Erik Spoelstra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erik Spoelstra
Erik Spoelstra and Joe DeRosa.jpg
Erik Spoelstra (a destra) parla con l'arbitro Joe DeRosa durante una partita dei Miami Heat
Dati biografici
Nome Erik Celino Spoelstra
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex playmaker)
Squadra Miami Heat Miami Heat
Carriera
Giovanili

1988-1992
Jesuit High School
Portland Pilots Portland Pilots
Squadre di club
1992-1994 Hertener Löwen Hertener Löwen
Carriera da allenatore
1992-1994 Hertener Löwen Hertener Löwen
1997-2008 Miami Heat Miami Heat (vice)
2008- Miami Heat Miami Heat 314-162
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 17 aprile 2014

Erik Celino Spoelstra (Evanston, 1º novembre 1970) è un ex cestista e allenatore di pallacanestro statunitense. È sotto contratto con i Miami Heat, squadra dell'NBA. Dal 2001 al 2008 ha coperto la doppia carica di assistente allenatore e direttore dello scouting ma è nella squadra della Florida dal 1997.

Dalla high school alla Germania[modifica | modifica sorgente]

Spoelstra è cresciuto a Portland, nello stato dell'Oregon, dove si è diplomato nella Jesuit High School nel 1988 e laureato nella University of Portland. Nella Jesuit High School è il terzo di tutti i tempi negli assist (488), terzo a pari merito nei tiri da tre punti realizzati (156) e sesto nella percentuale al tiro da tre (38,4%) e dal tiro libero (82,4%).

Spoelstra è stato playmaker titolare alla University of Portland per quattro anni ed è stato nominato freshman dell'anno della West Coast Conference nel 1989. Ha segnato con la maglia di Portland oltre mille punti.

Dopo il college, è stato allenatore-giocatore per 2 anni del TuS Herten (chiamati successivamente Herten Ruhr Devils), una squadra professionistica tedesca. Suo padre, Jon Spoelstra, è stato un NBA Executive (ovvero un dirigente) dei Portland Trail Blazers, dei Denver Nuggets e dei New Jersey Nets. Spoelstra è di origini olandesi e irlandesi da parte di padre, mentre sua madre è filippina.

Inizi da allenatore NBA[modifica | modifica sorgente]

Nell'aprile 2008, Spoelstra (soprannominato dai giocatori "Coach Spo") è stato nominato successore di Pat Riley come allenatore dei Miami Heat. Spoelstra era entrato nello staff dei Heat nel 1995 come coordinatore dei video, dopo due anni è diventato assistente allenatore/coordinatore dei video, poi è stato promosso assistente allenatore/scout avanzato nel 1999 e assistente allenatore/direttore dello scouting nel 2001.

Sulla nomina di allenatore di Spoelstra, Riley ha detto[1]:

« Questo adesso è un gioco per giovani allenatori che sono tecnologicamente qualificati, innovativi e che portano nuove idee. Questo è quello che speriamo di ottenere con Erik Spoelstra. Erik è un uomo nato per allenare »
(Pat Riley)

Nell'estate 2010 gli Heat riescono a regalare a Spoelstra due grandissimi acquisti, quali LeBron James e Chris Bosh. Spoelstra porta gli Heat ai Playoffs, con la seconda piazza nella Eastern Conference, alle spalle dei soli Chicago Bulls. Gli Heat arrivano sino alle Finals, dove vengono però battuti per 4-2 dei Dallas Mavericks di Dirk Nowitzki.

L'anno successivo gli Heat arrivano nuovamente ai Playoffs con la seconda piazza. Questa volta la squadra di Spoelstra elimina prima i New York Knicks (4-1), poi gli Indiana Pacers (4-2), e in finale di conference i Boston Celtics (4-3). Alle finals affrontano gli Oklahoma City Thunder allenati da Scott Brooks, capaci di eliminare i San Antonio Spurs di Gregg Popovich. Dopo un primo passo falso degli Heat che perdono gara 1, la squadra si rialza battendo per 4-1 i Thunder e vincendo il secondo titolo di franchigia e il primo per Spoelstra.

L'anno successivo i suoi Heat sono ancora più dominanti e superiori, arrivando ai Playoffs con la prima piazza assoluta, con 66 vittorie e sole 16 sconfitte. Inoltre la squadra riesce nell'impresa di infilare 27 vittorie consecutive, cioè la seconda striscia vincente più lunga nella storia della lega. Ai NBA playoffs supera prima i Milwaukee Bucks (4-0), poi i Chicago Bulls orfani di Derrick Rose, e in finale di conference gli Indiana Pacers di Paul George per arrivare alle finals contro i San Antonio Spurs. Miami e San Antonio danno il via ad una combattutissima serie sino a gara 7, quando Miami bissa il titolo battendo gli Spurs 95-88. Per Spoelstra è il secondo anello NBA (consecutivo).

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Miami Heat: 2012, 2013

Vice-Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Miami Heat: 2006

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.miamiherald.com/sports/story/519566.html

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]