Erik Lamela

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erik Lamela
ErikLamela.jpg
Dati biografici
Nome Erik Manuel Lamela
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 184 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala, attaccante
Squadra Tottenham Tottenham
Carriera
Giovanili
2000-2009 River Plate River Plate
Squadre di club1
2009-2011 River Plate River Plate 38 (4)
2011-2013 Roma Roma 62 (19)
2013- Tottenham Tottenham 21 (0)
Nazionale
2011-2012
2011-
Argentina Argentina U-20
Argentina Argentina
4 (3)
9 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 novembre 2014

Erik Manuel Lamela (Buenos Aires, 4 marzo 1992) è un calciatore argentino, con passaporto spagnolo, attaccante o ala del Tottenham e della Nazionale argentina.

È soprannominato El Coco.

Nel 2012 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1991 stilata da Don Balón.[1] È stato premiato come Atleta dell'anno nel 2012, alla quarta edizione del prestigioso premio al Campidoglio.[2][3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Paragonato a Kaká nel fisico e nel modo di giocare,[4][5] è prevalentemente un trequartista, tecnicamente molto dotato, e può giocare anche come attaccante esterno a sinistra e a destra sfruttando il suo mancino.[6] Ha giocato a calcio a 5 fino a 14 anni e i movimenti di questo sport influenzano il suo modo di giocare a calcio.[7] Nella stagione 2012-2013, usato soprattutto come ala destra, si caratterizza per lo spiccato senso del gol che lo porta ad essere una delle giovani rivelazioni del campionato.[8] La sua caratteristica è quella di partire da destra per poi accentrarsi e colpire sul palo lontano sfruttando il suo mancino preciso.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

River Plate[modifica | modifica wikitesto]

Una formazione del River Plate 2010-2011: Lamela è il terzo partendo da sinistra, in basso.

Cresciuto nelle giovanili dei Millonarios, esordisce in prima squadra il 14 giugno 2009 contro il Tigre, partita valevole per il Campionato di Clausura. Il 5 dicembre 2010 segna il suo primo gol in carriera con la maglia dei Millonarios contro il Colón, siglando il momentaneo 1-1. Conclude la sua esperienza con il River Plate, totalizzando 34 presenze e 4 reti. La sua ultima stagione con i biancorossi, coincide con la prima storica retrocessione del club argentino.[9]

Roma[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2011-2012[modifica | modifica wikitesto]
Lamela e Oscar durante l'amichevole tra Roma Chelseadisputata nell'agosto del 2013.

Il 6 agosto 2011 viene acquistato a titolo definitivo dalla Roma, per 12 milioni di euro più altri 2 milioni di bonus in base alle presenze; inoltre al River Plate va un ulteriore importo di 3,06 milioni a titolo di imposte, facendo salire il costo del giocatore ad un valore totale di circa 17 milioni di euro. Il calciatore ha firmato un contratto quinquennale, con un ingaggio a salire da 1,8 milioni lordi per la prima stagione fino a 2,86 per l'ultima, oltre ai premi.[10]

Il 23 ottobre 2011, nella sfida di Serie A contro il Palermo, esordisce da titolare e segna il primo gol in maglia giallorossa dopo 8 minuti dal fischio d'inizio; la sua rete si rivelerà decisiva ai fini del risultato.[11] L'11 gennaio 2012, negli ottavi di finale di Coppa Italia contro la Fiorentina (3-0), segna la sua prima doppietta.[12]

Il 23 aprile 2012 viene squalificato per tre giornate dal giudice sportivo per aver sputato sulla maglia del giocatore della Juventus Stephan Lichtsteiner nei minuti finali della partita Juventus-Roma, giocata la sera prima e finita 4-0 per la squadra bianconera.[13]

Stagione 2012-2013[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 settembre 2012 segna il suo primo gol stagionale contro il Bologna, gara persa in casa 3 a 2.[14] Il 28 ottobre 2012, segna contro l'Udinese la sua prima doppietta in Serie A, gara poi terminata 2 a 3 per i bianconeri.[15] Si ripete il 22 dicembre, siglando un'altra doppietta nella gara contro il Milan, partita vinta dalla Roma per 4 a 2.[16] Segna inoltre il momentaneo gol del vantaggio in Lazio-Roma, partita finita poi 3-2 per i biancocelesti. Il 14 aprile 2013 una sua rete decide la gara contro il Torino, vinta per 2-1 dalla Roma[17]. Concluderà poi la stagione con 15 gol in Serie A.

Tottenham[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2013-2014[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 agosto 2013 è in panchina nella prima partita di campionato della Roma[18], per poi venire ceduto tre giorni dopo al Tottenham per la cifra di 30 milioni di euro più bonus legati al raggiungimento di traguardi sportivi fino ad un massimo di 5 milioni.[19] Debutta con la maglia degli Spurs il 1° settembre 2013 nel derby londinese contro l'Arsenal, gara terminata 1 a 0 per i Gunners.[20] Segna la sua prima rete ufficiale il 7 novembre contro lo Sheriff, match di Europa League terminato 2 a 1 per i londinesi.[21] Il 29 dicembre, nella gara contro lo Stoke City, subisce un infortunio che lo tiene fuori per tutto il resto della stagione.[22] Conclude la sua prima stagione raccogliendo 17 presenze ed 1 rete.

Stagione 2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

La stagione successiva, vede l'arrivo di Pochettino sulla panchina degli Spurs[23] che darà fiducia al ragazzo nonostante la stagione precedente. Fa il suo debutto stagionale il 16 agosto 2014 contro il West Ham, gara terminata per 1 a 0 per i Lilywhites.[24] Il 23 ottobre segna una doppietta, di cui la prima rete con una rabona dal limite dell'area avversaria,[25] contro l'Asteras Tripolis, partita valevole per il Girone C d'Europa league, terminata 5 a 1 per i londinesi.[26]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Lamela durante la partita contro l'Uruguay, valevole per le qualificazioni dei mondiali 2014

Riceve la prima convocazione in Nazionale nel maggio 2011 da parte del CT Sergio Daniel Batista: esordisce mercoledì 25 nell'amichevole contro il Paraguay, vinta 4-2 dall'Argentina.[27] Poche settimane più tardi viene convocato per il Mondiale Under-20: venerdì 29 luglio segna un gol nella partita contro il Messico,[28] vinta per 1-0. Agli ottavi di finale segna due reti, entrambe su calcio di rigore, contro l'Egitto regalando la vittoria alla sua squadra.[29]

Nel maggio 2013 viene convocato da Alejandro Sabella per sostituire Lionel Messi in alcune partite amichevoli.[30] Il 3 settembre 2014 mette a segno il suo primo gol con la maglia della nazionale, andando a segno nella vittoria in amichevole per 4-2 contro la Germania.[31]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 27 novembre 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2008-2009 Argentina River Plate PD 1 0 - - - - - - - - - 1 0
2009-2010 PD 3 0 - - - - - - - - - 3 0
2010-2011 PD 34 4 - - - - - - - - - 34 4
Totale River Plate 38 4 38 4
2011-2012 Italia Roma A 29 4 CI 2 2 UEL 0 0 - - - 31 6
2012-2013 A 33 15 CI 3 0 - - - - - - 36 15
Totale Roma 62 19 5 2 67 21
2013-2014 Inghilterra Tottenham PL 9 0 FACup+CdL 0+2 0 UEL 6 1 - - - 17 1
2014-2015 PL 12 0 FACup+CdL 0+2 0+1 UEL 5[32] 2 - - - 19 3
Totale Tottenham 21 0 4 1 11 3 36 4
Totale carriera 121 23 8 3 11 3 141 29

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Argentina Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
25-05-2011 Resistencia Argentina Argentina 4 – 2 Paraguay Paraguay Amichevole - Ammonizione al 54’ 54’ Uscita al 58’ 58’
14-06-2013 Città del Guatemala Guatemala Guatemala 0 – 4 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
14-08-2013 Roma Italia Italia 1 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 45’ 45’
11-10-2013 Rosario Argentina Argentina 3 – 1 Perù Perù Qual. Mondiali 2014 - Ingresso al 80’ 80’
15-10-2013 Montevideo Uruguay Uruguay 3 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2014 - Ammonizione al 18’ 18’ Uscita al 76’ 76’
19-11-2013 Saint Louis Argentina Argentina 2 – 0 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Amichevole - Ingresso al 77’ 77’
03-09-2014 Dusseldorf Germania Germania 2 – 4 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 68’ 68’
11-10-2014 Pechino Brasile Brasile 2 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 61’ 61’
12-11-2014 Londra Argentina Argentina 2 – 1 Croazia Croazia Amichevole - Ingresso al 77’ 77’
Totale Presenze 9 Reti 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 101 prospetti per il futuro. Ecco la lista di Don Balon, tuttomercatoweb.com, 13 novembre 2012. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  2. ^ Candreva e Lamela atleti dell'anno 2012, tuttomercatoweb.com, 4 febbraio 2013. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  3. ^ Candreva e Lamela atleti dell'anno 2012, corrieredellosport.it, 4 febbraio 2013. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  4. ^ Milan in Sudamerica per Lamela, sportmediaset.mediaset.it, 6 dicembre 2010. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  5. ^ Il Milan piazza il colpaccio: preso Lamela! La Juve lotta con il Napoli per Britos, gli azzurri hanno anche parecchia carne a cuocere con la Sampdoria, goal.com, 28 dicembre 2010. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  6. ^ (ES) ¡A Lamela!, ole.com.ar, 12 giugno 2009. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  7. ^ Roma, Lamela confessa un contagio da calcio a 5. E sul derby..., calciomercato.it, 8 ottobre 2011. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  8. ^ Roma-Milan da applausi. Lamela e Osvaldo show, corrieredellosport.it, 22 dicembre 2012. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  9. ^ Choc nell'Argentina del calcio, il River Plate retrocesso per la prima volta in 110 anni, Gazzetta dello Sport, 27 giugno 2011. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  10. ^ Acquisizione a titolo definitivo dei diritti alle prestazioni sportive del calciatore Erik Manuel Lamela, asroma.it, 6 agosto 2011. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  11. ^ Lamela segna, la Roma resiste,il Palermo si sveglia tardi, gazzetta.it, 23 ottobre 2011. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  12. ^ Lamela-Borini, Roma ai quarti:ai Viola non basta Jovetic, gazzetta.it, 11 gennaio 2012. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  13. ^ Prova tv: Lamela fuori 3 turni Fiorentina multata per cori razzisti, gazzetta.it, 23 aprile 2012. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  14. ^ Roma-Bologna 2-3 incredibile. I giallorossi vanno avanti di due gol, poi subiscono una folle rimonta finale, ilmessaggero.it, 16 settembre 2012. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  15. ^ Udinese, che rimonta alla Roma: Di Natale letale con il cucchiaio, gazzetta.it, 28 ottobre 2012. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  16. ^ Roma-Milan 4-2, show di Zeman: Rossoneri travolti, in gol nel finale, gazzetta.it, 22 dicembre 2012. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  17. ^ Torino-Roma 1-2: Bianchi risponde a Osvaldo, Lamela firma la vittoria, gazzetta.it, 15 aprile 2013. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  18. ^ Cori e inviti a rimanere Lamela saluta i tifosi, gazzetta.it, 26 agosto 2013. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  19. ^ Erik Lamela (PDF), asroma.it, 28 agosto 2013. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  20. ^ Arsenal 1-0 Tottenham, bbc.com, 1 settembre 2013. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  21. ^ Tottenham's Jermain Defoe breaks club scoring record in win over Sheriff, theguardian.com, 7 novembre 2013. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  22. ^ Lamela, i tifosi del Tottenham lo deridono sui volantini: "Chi l'ha visto?", gazzetta.it, 17 aprile 2013. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  23. ^ Premier League, il Tottenham a Pochettino: firma sino al 2017, gazzetta.it, 27 maggio 2014. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  24. ^ Premier League, Arsenal-Crystal Palace 2-1, West Ham-Tottenham 0-1, gazzetta.it, 16 agosto 2014. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  25. ^ Il bellissimo gol “di rabona” di Erik Lamela, ilpost.it, 23 ottobre 2014. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  26. ^ Erik Lamela’s brilliant rabona helps Tottenham beat Asteras Tripolis, theguardian.com, 23 ottobre 2014. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  27. ^ Argentina-Paraguay 4-2. Esordio Lamela, in gol Fernandez, calciomercato.it, 25 maggio 2011. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  28. ^ Lamela fa sognare la Roma, super gol al Mondiale U20, gazzetta.it, 30 luglio 2011. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  29. ^ Doppietta Lamela, l'Argentina vola, lastampa.it, 10 agosto 2011. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  30. ^ Argentina: dubbi Messi, convocato Lamela, ansa.it, 24 maggio 2014. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  31. ^ Germania-Argentina 2-4: Di Maria mostruoso, gazzetta.it, 3 settembre 2014. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  32. ^ Una presenza nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]