Erminio Bercarich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erminio Bercarich
Bercarich.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 1959
Carriera
Squadre di club1
1945-1949 Reggina Reggina 82 (70)
1949-1950 Venezia Venezia 14 (4)
1950-1951 Prato Prato 29 (27)
1951-1953 Cagliari Cagliari 63 (42)
1953-1955 Legnano Legnano 36 (10)
1955-1956 Chinotto Neri Chinotto Neri 18 (11)
1956-1958 Carbosarda Carbosarda 45 (25)
1958-1959 Reggina Reggina 15 (5)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Erminio Bercarich (Fiume, 8 novembre 1923) è un ex calciatore italiano, di ruolo attaccante. È il calciatore che detiene il record assoluto di reti con la maglia della Reggina: ne ha messi a segno 75 in totale[1][2].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Centravanti molto prolifico e di grandi doti fisiche: era alto e dal fisico possente[3]; nonostante ciò, disponeva di un ottimo controllo di palla e di un veloce dribbling[3].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Arrivò a Reggio Calabria nel 1945 ed esordì con la Reggina il 3 febbraio 1946, ospite il Lentini[4]. Segnò la sua prima delle 75 reti in amaranto a Messina contro il Gazzi[4].

Rimase in maglia amaranto fino alla stagione 1948-1949, mettendo a segno 70 reti complessive[2].

Nell'estate 1949 fu acquistato dal Venezia, giocando pertanto in Serie A. Con i veneti disputa 14 incontri, segnando in 4 occasioni.

Tornò ancora una volta in Serie C nel 1950 con la maglia del Prato, e dopo una sola stagione si trasferisce a Cagliari. In Sardegna disputò due stagioni, dal 1951 al 1953; conquistò la promozione in Serie B già al termine della prima, realizzando 30 gol in 32 partite. Tuttavia nella seconda stagione entrò in contrasto con l'allenatore Federico Allasio[5]: Bercarich era un accanito fumatore che dedicava infatti il suo tempo libero alle partite di poker ed ai divertimenti serali, rendendo di meno in allenamento[5].

Lasciò pertanto il Cagliari, ma ritrovò la Serie A con la maglia del Legnano nel 1953; rimase in Lombardia anche dopo la retrocessione in Serie B: in totale segnò 10 reti in due stagioni.

Nel 1955 passò alla Chinotto Neri in IV Serie, segnando 11 reti in 18 presenze[6]; già dalla stagione successiva approdò alla Carbosarda in Serie C, dove mise a segno 25 reti in due stagioni.

Chiuse la carriera con la Reggina: vestì la maglia amaranto nella stagione 1958-1959, realizzando 5 reti in 15 incontri.

Erminio Bercarich è ancora oggi il primatista di gol segnati nella storia della Reggina (75 complessivi) e di gol nei derby contro il Messina: ne ha infatti messi a segno 6.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campionato
Comp Pres Reti
1945-1946 Reggina Reggina C 10 8
1946-1947 C 19 20
1947-1948 C 27 25
1948-1949 C 26 17
Totale Reggina 82 70[2]
1949-1950 Venezia Venezia A 14 4
1950-1951 Prato Prato C 29 27
1951-1952 Cagliari Cagliari C 36 30
1952-1953 B 27 12
Totale Cagliari 63 42
1953-1954 Legnano Legnano A 24 6
1954-1955 B 12 4
Totale Legnano 36 10
1955-1956 Chinotto Neri Chinotto Neri IV 18 11
1956-1957 Carbosarda Carbosarda C 25 13
1957-1958 C 20 12
Totale Carbosarda 45 25
1958-1959 Reggina Reggina C 15 5
Totali carriera 302 194

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Cagliari: 1951-1952

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ G. Branca, op. cit., p. 235
  2. ^ a b c Il numero complessivo di reti realizzate tra il 1945 ed il 1949 risulta essere incerto tra 69 e 70. Il tabellino dell'incontro Catanzaro-Reggina 3-1 del 24 febbraio 1946 non riporta i marcatori. Anche il libro La Reggina di tutti i tempi di Saverio Pedullà (Edizioni Parallelo 38; fine anni settanta) conferma il numero di 75.
  3. ^ a b Cagliari Calcio, op. cit., p. 4
  4. ^ a b G. Branca, op. cit., p. 27-28
  5. ^ a b Cagliari Calcio, op. cit., p. 6
  6. ^ Il dato è ricavato dai tabellini del Corriere dello Sport, consultabili presso l'emeroteca CONI, e da quelli de L'Unità consultabili online. Le presenze tengono conto anche dei due incontri di spareggio promozione che la Chinotto Neri ha disputato contro il Siena: in entrambi i casi Bercarich è sceso in campo, senza segnare alcuna rete.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]