Eptacloro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eptacloro
Struttura dell'eptacloro
Nome IUPAC
1,4,5,6,7,8,8-eptacloro-3a,4,7,7a-tetraidro-4,7-metano-1H-indene
Nomi alternativi
eptacloro
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C10H5Cl7
Massa molecolare (u) 373,32
Aspetto solido bianco
Numero CAS [76-44-8]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,58
Temperatura di fusione 95-96 °C (368-369 K)
Temperatura di ebollizione 390-399 (117-126 °C; 6,5 Pa)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
Tossico Pericoloso in ambiente
Frasi R 24/25-33-40-50/53
Frasi S (1/2)-36/37-45-60-61

L'eptacloro o heptachlor è un insetticida organoclorurato. È uno degli inquinanti organici persistenti per cui il suo uso è proibito in molti paesi.

La sua DL50 è 40-162 mg/kg (nei ratti per via orale). Una dose giornaliera di 50-100 mg/kg sui ratti è stata letale dopo 10 giorni.

L'International Agency for Research on Cancer (IARC), l'ha classificato come "possibile cancerogeno umano" (classe 2B), stessa cosa per l'United States Environmental Protection Agency (EPA).