Erlend Øye

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erlend Øye
Erlend Øye danza sul palco (Jazzaldia - San Sebastián, luglio 2008)
Erlend Øye danza sul palco (Jazzaldia - San Sebastián, luglio 2008)
Nazionalità Norvegia Norvegia
Genere Indie pop
Alternative dance
Acid jazz
Synth pop
Musica elettronica
Periodo di attività 1997 – in attività
Strumento Voce, Chitarra acustica ed elettronica, occasionalmente pianoforte e percussioni
Etichetta Astralwerks, !K7, EMI, Bubbles
Gruppo attuale Kings of Convenience
Gruppi precedenti Skog, Peachfuzz, The Whitest Boy Alive

Erlend Øye (Bergen, 21 novembre 1975) è un musicista e produttore discografico norvegese.

Insieme a Eirik Glambæk Bøe fa parte dei Kings of Convenience, duo acustico di fama internazionale. È stato definito rappresentante del "New Acoustic Movement"[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È cresciuto ascoltando e appassionandosi a Nick Drake, The Smiths, Leonard Cohen e Suzanne Vega e a quest'ultima afferma di dovere tutt'oggi gran parte della sua ispirazione musicale. Durante le scuole superiori ha stretto amicizia con Eirik Glambæk Bøe, con il quale in seguito ha formato gli Skog ("foresta" in norvegese), ispirandosi alla nota canzone dei The Cure, A forest.

Ha iniziato a farsi conoscere a livello internazionale nel 2001 con l'uscita di Quiet Is the New Loud, album interamente acustico inciso assieme a Eirik sotto nome di Kings of Convenience. Nello stesso periodo, Erlend ha collaborato anche con i Röyksopp, duo norvegese di musica elettronica, prestando la sua voce nei brani Poor Leno e Remind Me (inclusi nell'album Melody A.M.).

Sin dall'inizio della sua carriera ha vissuto tra Bergen, Londra, Manchester e Berlino, approfondendo in quest'ultima città il suo interesse per la musica elettronica. Per qualche tempo è stato anche in tour come DJ-cantante, incidendo l'album solista Unrest nel 2003 e realizzando nel 2004 un remix CD per la raccolta DJ Kicks.

Nel 2006 ha partecipato al film italiano Shooting Silvio nelle vesti di Dj durante la scena di una festa in casa del protagonista.

È stato fondatore e leader della band tedesca The Whitest Boy Alive, realizzando due album: Dreams nel 2006 e Rules nel 2009. La band ha annunciato il proprio scioglimento nel mese di giugno 2014.

Tra il 2012 e il 2013 si è trasferito nei pressi di Siracusa, di cui è cittadino onorario[2] e in cui attualmente vive con la madre[3]. In agosto 2013 ha pubblicato il brano La prima estate, interamente cantato in italiano.

In luglio 2014 è uscito il nuovo singolo Garota, nel cui video compare l'attrice coreana Hana Lee. Il brano precede l'uscita dell'album Legao, prevista per ottobre 2014[4].

In parallelo all'attività di musicista, è impegnato nella promozione di gruppi della scena musicale bergense ed è sostenitore nonché organizzatore del Træna Festival, evento musicale annuale che si svolge nel nord della Norvegia. E' fondatore insieme a Marcin Oz della casa discografica Bubbles, con la quale ha prodotto gli album Hest e Six Months Is A Long Time della band norvegese Kakkmaddafakka.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Erlend Øye[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Mix[modifica | modifica sorgente]

  • 2004 - DJ-Kicks: Erlend Øye

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 2003 - Sudden Rush
  • 2003 - Sheltered Life
  • 2004 - The Black Keys Work
  • 2013 - La Prima Estate
  • 2014 - Garota

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

  • 2001 - Röyksopp - Melody A.M. (Poor Leno, Remind Me)
  • 2001 - Jolly Music - Jolly Bar (Talco Uno)
  • 2002 - Ash - Envy (I Shall Not Die)
  • 2002 - Dntel - (This Is) The Dream of Evan and Chan ((This Is) The Dream of Evan and Chan (Safety Scissors spilled my drink mix))
  • 2003 - Ragazzi - Friday (The Partner)
  • 2003 - DJ Hell - NY Muscle (Keep on Waiting)
  • 2004 - Phonique - Identification (For the Time Being)
  • 2004 - Star You Star Me - A Place In My Heart (A Place In My Heart)
  • 2004 - Bart Davenport - Live at the Chabot House
  • 2005 - Kaos - Hello Stranger (Lessons In Love)
  • 2005 - Korsakow - Ears (I've Been Waiting So Long) (accreditato come Orlando Occhio)
  • 2005 - Ada - Blondix 2 (Cool My Fire)
  • 2005 - Safety Scissors - Tainted Lunch (Breastbone, Sunlight's On The Other Side, Sunlight's On The Other Side (acoustic version))
  • 2005 - Marco Passarani - Sullen Look (Criticize) (accreditato come Orlando Occhio)
  • 2006 - James Figurine - Mistake Mistake Mistake (All the Way to China)
  • 2006 - Kompis - All Ears (All Ears)
  • 2006 - Cornelius - Sensuous (Omstart)
  • 2007 - Phonique - Good Idea (Casualties)
  • 2011 - Palmy - 5 (Crush)
  • 2014 - Dena - Flash (Flashed)

Compilation[modifica | modifica sorgente]

  • 2002 - AA.VV. - Total Lee! The Songs of Lee Hazlewood (Erlend Øye - No Train To Stockholm)
  • 2002 - AA.VV. - Seasonal Greetings (Erlend Øye - Last Christmas)
  • 2005 - AA.VV. - Friends and Lovers: Songs of Bread (Erlend Øye - Friends and Lovers)

Produzioni[modifica | modifica sorgente]

  • 2011 - Kakkmaddafakka - Hest
  • 2013 - Kakkmaddafakka - Six months is a long time

Cover[modifica | modifica sorgente]

Erlend Øye spesso esegue durante i suoi concerti versioni riarrangiate di canzoni di altri artisti. Tra le cover più ricorrenti: Thirteen dei Big Star, Blowin' in the Wind e Don't Think Twice, It's All Right di Bob Dylan, Redemption Song di Bob Marley, E la chiamano estate di Bruno Martino, Brothers in Arms dei Dire Straits, Dreams dei Fleetwood Mac, Sapore di sale di Gino Paoli, Til þín dei Hjálmar, Una ragazza in due dei I Giganti, These Days di Jackson Browne, Tram #7 to Heaven di Jens Lekman, Happy Xmas (War Is Over) e Jealous Guy di John Lennon, No Train To Stockholm di Lee Hazlewood, E la luna bussò di Loredana Bertè, Grande grande grande di Mina, Wonderwall degli Oasis, You Can Call Me Al di Paul Simon, Se a vida é (That's the Way Life Is) dei Pet Shop Boys, Wish You Were Here dei Pink Floyd, Ignition di R. Kelly, (They Long to Be) Close to You di Richard Chamberlain, Norwegian Wood (This Bird Has Flown) dei The Beatles, Ask, Heaven Knows I'm Miserable Now, Please, Please, Please Let Me Get What I Want e There Is a Light That Never Goes Out degli The Smiths, Boys Don't Cry dei The Cure, Last Christmas degli Wham!.

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

  • 2001 - Röyksopp feat. Erlend Øye - Remind Me (regia di H5)[5]
  • 2001 - Röyksopp feat. Erlend Øye - Poor Leno (regia di Sam Arthur)[6]
  • 2002 - Jolly Music feat. Erlend Øye - Talco Uno (regia di Scott Lyon)[7]
  • 2003 - Erlend Øye - Sudden Rush (regia di Jarvis Cocker)[8]
  • 2004 - Ragazzi feat. Erlend Øye - The Partner (regia di Jeff Benefit)[9]
  • 2005 - Phonique feat. Erlend Øye - For the Time Being (regia di Casper W. Rasmussen)[10]
  • 2006 - Cornelius feat. Erlend Øye - Omstart (directed by Koichiro Tsujikawa)[11]
  • 2012 - Palmy feat. Erlend Øye - Crush (regia di Chardchakaj Waikawee)[12]
  • 2013 - Erlend Øye - La Prima Estate (regia di Gabriele Galanti and Marcin Öz)[13]
  • 2013 - Kakkmaddafakka - Someone New (regia di Erlend Øye and Marcin Öz)[14]
  • 2014 - Erlend Øye - Garota (regia di Michael Beech)[15]

Kings of Convenience[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

  • 2000 - Playing Live in a Room
  • 2001 - Magic in the Air
  • 2010 - Kings of Convenience's Live Acoustic Sessions - Milan 2009

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 1999 - Brave New World
  • 1999 - Failure
  • 1999 - Toxic Girl
  • 2001 - Failure (re-release)
  • 2001 - Toxic Girl (re-release)
  • 2001 - Winning a Battle, Losing the War
  • 2004 - Misread
  • 2004 - I'd Rather Dance with You
  • 2005 - Know How
  • 2009 - Mrs. Cold
  • 2009 - Boat Behind

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

  • 1999 - Failure
  • 1999 - Toxic Girl
  • 2004 - Misread
  • 2004 - I'd Rather Dance with You
  • 2004 - Cayman Islands
  • 2009 - Mrs. Cold
  • 2009 - Boat Behind
  • 2009 - Me in You

The Whitest Boy Alive[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 2004 - Inflation
  • 2006 - Burning
  • 2008 - Golden Cage
  • 2009 - 1517

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

  • 2006 - Inflation
  • 2007 - Golgen Cage

Skog[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

  • 1996 - Tom Tids Tale

Compilation[modifica | modifica sorgente]

  • 1997 - AA.VV. - Balance. From The Joy Division Reservoir (Skog - The Eternal)

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ in corriere.it
  2. ^ in weopenhouse.it
  3. ^ intervista su www.soundwall.it
  4. ^ articolo su www.soundwall.it
  5. ^  Röyksopp feat. Erlend Øye - Remind Me. YouTube
  6. ^  Röyksopp feat. Erlend Øye - Poor Leno. YouTube
  7. ^  Jolly Music feat. Erlend Øye - Talco Uno. YouTube
  8. ^  Erlend Øye - Sudden Rush. YouTube
  9. ^  Ragazzi feat. Erlend Øye - The Partner. YouTube
  10. ^  Phonique feat. Erlend Øye - For the Time Being. YouTube
  11. ^  Cornelius feat. Erlend Øye - Omstart. YouTube
  12. ^  Palmy feat. Erlend Øye - Crush. YouTube
  13. ^  Erlend Øye - La Prima Estate. YouTube
  14. ^  Kakkmaddafakka - Someone New'. YouTube
  15. ^  Erlend Øye - Garota. YouTube

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 50443645