Eretismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima filosofia di Arnold Ehret, vedi Arnold Ehret.

L'eretismo (dal greco erethízein, irritare), in medicina, è uno stato di aumentata eccitabilità, generalizzato o circoscritto.

In quanto tale si considera malattia psicogena. Esistono poi altre forme come quella cardiovascolare e quella mercuriale.

L'eretismo mercuriale[modifica | modifica sorgente]

L'eretismo mercuriale è un sintomo della sindrome da inalazione di mercurio, caratterizzata da eccessiva timidezza e fobia sociale.[1][2]. Questa era comune in Inghilterra tra i cappellai, poiché usavano il mercurio per la feltratura.

L'eretismo cardiovascolare[modifica | modifica sorgente]

L'eretismo cardiovascolare si verifica quando il cuore e i vasi arteriosi provocano battiti violenti che vengono di solito avvertiti da chi ne è affetto. La causa scatenante può essere uno sforzo fisico, anche minimo, nei soggetti emotivi o nervosi. Una sindrome abbastanza simile all'eretismo cardiovascolare, ma dagli effetti più accentutati, si verifica quando esiste un'insufficienza aortica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ WHO (1976) Environmental Health Criteria 1: Mercury, Geneva, World Health Organization, 131 pp.
  2. ^ WHO. Inorganic mercury. Environmental Health Criteria 118. World Health Organization, Geneva, 1991.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina