Braunschweig-Lüneburg". In Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). 6. Leipzig: Duncker & Humblot. p. 261–261

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • William Sauer (1877) (in tedesco). "Ernst II., Herzog von Braunschweig-Lüneburg". In Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). 6. Leipzig: Duncker & Humblot. p. 261–261.
  • http://www.welfen.de/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 10632263