Irmengarda I di Frauenwörth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beata Irmengarda I di Frauenwörth
Statua di Ermengarda, badessa di Chiemsee, nella chiesa di Bad Buchau
Statua di Ermengarda, badessa di Chiemsee, nella chiesa di Bad Buchau

Badessa

Nascita Ratisbona, 830/833
Morte Chiemsee, 16 luglio 866
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 1928 da Papa Pio XI
Ricorrenza 16 luglio
Attributi Abito benedettino, corona, bibbia, bastone da badessa, cuore in mano

Irmengarda I di Frauenwörth, o anche Ermengarda (Ratisbona, 830/833Fraueninsel, 16 luglio 866), è stata una badessa tedesca, figlia di Ludovico II il Germanico, re della Francia Orientale, e della moglie Emma di Baviera.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ermengarda fu la quinta badessa del monastero di Frauenwörth a partire dall'857[1]. Nel periodo durante il quale ella fu in carica, il Capitolo per Nobili Signore si sviluppò e diventò un convento benedettino

Culto[modifica | modifica sorgente]

Il culto di Ermengarda venne riconosciuto ufficialmente nel 1928 da Papa Pio XI; la sua festa ricorre il 16 luglio[2].

A Frauenchiemsee, Ermengarda è festeggiata la domenica più vicina al 16 luglio; nei dipinti essa viene raffigurata in abito benedettino, incoronata, con la Bibbia e il bastone da badessa oppure con il cuore nella mano.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Ermengarda di Chiemsee Padre:
Ludovico II il Germanico
Nonno paterno:
Ludovico il Pio
Bisnonno paterno:
Carlo Magno
Trisnonno paterno:
Pipino il Breve
Trisnonna paterna:
Bertrada di Laon
Bisnonna paterna:
Ildegarda
Trisnonno paterno:
Geroldo di Vinzgau
Trisnonna paterna:
Emma di Alemagna
Nonna paterna:
Ermengarda de Hesbaye
Bisnonno paterno:
Ingerman de Hesbaye
Trisnonno paterno:
Rodberto

Bisnonna paterna:
Edvige di Baviera


Madre:
Emma di Baviera
Nonno materno:
Guelfo I di Baviera
Bisnonno materno:
Rotardo di Metz


Bisnonna materna:
Ermelinda


Nonna materna:
Edvige di Baviera
Bisnonno materno:
Isanbarto





Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Frauenwörth in Monasticon: repertory of profiles of women's religious communities that existed between 400-1600 C.E. su Monasticmatrix.usc.edu; consultato il 18 marzo 2010
  2. ^ Rabenstein, Katherine I., "Saints of 16 July", Saints O'the Day, St. Patrick Catholic Church Washington, D.C., 1998; consultato il 18 marzo 2010

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Badessa di Frauenwörth Successore
? 857 - 866 Herburgis
?931

Controllo di autorità VIAF: 30328639