Equipaggiamento calcistico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrés Iniesta mentre gioca con una tipica divisa da calcio: maglietta a maniche corte, pantaloncini e calzettoni.

Nel calcio il kit o l'equipaggiamento dei calciatori si riferisce all'equipaggiamento standard e all'abbigliamento indossato dai giocatori. Il termine "kit" deve essere distinto dal termine "divisa" (o "uniforme"), che si riferisce solo a maglia, pantaloncini e calzettoni.[1] Le regole del gioco del calcio specificano l'equipaggiamento che un giocatore deve usare, e vietano l'uso di tutto ciò che è pericoloso per l'incolumità dei partecipanti.[2] Gare individuali possono prevedere ulteriori restrizioni, come ad esempio la regolazione delle dimensioni dei loghi che compaiono sulle maglie, oppure che, in caso di una partita tra squadre con colori identici o simili, una delle due squadre (generalmente quella in trasferta) deve cambiare divisa.[3]

I calciatori in generale, per essere distinti, hanno dei numeri dietro la maglia, che vennero utilizzati per la prima volta negli anni '20 in Inghilterra, mentre in Italia la numerazione venne usata per la prima volta il 18 settembre 1939.[4][5] Per distinguere i giocatori, quindi una squadra titolare indossava numeri da 1 a 11, e i sostituti avevano un numero dal 12 in poi[6], numeri corrispondenti ai ruoli durante una partita,[7][senza fonte] ma a livello professionale questa regola è stata sostituita dalla stagione 1995-1996 dalla numerazione personale dei giocatori, in base alla quale ad ogni giocatore è assegnato un numero fisso per la durata di una stagione.[8] Oltre alla numerazione personale dei giocatori nella stagione 1995-1996 venne introdotta sempre per le società professionistiche l'inserimento sulla maglia del cognome (talvolta nome o soprannome) sopra al numero per ciascun giocatore,[9] ed in alcuni campionati sopra o sotto al numero c'è anche il nome della squadra (come nel caso della Bundesliga).[10]

Il kit da calcio si è evoluto in modo significativo sin dai primi giorni di questo sport, infatti originariamente i giocatori indossavano maglie di cotone spesso, pantaloni alla zuava e pesanti scarpe di pelle rigida. Nel ventesimo secolo le scarpe (o scarpini) sono diventate più leggere e più morbide, i pantaloncini sono stati portati ad una lunghezza più corta e i progressi nella produzione dell'abbigliamento e nella stampa ha permesso di rendere le magliette più leggere, in fibre sintetiche, con disegni colorati e sempre più complesse. Con l'aumento della pubblicità e degli sponsor nel XX secolo, i loghi di sponsor hanno cominciato ad apparire sulle magliette, e sono state rese disponibili per l'acquisto dei fan delle maglie replica, generando una notevole quantità di entrate per le società.

Anche gli ufficiali di gara hanno un proprio equipaggiamento, simile a quello dei calciatori.

Equipaggiamento[modifica | modifica sorgente]

Equipaggiamento di base[modifica | modifica sorgente]

I parastinchi sono obbligatori ai sensi delle regole del calcio

Le regole del calcio stabiliscono l'attrezzatura di base che deve essere indossata dai giocatori nella regola 4, riguardante l'equipaggiamento dei calciatori. Sono specificati cinque elementi separati: maglia, pantaloncini, calze (o calzettoni), scarpe e parastinchi.[11] Ai portieri è consentito indossare (soprattutto in inverno) pantaloncini lunghi (della tuta) anziché corti.[12] La maggior parte dei giocatori indossa scarpe da calcio chiodate ("scarpette da calcio"[13][14] o "tacchetti"[14] in inglese americano), tuttavia le regole non specificano che queste siano necessarie.[11] Le maglie, devono avere maniche, corte o lunghe (anche se nella coppa d'Africa del 2002 il Camerun si presentò con una maglia smanicata[15]), e i portieri devono indossare maglie che sono facilmente distinguibili da tutti gli altri giocatori e dagli ufficiali di gara. La mutanda termica può essere indossata, ma deve essere dello stesso colore dei pantaloncini. I parastinchi devono essere coperti interamente dalle calze, e devono essere fatti di gomma, plastica o materiali simili, e "fornire un ragionevole livello di protezione".[11] L'unica altra restrizione sulle apparecchiature definita dalla legislazione del gioco è il requisito che un giocatore "non deve utilizzare attrezzature o indossare tutto ciò che è pericoloso per se stesso o un altro giocatore"[11].

È normale precisare che per le competizioni individuali tutti i giocatori di una squadra devono indossare gli stessi colori, anche se le regole affermano soltanto: "Le due squadre devono indossare i colori che li distinguono gli uni dagli altri e anche dall'arbitro e dagli assistenti".[11] Nel caso di una partita tra squadre che normalmente indossano i colori identici o simili, una squadra, generalmente quella in trasferta, deve cambiare colore, e quindi divisa.[16][17] Per questo una seconda divisa è spesso indicata come "divisa da trasferta", infatti è possibile trovare, soprattutto a livello internazionale, delle squadre che scelgono di indossare le loro divise da trasferta, anche quando non c'è uno scontro di colori, anziché indossare la prima divisa. La nazionale inglese gioca a volte in maglia rossa (la seconda maglia) anche quando non è richiesto, poiché questa era la maglia indossata quando la squadra ha vinto la Coppa del Mondo del 1966[18]. Molti club hanno anche una "terza divisa", per essere utilizzata sia se la loro prima che la seconda divisa sono considerate troppo simili a quella dell'avversario.[19] La maggior parte delle società professionistiche hanno mantenuto gli stessi colori di base per diversi decenni,[19] e gli stessi colori costituiscono parte integrante della cultura calcistica di un club.[20] Squadre nazionali che rappresentano i paesi in competizioni internazionali in generale indossano i colori nazionali. Questi sono di solito basate sui colori della bandiera nazionale del paese, anche se ci sono delle eccezioni, la squadra nazionale italiana, per esempio, indossa l'azzurro come il colore di Casa Savoia,[21][22] la nazionale olandese usa come colore l'arancione, il colore della Casa d'Orange-Nassau[23], la Germania indossa una maglia bianca, come la bandiera della Prussia,[24] l'Australia veste di verde e oro, nonostante la sua bandiera sia simile a quella del Regno Unito, poiché il popolo australiano ha voluto rinnegare qualsiasi caratteristica in comune con il paese britannico, antico Paese colonizzatore, similmente alla Nuova Zelanda, che veste di bianco anche per contrapposizione agli All Blacks, la Slovenia che indossa una maglia bianca e verde, per ricordare i colori della capitale, Lubiana, e anche della squadra più forte dell'epoca, l'Olimpija Ljubljana, ed infine il Venezuela, soprannominata la "Vinotinto", per via della sua maglia bordeaux, colore che si ottiene dalla mescolanza del giallo, del rosso e del blu, ovvero i colori della bandiera venezuelana,[25] anche se in realtà fu il Comitato Olimpico Internazionale ad assegnargli questa maglia per i Giochi Bolivariani del 1938.

La prima maglia della nazionale italiana usata per la Confederations Cup 2009

Le maglie sono normalmente costituite da poliestere, per non intrappolare il sudore e il calore del corpo come una maglia fatta di una fibra naturale.[26] La maggior parte dei club ha degli sponsor sulla parte anteriore della maglia, così guadagnando significativi livelli di reddito[27], e di alcuni sponsor offrono anche la possibilità di inserire il loro logo sul retro delle maglie.[28] secondo le regole locali, ci sono delle restrizioni su come questi marchi possono essere grandi o su quali marchi possono essere sponsorizzati.[29][30] Dal 1996 competizioni come la Premier League, la Serie A o la Champions League richiedono ai giocatori di indossare delle toppe sulla manica destra raffiguranti il logo della competizione.[31] Il numero di un giocatore di solito è stampato sul retro della maglia, anche se le nazionali, o anche alcuni club, spesso stampano i numeri sulla parte anteriore della maglia,[32] ed in genere le squadre stampano il cognome di un giocatore sopra il suo numero.[33] Al capitano di ogni squadra è richiesto di indossare una fascia intorno alla manica sinistra al fine di individuare in lui il capitano per l'arbitro.[34]

Scarpe da tappeto erboso moderne, che sono progettate per essere utilizzate su prato artificiale o sabbia

La maggior parte dei giocatori attuali indossa scarpe da calcio specialistiche, che possono essere realizzate sia in pelle sia in materiale sintetico. Le scarpette moderne vengono portate leggermente al di sotto delle caviglie, differentemente dalle scarpe da caviglia alta usate in passato, ed inoltre vengono attaccati dei tacchetti alle suole. I tacchetti possono essere prodotti direttamente con la scarpa o possono essere staccabili, normalmente per mezzo di una filettatura[35]. Scarpini moderni, come le Adidas Predator, progettate dall'ex giocatore del Liverpool Craig Johnston, hanno caratteristiche sempre più innovative, scientificamente aiutate da disegni e da caratteristiche come delle sacche d'aria nelle suole di gomma e delle "lame" sulla suola anziché tacchetti.[36] Tuttavia, queste lame sono state oggetto di controversie, infatti molti allenatori le hanno accusate di lesioni, sia per gli avversari che per gli stessi portatori.[37][38] Alcuni giocatori scelgono deliberatamente di indossare scarpini che sono più piccoli rispetto alla loro portata, aumentando la loro capacità di controllare la palla, anche se pure questa usanza provoca lesioni subite dai giocatori[39].

Le regole del calcio specificano che tutti i giocatori, indipendentemente dal sesso, devono indossare lo stesso kit, però nel settembre 2008 la squadra femminile olandese dell'FC de Rakt ha sostituito i pantaloncini con gonne aderenti. Questa innovazione, che era stata richiesta dalla stessa squadra, è stata inizialmente bloccata dal veto della KNVB, organo di governo del calcio olandese, ma questa decisione è stata invertita quando è stato rivelato che il FC de Rakt indossava pantaloni a caldo sotto le gonne, e tecnicamente hanno rispettato le regole.[40]

Altri equipaggiamenti[modifica | modifica sorgente]

Un guanto da portiere

Tutti i giocatori sono autorizzati ad indossare guanti[41], e i portieri di solito indossano guanti appositi per loro. Prima del 1970, questi ultimi erano stati raramente usati,[42], ma oggi è estremamente raro vedere un portiere senza guanti. Nella partita del Portogallo contro l'Inghilterra nell'Europeo del 2004, Ricardo Pereira ha deciso di togliersi i guanti durante i calci di rigore.[43] Dal 1980 sono stati compiuti significativi progressi nella progettazione di guanti, che ora dispongono di protezioni, per prevenire la flessione all'indietro delle dita e di segmentazione, per consentire una maggiore flessibilità dei materiali destinati per proteggere la mano e per migliorare la presa di un portiere.[42] I guanti sono disponibili in una varietà di tipi diversi, tra cui "flat palm", "roll finger" e "negative", con variazioni nelle cuciture e nella forma.[44] I portieri talvolta possono anche indossare protezioni per evitare l'abbagliamento dal sole o dei riflettori[41]. I giocatori con problemi di vista (un esempio è Annibale Frossi) possono portare gli occhiali fino a quando non c'è alcun rischio che cadano o che la loro rottura faccia diventare il gioco pericoloso. La maggior parte dei giocatori colpiti da problemi di vista, scelgono di indossare le lenti a contatto, preferendole agli occhiali. L'olandese Edgar Davids è conosciuto per i suoi occhiali, perché non è in grado di indossare le lenti a contatto a causa del suo glaucoma.[45]. Altri oggetti che possano essere pericolosi per gli altri giocatori, come ad esempio gioielli, collane o braccialetti, non sono ammessi.[11] Altri articoli attualmente indossati dai giocatori sono basi protettive, come la gamma TechFit adidas, la gamma NikePro della Nike e la gamma BaseLayer della Canterbury.[46] I giocatori, possono anche scegliere di indossare copricapi per proteggersi da lesioni al capo fino a quando non presenta alcun rischio per la sicurezza di chi lo indossa o di qualsiasi altro giocatore, come nel caso di Petr Čech o di Christian Chivu.[47]

Equipaggiamento degli ufficiali di gara[modifica | modifica sorgente]

L'arbitro inglese Howard Webb con una divisa nera

Gli arbitri, gli assistenti e il quarto uomo indossano equipaggiamenti di uno stile simile a quello indossato dai giocatori, studiato e realizzato dagli stessi sponsor tecnici che realizzano le maglie per i calciatori. Come scritto sul Regolamento del Giuoco del Calcio, gli ufficiali di gara devono indossare maglie di colori diversi dai calciatori di movimento e dai portieri ("Colori • le due squadre devono indossare colori che le distinguano una dall’altra e anche dagli ufficiali di gara; • ciascun portiere deve indossare colori che lo distinguano dagli altri calciatori e anche dagli ufficiali di gara" Regola 4, Reg. del Gioco del Calcio ed. 2011).[48] Nel 1998 l'arbitro David Elleray in Premier League è stato costretto a cambiare la sua maglia durante una partita tra Aston Villa e Wimbledon, perché ritenuta troppo simile a quella indossata dai giocatori del Wimbledon.[49] Il nero è il colore tradizionale indossato dagli ufficiali, e "l'uomo in nero" è un termine informale ampiamente usato per un arbitro,[50] anche se sempre di più gli altri colori sono utilizzati in epoca moderna.[41] Il mondiale del 1994 è stato il primo in cui la FIFA ha consentito agli ufficiali di indossare colori diversi dal nero[51]. Gli arbitri a volte hanno anche i loghi degli sponsor sulla maglia, anche se questi sono normalmente limitati alle maniche.[52]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Origini e XIX secolo[modifica | modifica sorgente]

La prima testimonianza di un capo d'abbigliamento per il calcio arriva nel 1526 dal Grande Guardaroba del re Enrico VIII d'Inghilterra, che includeva un riferimento ad un paio di scarpe da calcio.[53] La più antica prova di maglie colorate utilizzate per identificare le squadre di calcio risale dai primi giochi calcistici della scuola pubblica inglese, ad esempio, un'immagine del Winchester College dei primi anni 1840 riporta: "La gente comune ha il rosso ed i ragazzi del college hanno le maglie blu" ed i colori sono menzionati nuovamente in la vita di Bell a Londra, articolo del 1858.[54][55] I colori sportivi della squadra di casa sono anche citati nel rugby (regola XXI) già nel 1845: "Nessun giocatore può vestire un berretto o maglie senza permesso dal capo della sua squadra".[56] Nel 1848 è stato ricordato che il rugby "ha avuto un notevole miglioramento negli ultimi anni, ... nell'uso di abbigliamento particolare fatto da velluto e pullover"[57].

Il calcio organizzato per la prima volta fu giocato in Inghilterra nel 1860, e molte squadre giocavano con qualunque abbigliamento che avessero avuto disposizione, poiché i giocatori della stessa squadra si distinguevano indossando cappucci colorati o fasce.[19] Questo venne ad essere problematico, però, e nel 1867 un manuale del gioco suggerisce che le squadre devono cercare di "essere disposte da un lato con maglie a righe di un colore, per esempio rosso, e dall'altro con un altro colore, per esempio blu. Questo impedisce la confusione e tentativi di strappare il pallone da un compagno di squadra."[58]

La squadra del New Brompton nel 1894 in un tipico kit dell'epoca, includendo maglia pesante, pantaloncini lunghi, scarpe pesanti ed alte e parastinchi al di fuori delle calze.

Le prime maglie a strisce standard hanno cominciato ad emergere dal 1870, con molti club che hanno colori sociali associati con le scuole o con altre organizzazioni sportive da cui il club era emerso[19]. Il Blackburn Rovers, per esempio, ha adottato le maglie a strisce basate sulla squadra degli ex allievi del Malvern College, una delle scuole dove si era sviluppato il calcio. I loro colori originali, azzurro e bianco, sono stati scelti per riflettere l'alleanza con l'Università di Cambridge, dove si erano formati un certo numero di fondatori del club.[59] I colori e i disegni erano diversi anche nel corso delle partite, con il Bolton Wanderers, che aveva sia maglie rosa che maglie bianche con macchie rosse all'interno.[60] Piuttosto che i pantaloncini corti moderni, i giocatori indossavano calzoni o pantaloni lunghi, spesso con una cintura o delle bretelle.[61] Lord Arthur Kinnaird, una delle prime stelle del calcio, giocava ogni partita in pantaloni lunghi bianchi.[62] Non esistevano i numeri stampati sulle magliette per identificare i singoli giocatori, ed in una delle prime partite, nel 1875 per identificare i giocatori del Queen's Park e del Wanderers a Glasgow i calciatori erano costretti a vedere i colori dei loro berretti o delle loro calze.[63] Il primo parastinco è stato indossato nel 1874 da parte del giocatore del Nottingham Forest, Widdowson Sam Weller, che ha cucito un paio di ginocchiere da cricket, che portava fuori le calze. Inizialmente il concetto è stato ridicolizzato, ma ben presto preso da altri giocatori.[64] Al volgere del secolo, i parastinchi erano diventati sempre più piccoli e venivano portati dentro le calze.[65]

Albori del XX secolo[modifica | modifica sorgente]

Mentre il gioco cominciò a diffondersi in Europa e oltre, vari club adottarono kit simili a quelli indossati nel Regno Unito, e in alcuni casi hanno scelto i colori ispirati direttamente dai club inglesi. Nel 1903, la Juventus ha adottato una maglia fatta di strisce bianche e nere ispirate dal Notts County.[66] Due anni più tardi, l'Atlético Independiente ha adottato delle maglie rosse dopo aver visto giocare il Nottingham Forest.[67]

Agli inizi del XX secolo i pantaloncini diventarono più corti e i portieri incominciarono ad utilizzare maglie diverse, come si può vedere da questa foto dell'Inter nel 1910

Nel 1904 la Football Association ha abbandonato la sua regola sui pantaloncini allo zuava dei calciatori che dovevano coprire le ginocchia. Questi divennero noti come "mutande", e questo termine è stato usato fino al 1960 quando "pantaloncini" è diventato il termine più utilizzato.[61]

Inizialmente quasi tutte le squadre avevano pantaloncini di un colore molto diverso rispetto alle maglie.[19]

Nel 1909, in modo che gli arbitri distinguessero i portieri dai giocatori di movimento, il regolamento dovette essere cambiato, per far sì che i portieri si vestissero differentemente rispetto ai propri compagni di squadra.

All'inizio venne specificato che le maglie dei portieri dovevano essere di blu scarlatto o di blu reale, ma quando nel 1912 fu utilizzabile anche il verde, subito prese misura. In questo periodo i portieri generalmente vestivano con maglie di lana più pesanti, simili più a maglioni che alle maglie dei calciatori.[61]

Negli anni venti vennero giocate delle partite con le maglie numerate, ma inizialmente l'idea non fu subito gradita.[68] Il primo match importante dove vennero indossate le maglie numerate fu la finale di FA Cup 1932-1933 tra l'Everton ed il Manchester City. Piuttosto che aggiungere i numeri alle maglie delle due squadre, vennero fatte appositamente per la finale due divise già numerate, una bianca ed una rossa, e vennero consegnate alle squadre in base ad un sorteggio. I giocatori dell'Everton, in maglia bianca, avevano i numeri dall'1 all'11, mentre i giocatori del City, in maglia rossa, avevano quelli dal 12 al 22.[69] Fu solo intorno al periodo della seconda guerra mondiale che la numerazione è divenuta fissa, con i giocacatori che indossavano i numeri dall'1 all'11. Anche se non ci fossero regole su quale numero preciso dovesse utilizzare un giocatore, i numeri venivano indossati in base al ruolo del giocatore in campo, un esempio è il numero 9 che era solitamente riservato all'attaccante principale.[68] Gli anni trenta hanno visto grandi progressi nella produzione di scarpini, con nuovi materiali sintetici e pellami più morbidi. Nel 1936 in Europa i giocatori indossavano scarpe che pesavano solo un terzo del peso degli stivali rigidi di un decennio prima, anche se i club inglesi non hanno adottato il nuovo stile degli scarpini, con giocatori come Billy Wright che pronunciavano apertamente il loro disprezzo per le nuove calzature, sostenendo che erano più adatte alla danza che al calcio.[61]

La nazionale argentina in un tipico kit dei primi anni '60.

Nell'immediato periodo dopo la guerra, molte squadre in Europa sono state costrette ad indossare dei kit insoliti a causa delle restrizioni di abbigliamento.[19] L'Oldham Athletic, i cui colori sociali erano il blu e il bianco, ha trascorso due stagioni giocando con una maglia bianca e rossa presa in prestito da una squadra locale di rugby,[70] e la squadra scozzese del Clyde dovette vestire di khaki.[71] Negli anni cinquanta i kit indossati dai giocatori nell'Europa meridionale e nel Sud America sono diventati molto più leggeri, con colletti a V e tessuti sintetici in sostituzione delle pesanti fibre naturali[41] I primi scarpini ad essere tagliati al di sotto della caviglia vennero introdotti dall'Adidas nel 1954. Anche se costavano il doppio degli altri tipi di scarpe, la società tedesca ha riscosso un enorme successo nel mercato calcistico. Allo stesso tempo l'Adidas ha sviluppato le prime scarpe con i tacchetti che potrebbero essere modificati in base alle condizioni del campo.[35] Altre regioni sono state più lente ad adottare i nuovi stili di scarpe. Le squadre inglesi, ancora una volta hanno resistito al cambiamento e le divise ebbero soltanto piccole differenze rispetto a quelle prima della guerra,[72] mentre le squadre dell'Europa orientale hanno continuato ad indossare i kit che sono stati ritenuti fuori moda altrove. La Dinamo Mosca, squadra che ha girato l'Europa occidentale nel 1945, ha attirato quasi più commenti per i pantaloncini lunghi e larghi dei giocatori che per la qualità del loro calcio.[73] Con l'avvento delle competizioni internazionali come la Coppa dei Campioni, lo stile dell'Europa meridionale si diffuse verso il resto del continente e per la fine del decennio le camicie pesanti e le scarpe del pre-guerra erano caduti completamente in disuso. Gli anni sessanta hanno visto poca innovazione nella progettazione dei kit, con le squadre che in genere optavano per semplici combinazioni di colori.[19] Le maglie della fine degli anni '60 e degli anni settanta, a livello di design, sono state apprezzate particolarmente dai tifosi di calcio.[74]

Era moderna[modifica | modifica sorgente]

Fine del XX secolo[modifica | modifica sorgente]

Le maglie con gli sponsor, come queste indossate in varie stagioni dal Paris Saint Germain, è diventata una norma in epoca moderna.

Negli anni '70 le squadre cominciarono a creare disegni personalizzati sulle maglie, e nel 1975 il Leeds United, che aveva cambiato i loro tradizionali colori blu e oro in bianco negli anni '60 per imitare il Real Madrid,[75] divenne il primo club a disegnare maglie da vendere ai tifosi. Spinti da motivazioni commerciali, presto altre squadre seguirono questa idea, aggiungendo i loghi della squadra e del produttore.[19] Nel 1973, la squadra tedesca dell'Eintracht Braunschweig firmò un accordo con l'azienda locale produttrice di alcool Jägermeister, affinché la società sponsorizzasse l'azienda sulle magliette dei giocatori.[76] Presto quasi tutti i grandi club firmarono questi accordi, e il costo per le aziende che sponsorizzano le squadre è aumentato notevolmente. Nel 2008 il Bayern Monaco ha ricevuto 25 milioni di euro di sponsorizzazione da parte di Deutsche Telekom.[77] Tuttavia le squadre spagnole del Barcellona e dell'Athletic Bilbao hanno rifiutato di sponsorizzare aziende sulle maglie, fino al 2005.[78] Tuttora il Barcellona rifiuta il pagamento dello sponsor UNICEF sulla maglietta, donando anche 1,5 milioni di euro per la carità all'anno,[79] anche se dal 2011 i blaugrana hanno accettato dalla Qatar Foundation di recepire per la prima volta un pagamento dietro una sponsorizzazione.[80] I giocatori hanno anche iniziato a siglare accordi di sponsorizzazione con le singole aziende. Nel 1974 Johan Cruijff ha rifiutato di indossare la maglia della nazionale olandese sponsorizzata dall'Adidas in conflitto con il suo contratto individuale con Puma, e gli fu permesso di indossare una versione della maglia senza il marchio Adidas.[81] La Puma aveva anche pagato 120.000 dollari a Pelé per indossare le scarpe e aveva specificamente richiesto di piegarle verso il basso e di allacciarsele all'inizio della finale di Coppa del Mondo del 1970, assicurandosi così un primo piano delle scarpette per il pubblico televisivo di tutto il mondo.[82]

Negli anni ottanta i produttori, come Hummel e Adidas iniziarono a progettare magliette con disegni sempre più complicati, come la nuova tecnologia che ha portato l'introduzione di elementi di design come le stampe di ombre[19] La maglia a quarti progettata dalla Hummel per la nazionale danese per la Coppa del Mondo del 1986 ha suscitato grande scalpore tra i media, ma la preoccupazione è stata sollevata dalla FIFA per la sua comparsa in televisione.[83] Negli anni '70 ed '80 i pantaloncini divennero più corti che mai,[68] e spesso includevano sulla parte anteriore il numero del giocatore.[84] Nella finale di FA Cup 1990-1991 i giocatori del Tottenham Hotspur scesero in campo con pantaloncini più larghi. In un primo momento questo nuovo stile è stato respinto, ma ben presto le squadre inglesi e anche di altre parti del mondo hanno adottato questi pantaloncini.[85] Nel gli anni novanta le maglie divennero sempre più complesse, con molte squadre con combinazioni di colori molto sgargianti. Decisioni progettuali venivano sempre più spinte in maniera che la maglia venisse vista dai fan come un oggetto di moda,[19] ma molti disegni di questo periodo sono considerati tra i peggiori di tutti i tempi.[86] Nel 1996, il Manchester United ha introdotto una maglia grigia che era stata progettata appositamente per l'utilizzo con i jeans, ma questa divisa è stata abbandonata durante una partita, perché l'allenatore Alex Ferguson ha detto che la sua squadra stava perdendo 3-0 e che i giocatori potevano non vedersi in campo. L'uniforme è stata subito cambiata dallo United.[87] I campionati principali hanno anche introdotto i numeri di squadra, dove ad ogni giocatore viene assegnato un numero specifico per la durata intera di una stagione.[88] Una mania nata tra i giocatori è quella di celebrare i gol sollevando o rimuovendo completamente le loro maglie, rivelando slogan politici, religiosi o personali stampati su queste ultime. Ciò ha portato ad una sentenza dell'International Football Association Board nel 2002 che la canottiera non deve contenere slogan o logo;[89] dal 2004 togliersi la maglia comporta una sanzione disciplinare verso i giocatori.[90]

Maglie replica del Manchester United

Il mercato delle maglie replica è cresciuto enormemente, con le entrate generate ai club importanti e con la frequenza con cui cambiano i disegni, specialmente nel Regno Unito, dove il mercato per le repliche ha un valore superiore alle 200 000 sterline.[91] Diverse squadre sono state accusate di fissazione dei prezzi, e nel 2003 il Manchester United è stato multato di 1,65 000 di sterline dall'Office of Fair Trading.[92] I prezzi elevati delle repliche hanno portato anche a molti tifosi ad acquistare magliette false, importate da paesi come la Thailandia e la Malesia.[93] Tuttavia, la possibilità per i fan di acquistare una maglietta recante il nome e il numero di un giocatore può portare significativi ricavi ad un club. Nei primi sei mesi dopo il trasferimento di David Beckham al Real Madrid, il club ha venduto oltre un milione di magliette portanti il suo nome.[94] Un mercato che si è sviluppato anche per le maglie indossate dai giocatori durante le partite importanti, che vengono venduti come oggetti da collezione. La maglia indossata da Pelé nella finale di coppa del mondo del 1970 venduto all'asta per oltre 150.000 sterline nel 2002.[95]

XXI secolo[modifica | modifica sorgente]

Un certo numero di progressi nella progettazione dei kit hanno avuto luogo a partire dal 2000, con vari gradi di successo. Nel 2002 la nazionale del Camerun ha partecipato alla Coppa d'Africa in Mali indossando magliette senza maniche,[96] ma la FIFA in seguito ha stabilito che tali indumenti non sono da considerare come magliette e quindi non erano consentite dalle Regole del Gioco.[97] Successivamente il Camerun venne penalizzato di 6 punti dalla FIFA nelle qualificazioni per il mondiale del 2006,[98] decisione poi annullata dopo un appello.[99] Più successo ebbero le maglie strette della Kappa indossate dall'Italia, con un design che è stato emulato da molte altre squadre.[87]

Un'altra innovazione che ha avuto poco successo è avvenuta nel 2005, quando l'allora allenatore del Real Madrid, Vanderlei Luxemburgo, utilizzava un auricolare per dare ordini direttamente a Raul Gonzalez.[100]

Per i centenari di molti club, celebrati soprattutto verso la fine del XX secolo e l'inizio del XXI, venivano realizzate magliette speciali, come nel caso del Boca Juniors, che nel 2005 ha utilizzato una maglietta simile a quella usata nel 1907, o l'Inter, che nel 2008 ha indossato una maglia bianca con una croce rossa, simbolo della città di Milano.[101][102]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Treccani.it "[...] Nelle attività sportive, il complesso degli indumenti usati dagli atleti in osservanza al regolamento."
  2. ^ Regolamento del Giuoco del Calcio (PDF), aia-figc.it, p. 43. - "Sicurezza"
  3. ^ Colori (PDF) in Regolamento del Giuoco del Calcio, aia-figc.it, p. 43.
  4. ^ Per la prima volta il numero sulla maglia dei calciatori
  5. ^ NUMERI, NOMI E SPONSOR SULLE MAGLIE.
  6. ^ Regolamento del Giuoco del Calcio (PDF), aia-figc.it, p. 47. - "Decisioni Ufficiali FIGC n° 1"
  7. ^ Il numero 1 per il portiere, il 2 per il terzino destro, il 3 per il terzino sinistro, il 4 per il mediano, il 5 per lo stopper, il 6 per il libero, il 7 per l'ala destra, l'8 per la mezzala destra, il 9 per il centravanti, il 10 per la mezzala sinistra, l'11 per l'ala sinistra.
  8. ^ In Italia la Serie A e la Serie B, mentre le serie minori giocano ancora con la numerazione in base ai ruoli.
  9. ^ Cognomi sulle maglie: siamo al 15º anno. URL consultato il 22-08-2008.
  10. ^ Le Nuove Maglie di Bayern Monaco e Paris Saint Germain 2010/2011. URL consultato il 03-07-2010.
  11. ^ a b c d e f (EN) Law 4 — The Players' Equipment (PDF) in Laws of the Game 2008/2009, FIFA, 1º settembre 2008.
  12. ^ (EN) Interpretation of the laws of the game and guidelines for referees: Law 4 — The Players' Equipment in Laws of the Game 2008/2009, FIFA, 1º settembre 2008.
  13. ^ (EN) Calciatori in Visual Dictionary Online, Merriam-Webste, 28 aprile 2009.
  14. ^ a b (EN) Deborah Crisfield, The complete idiot's guide to soccer in Alpha Books, The Complete Idiot's Guide to..., 1999. ISBN 0-02-862725-3.
  15. ^ Da chiudere negli spogliatoi - Le maglie da dimenticare, 3 marzo 2008.
  16. ^ (EN) Standardised League Rules in Wessex Football League. URL consultato il 16 gennaio 2006 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2008).
  17. ^ A differenza del rugby, dove la squadra di casa cambia la divisa, se simile all'avversario. (EN) SA to play in Aviva rugby opener, BBC Sport, 08 ottobre 009. URL consultato il 12 ottobre 2009.
  18. ^ (EN) Glen Isherwood et al., England's Uniforms - Player Kits, England Football Online. URL consultato il 23 gennaio 2008.
    «L'Inghilterra a volte decide di vestirsi di rosso anziché di bianco, come nell'ultima partita contro la Germania al Wembley Stadium. La Football Association ha desiderato ripetere ciò che è successo nel 1966, quando, sempre a Wembley, l'Inghilterra sconfisse la Germania Ovest vestendo la maglia rossa.».
  19. ^ a b c d e f g h i j (EN) David Moor, A Brief History of Football Kit Design in England and Scotland, HistoricalFootballKits.co.uk. URL consultato il 14 gennaio 2008.
  20. ^ (EN) Richard Giulianotti, Norman Bonney, Mike Hepworth, Football, Violence and Social Identity, Routledge, 1994. ISBN 0-4150-9838-6.
    «Per un tifoso, anche se non vive nella città della squadra, i colori della squadra sono il simbolo più importante della sua fede calcistica.».
  21. ^ Alessandro Savorelli, Sergio Salvi, Tutti i colori del calcio, Le Lettere, 2008. ISBN 88-6087-178-6.
  22. ^ Un Azzurro lungo un sogno!, Vivoazzurro.it. URL consultato il 25 luglio 2011.
  23. ^ What's in a name? Part II, FIFA, 5 febbraio 2000. URL consultato il 1º settembre 2008.
  24. ^ Marco Scurati, Germania, campioni dell'Ovest contro l'Est: compie 20 anni la riunificazione del calcio, Amalamaglia.it, 19 novembre 2010. URL consultato il 25 luglio 2011.
  25. ^ Alberto Fumagalli, Coppa America, analisi primo turno: quanta fatica per Brasile e Argentina, Stadiosport.it, 16 luglio 2011. URL consultato il 25 luglio 2011.
  26. ^ (EN) Football and health, BUPA. URL consultato il 17 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2008).
  27. ^ Juve, accordo con BetClic in Tuttosport, 20 gennaio 2010.
  28. ^ (EN) Back-of-the-shirt Sponsors Draw, Notts County F.C, 30 dicembre 2007. URL consultato il 26 gennaio 2008.
  29. ^ (EN) Regulations Relating to Advertising on the Clothing of Players, Club Officials and match Officials (PDF), The FA. URL consultato il 16 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2008).
  30. ^ Il regolamento del giuoco del calcio - L'equipaggiamento dei giocatori - Decisioni I.F.A.B. (PDF) in FIGC.
  31. ^ The F.A. Premier League, Chris Kay International. URL consultato il 22 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2008).
  32. ^ (EN) Q & A 2006, England Football Online, 22 novembre 2006. URL consultato il 16 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2008).
  33. ^ (EN) Hunter Davies, Chapter 3. Equipment: Bring on the Balls in Boots, Balls and Haircuts: An Illustrated History of Football from Then to Now, Cassell Illustrated, 2003. ISBN 1-8440-3261-2.
  34. ^ (EN) Captain's armband is compulsory in PFF competitions : Faisal, FootballPakistan.com, 5 dicembre 2007. URL consultato il 22 gennaio 2008.
  35. ^ a b (EN) Thomas Reilly e A.M. Williams, Science and Soccer, Routledge, 2003. ISBN 0-4152-6232-1.
  36. ^ (EN) Mike Adamson, Adidas Predator Absolute in The Guardian, 13 gennaio 2006. URL consultato il 16 gennaio 2008.
  37. ^ (EN) Ferguson wants bladed boots ban, BBC, 24 settembre 2005. URL consultato il 18 gennaio 2008.
  38. ^ (EN) Warnock is concerned over blades, BBC, 19 agosto 2005. URL consultato il 18 gennaio 2008.
  39. ^ (EN) Trevor D Prior, Why Do Footballers Keep Breaking Their Metatarsal Bones?, The Society of Chiropodists and Podiatrists. URL consultato il 18 gennaio 2008.
  40. ^ (EN) Dutch women ditch shorts to play soccer in skirts, Reuters, 15 settembre 2008. URL consultato il 20 aprile 2009.
  41. ^ a b c d (EN) Richard Cox, Dave Russell e Wray Vamplew, Encyclopedia of British Football, Routledge, 2002. ISBN 0-7146-5249-0.
  42. ^ a b (EN) Football and Technology: Goalkeeper kit, Deutsches Patent- und Markenamt. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  43. ^ (EN) Craig Brown, Football: Euro 2004: RefereÈs error denies England victory in The Independent, 25 giugno 2004. URL consultato il 15 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2008).
  44. ^ (EN) Goalkeeper Glove Cut Guide, TheGloveBag.com, 28 marzo 2006. URL consultato il 14 luglio 2008.
  45. ^ (EN) Goggles are Davids' most glaring feature, Soccertimes.com, 7 marzo 2003. URL consultato il 16 gennaio 2008.
  46. ^ (EN) Base Layers, Pro Direct Soccer. URL consultato il 17 gennaio 2008.
  47. ^ (EN) Cech's rugby-style headgear passes the FA's safety test in The Independent, 20 gennaio 2007. URL consultato il 16 aprile 2008.
  48. ^ (EN) Advice for Newly Qualified Referees (PDF), The FA. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  49. ^ (EN) Jon Culley, Football: Merson revels in the Villa high life in The Independent, 13 settembre 1998. URL consultato il 23 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2008).
  50. ^ (EN) Phil Shaw, Dowd sees the light as the man in black in The Independent, 16 agosto 2001. URL consultato il 15 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2008).
  51. ^ (EN) Alex Yannis, Soccer: The Name Game in The New York Times, 1º marzo 1994. URL consultato il 29 aprile 2009.
  52. ^ (EN) Paul Kelso, Bright sparks hope over Burns reform in The Guardian, 17 agosto 2006. URL consultato il 18 gennaio 2008.
  53. ^ (EN) Vivek Chaudhary, Who's the fat bloke in the number eight shirt? in The Guardian, 18 febbraio 2004. URL consultato il 28 aprile 2009.
  54. ^ (EN) Morris Marples, A History of Football, Secker and Warburgh, 1954.
  55. ^ (EN) Bell's Life in London and Sporting Chronicle, 14 novembre 1858.
  56. ^ (EN) Football Rules (PDF), rugbyfootballhistory.com. URL consultato il 28 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2006).
  57. ^ (EN) "An Old Rugbaean", Recollections of Rugby, Hamilton and Adams, 1848.
  58. ^ (EN) Hunter Davies, Chapter 3. Equipment: Bring on the Balls in Boots, Balls and Haircuts: An Illustrated History of Football from Then to Now.
  59. ^ (EN) 1875–1884: The early years, Blackburn Rovers F.C, 2 luglio 2007. URL consultato il 14 gennaio 2008.
  60. ^ (EN) Hunter Davies, Chapter 3. Equipment: Bring on the Balls in Boots, Balls and Haircuts: An Illustrated History of Football.
  61. ^ a b c d (EN) Hunter Davies, Chapter 3. Equipment: Bring on the Balls in Boots, Balls and Haircuts: An Illustrated History of Football from Then to Now.
  62. ^ (EN) Will Bennett, Second FA Cup could fetch record £300,000 at auction in The Daily Telegraph, 7 gennaio 2005. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  63. ^ (EN) Phil Soar e Martin Tyler, The Game in Scotland in Encyclopedia of British Football, Willow Books, 1983. ISBN 0-0021-8049-9.
  64. ^ (EN) Hucknall Cricketers, Ashfield District Council. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  65. ^ (EN) Hunter Davies, Chapter 3. Equipment: Bring on the Balls in Boots, Balls and Haircuts: An Illustrated History of Football from Then to Now.
  66. ^ Black & White, Notts County F.C, 21 maggio 2007. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  67. ^ (ES) Década del '10, Club Atlético Independiente. URL consultato il 5 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2008).
  68. ^ a b c (EN) Hunter Davies, Chapter 12. Equipment in Boots, Balls and Haircuts: An Illustrated History of Football from Then to Now.
  69. ^ (EN) English FA Cup Finalists 1930 – 1939, HistoricalFootballKits.co.uk. URL consultato il 5 gennaio 2008.
  70. ^ (EN) Oldham Athletic, HistoricalKits.co.uk. URL consultato il 7 gennaio 2008.
  71. ^ (EN) Clyde, HistoricalKits.co.uk. URL consultato il 7 gennaio 2008.
  72. ^ (EN) Cox, Dave Russell e Wray Vamplew, Encyclopedia of British Football, Routledge, 2002. ISBN 0-7146-5249-0.
  73. ^ (EN) Bob Crampsey, An historic day in Glasgow, BBC, 16 ottobre 2001. URL consultato il 15 gennaio 2008.
    «It's only a slight exaggeration to say that the Dynamo side looked like they came from Mars - they wore very dark blue tops and extremely baggy shorts with a blue band round the bottom.».
  74. ^ (EN) Nick Szczepanik, The top 50 football kits, The Times, 26 settembre 2007. URL consultato il 7 gennaio 2008.
  75. ^ (EN) Phil Ball, Morbo: The Story of Spanish Football, WSC Books Ltd, 2003. ISBN 0-9540134-6-8.
    «Indeed, when Don Revie took over at Leeds in the early 1960s he changed their kit from blue and gold to all white, modelling his new charges on the Spanish giants.».
  76. ^ (EN) Uli Hesse-Lichtenberger, The struggle for shirt sponsorship, ESPN, 7 ottobre 2008. URL consultato il 28 aprile 2009.
  77. ^ (EN) Bundesliga 2008/2009 – Clubs, Vermarkter, Sponsoren (PDF), Stuttgarter Zeitung, 2008. URL consultato il 10 maggio 2009.
  78. ^ (EN) Barcelona eyes Beijing shirt deal, BBC, 6 maggio 2005. URL consultato il 24 gennaio 2008.
  79. ^ (EN) Futbol Club Barcelona, UNICEF team up for children in global partnership, UNICEF. URL consultato il 26 agosto 2008.
  80. ^ Qatar Foundation si compra la maglia del Barcellona, 10 dicembre 2010.
  81. ^ (EN) Bruce Caldow, Don't mention the boot war, The Journal. URL consultato il 24 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2008).
  82. ^ (EN) Erik Kirschbaum, How Adidas and Puma were born, The Journal, 8 novembre 2005. URL consultato il 24 gennaio 2008.
  83. ^ Milestones: 1986, hummel International. URL consultato il 16 gennaio 2008.
  84. ^ (EN) Glen Isherwood, Admiral Mysteries, England Football Online, 6 giugno 2005. URL consultato il 28 gennaio 2008.
  85. ^ (EN) English FA Cup Finalists 1990–1999, HistoricalFootballKits.co.uk. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  86. ^ Tom Fordyce, The worst football kits of all time, BBC, 29 aprile 2003. URL consultato il 14 gennaio 2008.
  87. ^ a b (EN) Dominic Raynor, 10 of the worst...football kits, ESPN, 12 luglio 2005. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  88. ^ (EN) Rob Smyth e Paolo Bandini, What's in a number?, The Guardian, 6 settembre 2006. URL consultato il 16 gennaio 2008.
  89. ^ Stuart Roach, Henry gets the message, BBC, 11 settembre 2002. URL consultato il 24 gennaio 2008.
  90. ^ (EN) Fifa limits substitutions, BBC, 28 febbraio 2004. URL consultato il 20 aprile 2009.
  91. ^ (EN) Clubs rapped over kit sales, BBC, 6 agosto 1999. URL consultato il 14 gennaio 2008.
    «The cost of replica kit - and the number of times new versions come on the market - has long been a bone of contention for football fans.».
  92. ^ (EN) Man Utd fined for price fixing, BBC, 1º agosto 2003. URL consultato il 14 gennaio 2008.
  93. ^ (EN) Darragh MacIntyre, The Fake Football Shirt Sting, BBC, 3 marzo 2006. URL consultato il 14 gennaio 2008.
  94. ^ (EN) Beckham sells 250,000 Galaxy shirts before he gets to LA, Reuters UK, 12 luglio 2007. URL consultato il 14 gennaio 2008.
  95. ^ (EN) Record price for PelÈs shirt, BBC, 22 marzo 2002. URL consultato il 17 gennaio 2008.
  96. ^ (EN) Indomitable fashions, BBC, 22 gennaio 2002. URL consultato il 14 gennaio 2008.
  97. ^ (EN) Fifa bans Cameroon shirts, BBC, 9 marzo 2002. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  98. ^ (EN) Cameroon docked six World Cup points for controversial kit, ABC News Australia, 17 aprile 2004. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  99. ^ (EN) Osasu Obayiuwana, Fifa lifts Cameroon sanction, BBC, 21 maggio 2004. URL consultato il 15 gennaio 2008.
  100. ^ (ES) El 'pinganillo' de Raúl, elpais.com, 24 agosto 2005. URL consultato il 5 marzo 2009.
  101. ^ (ES) Macri defendió la camiseta polémica, La Nación, 12 gennaio 2005. URL consultato il 5 marzo 2009.
  102. ^ Foto: la maglia Nike "away" per il centenario, inter.it, 27 maggio 2007. URL consultato il 25 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio