Episodi di My Little Pony - L'amicizia è magica (prima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questo è un elenco degli episodi della prima stagione di My Little Pony - L'amicizia è magica (My Little Pony: Friendship is Magic); trasmessa in originale dal canale televisivo statunitense The Hub dal 10 ottobre 2010[1], è andata in onda in Italia dapprima su Italia 1, a partire dal 29 agosto 2011[2], e successivamente su Cartoonito (a partire da dicembre 2011).

Gli episodi italiani della prima stagione sono stati mandati in onda divisi in due mezze puntate su Italia 1; per questo motivo, a ogni episodio originale corrispondono due titoli italiani. Gli episodi sono invece stati trasmessi in versione completa su Cartoonito. La stagione conta ventisei episodi da 22 minuti; gli episodi 1 e 2 formano un episodio doppio.

Lista episodi[modifica | modifica sorgente]

Seconda stagione    Arrow Blue Right 001.svg
Episodio Titolo Prima TV
# italiano (parte prima) italiano (parte seconda) originale Stati Uniti Stati Uniti Italia Italia
1 I Preparativi per la Festa del Sole d'Estate Il Ritorno di Nightmare Moon Friendship is Magic, part 1 10 ottobre 2010 0129/30 agosto 2011
2 Alla Ricerca degli Elementi dell'Armonia L'Amicizia è Magica Friendship is Magic, part 2 22 ottobre 2010 0231 agosto/
1 settembre 2011
3 I Biglietti per il Gran Galà Galoppante Una Decisione da Prendere The Ticket Master 29 ottobre 2010 032/5 settembre 2011
4 La Raccolta delle Mele Aiutiamo Applejack Applebuck Season 5 novembre 2010 046/7 settembre 2011
5 Il Grifone Sbruffone Chi la Fa... l'Aspetti! Griffon the Brush Off 12 novembre 2010 058/9 settembre 2011
6 Una Cialtrona in Città Alle Prese con l'Ursa... Minor! Boast Busters 19 novembre 2010 0612/13 settembre 2011
7 La Minaccia del Drago Basta Avere Fiducia! Dragonshy 26 novembre 2010 0714/15 settembre 2011
8 Una Notte tra Amiche Battibecchi tra Pony Look Before You Sleep 3 dicembre 2010 0816/19 settembre 2011
9 Chiacchiere e Pettegolezzi I Malefici di Zecora Bridle Gossip 10 dicembre 2010 0920/21 settembre 2011
10 La Visita di Princess Celestia Amichetti... Invasivi! Swarm of the Century 17 dicembre 2010 1022/23 settembre 2011
11 La Chiusura dell'Inverno Basta Organizzarsi! Winter Wrap Up 24 dicembre 2010 1126/27 settembre 2011
12 L'Importanza del Cutie Mark Non Avere Fretta Piccola Applebloom Call of the Cutie 7 gennaio 2011 1228/29 settembre 2011
13 Competizione L'Amicizia Prima di Tutto Fall Weather Friends 28 gennaio 2011 1330 settembre/
3 ottobre 2011
14 Il Profumo del Successo Il Sogno di Rarity Suited For Success 4 febbraio 2011 144/5 ottobre 2011
15 L'Intuito di Pinkie Alla Ricerca di una Spiegazione Scientifica Feeling Pinkie Keen 11 febbraio 2011 156/7 ottobre 2011
16 Preparazione Atletica L'Arcoboom Sonico Sonic Rainboom 18 febbraio 2011 1610/11 ottobre 2011
17 Operazione Pony-Sitter L'Asso dello Sguardo Stare Master 25 febbraio 2011 1712/13 ottobre 2011
18 Alla Ricerca del Cutie Mark Applausi a Scena Aperta The Show Stoppers 4 marzo 2011 1814/17 ottobre 2011
19 Cani contro Pony Che Caratterino! A Dog and Pony Show 11 marzo 2011 1918/19 ottobre 2011
20 Fluttershy Modella d'Eccezione Questione di Invidia Green Isn't Your Color 18 marzo 2011 2020/21 ottobre 2011
21 Con le Spalle al Muro Un Dolce? Accordo! Over a Barrel 25 marzo 2011 2124/25 ottobre 2011
22 Una Cura per Philamena Sempre Meglio Chiedere A Bird in the Hoof 8 aprile 2011 2226/27 ottobre 2011
23 La Storia dei Simboli di Bellezza Legami Speciali The Cutie Mark Chronicles 15 aprile 2011 2328/31 ottobre 2011
24 La Gelosia di Spike Tutto è Bene ciò che Finisce Bene Owl's Well That Ends Well 22 aprile 2011 241/2 novembre 2011
25 La Festa di Compleanno Missione Segreta Party of One 29 aprile 2011 253/4 novembre 2011
26 Il Gran Galà Galoppante Una Serata Indimenticabile The Best Night Ever 6 maggio 2011 267/8 novembre 2011

Dettagli episodi[modifica | modifica sorgente]

Friendship is Magic, part 1[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): L'Amicizia è Magica - Prima Parte
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Lauren Faust
  • Storyboard: Tom Sales, Mike West, Sherann Johnson, Sam To[3]
Twilight Sparkle, studiosa e leale allieva di Princess Celestia, viene inviata dalla propria mentore a Ponyville assieme al fedele draghetto Spike con il compito di sovrintendere ai preparativi per la Festa del Sole d'Estate; preoccupata per una profezia secondo cui la malvagia Nightmare Moon avrebbe fatto ritorno proprio in occasione di quella festività, dopo mille anni passati in esilio all'interno della luna, Twilight fa comunque del suo meglio per coordinare i preparativi per il dì seguente, incontrando per la prima volta le sue future amiche: Pinkie Pie, Applejack, Rainbow Dash, Rarity e Fluttershy. L'indomani, all'inizio della celebrazione, della principessa Celestia non rimane traccia: fa invece la sua comparsa la minacciosa Nightmare Moon, un unicorno alato dotato di oscuri poteri, la quale preannunzia ai pony la notte eterna.

Friendship is Magic, part 2[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): L'Amicizia è Magica - Seconda Parte
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Lauren Faust
  • Storyboard Tom Sales, Mike West, Sherann Johnson, Sam To[3]:
Consapevole di essere l'unica a conoscenza del potere degli Elementi dell'armonia, Twilight fa ritorno alla biblioteca di Ponyville, luogo destinato per l'occasione al suo alloggio, e viene qui raggiunta dalle altre cinque; l'unicorno rivela loro che il potere degli Elementi era stato in grado di bandire la malvagia Nightmare Moon, e decide di recarsi nel luogo dove erano situati: un diroccato castello all'interno della temuta Everfree Forest. Le altre, decise ad accompagnarla, si rivelano di fondamentale importanza nell'affrontare i pericoli della foresta e le insidie di Nightmare Moon, e permettono a Twilight di trovare i cinque Elementi conosciuti (onestà, lealtà, generosità, gentilezza e risata) sotto forma di sfere di roccia levigate e scolpite; questa si ritrova però a fronteggiare la stessa Nightmare Moon, che da parte sua frantuma le pietre elementali nel tentativo di sbarazzarsene. Ciononostante, Twilight si rende conto che il potere degli Elementi è in realtà racchiuso nelle proprie compagne, che rappresentano lo spirito stesso dei cinque Elementi, e che l'ultimo Elemento, quello della magia, appartiene a lei stessa; unendo i sei poteri, Nightmare Moon viene epurata dal proprio rancore, e assume il suo aspetto originario: quello di Princess Luna, sorella di Celestia, con la quale si riappacifica pentita. Twilight, ormai legata da una forte amicizia verso le altre, ottiene da Celestia di restare a vivere con Spike nella biblioteca di Ponyville, con il compito di "studiare la magia dell'amicizia" e riportare le proprie scoperte in merito alla principessa.

The Ticket Master[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): I Biglietti per il Gran Galà Galoppante
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Amy Keating Rogers, Lauren Faust
  • Storyboard: Alex Basio, Kevin Schimdt[3]
Twilight riceve da Celestia due biglietti per l'esclusivo Gran Galà Galoppante, e le sue amiche iniziano a circondarla di favori nella speranza di ottenerne uno; non volendo scontentare alcuna delle amiche, Twilight, dopo essersi lambiccata a lungo alla ricerca di una soluzione, decide di rispedire i biglietti alla principessa, preferendo rinunciare al Galà piuttosto che prendervi parte senza le altre. Con sua grande sorpresa, a questo punto, Celestia le spedisce subito altri biglietti per le sue amiche e per Spike.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: una delle gioie dell'amicizia è condividere ciò che si possiede, ma quando non si possiede abbastanza da condividere, aver più dei tuoi amici può far star molto male.

Applebuck Season[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): La Raccolta delle Mele
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Amy Keating Rogers
  • Storyboard: Sherann Johnson, Mike West[3]
Applejack, non potendo contare sull'aiuto del fratello infortunato, decide di affrontare da sola la raccolta annuale delle mele. Il duro lavoro mette alla prova le sue abitualmente rinomate capacità, causando incidenti di varia natura ai cittadini di Ponyville; Twilight, dopo aver invano offerto il proprio aiuto all'orgogliosa Applejack - determinata a dimostrare a tutti di potercela fare da sola - si spazientisce e si reca da lei un'ultima volta, decisa a far valere le proprie ragioni. Questa volta Applejack, ormai stremata dal troppo gravoso incarico e consapevole dei problemi da lei causati agli altri pony, accetta di buon grado l'aiuto delle amiche, e riesce finalmente a completare la raccolta delle mele.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: l'amicizia non è solo sapersi donare agli amici, ma anche accettare ciò che gli amici hanno da offrire.

Griffon the Brush Off[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Il Grifone Sbruffone
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Cindy Morrow
  • Storyboard: Tom Sales, Sam To[3]
Pinkie e Rainbow Dash scoprono di avere in comune la passione per le burle, e iniziano a farne di tutti i colori; un giorno, recatasi da Rainbow per organizzare altri scherzi, Pinkie la trova in compagnia di un grifone femmina, che si rivela essere Gilda, un'ex-compagna di Rainbow Dash al campo di volo. Pur comportandosi amichevolmente con Dash, Gilda si dimostra ostile nei confronti di Pinkie e degli altri pony, finché Pinkie decide di reagire a suo modo: organizzarle una festa di benvenuto. Gilda, già insospettita dall'insolita reazione di Pinkie, cade in preda all'esasperazione dopo esser stata vittima di una serie di scherzi, e accusa il pony di aver ordito quel party per farle fare una figuraccia; Rainbow Dash, prendendo le difese di Pinkie Pie, rivela però a un'incredula Gilda di aver preparato ella stessa tutte quelle burle, e la taccia di cattivo comportamento nei confronti delle sue nuove amiche, causandone l'irato allontanamento.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: è difficile accettare che un maleducato qualsiasi rubi le attenzioni di un pony a cui tieni molto, ma se non è possibile decidere chi può frequentare i tuoi amici, puoi sempre controllare il tuo atteggiamento, e non farti influenzare. E la differenza tra un vero e un falso amico prima o poi salta fuori.

Boast Busters[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Una Cialtrona in Città
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Chris Savino
  • Storyboard: Kevin Schmidt, Alex Basio[3]
A Ponyville arriva un unicorno che si presenta come "la grande e formidabile Trixie" e si vanta di essere il pony più magico di tutta Equestria, guadagnandosi l'antipatia delle amiche di Twilight. Sfidando gli altri pony a dimostrare di essere migliori di lei, Trixie arriva a umiliare Applejack, Rainbow Dash e Rarity sabotando le loro esibizioni con la magia; Twilight invece, temendo il risentimento delle amiche, si astiene dallo sfoggiare le proprie doti magiche. Avendo sentito Trixie vantarsi di essere riuscita una volta a battere una terribile Ursa Major, Snips e Snails decidono di andare a risvegliarne una nella speranza di assistere a una spettacolare battaglia magica, ma scatenano involontariamente la bestia su Ponyville mettendo alle strette Trixie, che si rivela una bugiarda e impotente di fronte all'Ursa. Solo l'intervento di Twilight calma le bestia, che l'unicorno rivela essere solo un'Ursa Minor, cioè un cucciolo. Twilight, dopo aver confessato di non aver usato la magia per timore d'essere considerata una sbruffona al pari di Trixie, viene rassicurata dalle amiche, che le spiegano che non c'è nulla di male ad avere talento... solo a vantarsene troppo. Umiliata, Trixie scappa via con la coda fra le gambe.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: è giusto essere fieri del proprio talento, e ci sono momenti in cui bisogna esibirlo. Soprattutto per dare una mano ai propri cari.

Dragonshy[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): La Minaccia del Drago
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Meghan McCarthy
  • Storyboard: Sabrina Alberghetti, Nicole Wang[3]
Twilight e le sue amiche hanno il compito di risvegliare un grosso drago, addormentato in cima a una montagna, il cui russare produce un fumo che minaccia di oscurare Ponyville. Il gruppo si organizza per la missione, ma si trova ad avere delle difficoltà a causa di Fluttershy che, in preda al terrore, rallenta la salita rifiutandosi di volare e causando persino una frana. Solo una volta arrivati in cima Fluttershy confessa di avere una paura enorme dei draghi, scombinando così i piani di Twilight che contava sulla sua bravura con gli animali per tentare di parlamentare col drago. Twilight, Rarity e Pinkie Pie cercano inutilmente di convincere il drago, finché Rainbow Dash non lo colpisce sul muso causandone l'ira. Vedendo le amiche in pericolo, Fluttershy si fa coraggio e affronta il drago muso a muso, arrivando addirittura a farlo piangere e convincedolo ad andare a dormire da un'altra parte.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: non perdere mai la fiducia negli amici: sono una fonte preziosa di energia, e possono aiutarci a superare anche le paure peggiori.

Look Before You Sleep[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Una Notte tra Amiche
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Charlotte Fullerton
  • Storyboard: Francisco Avalos, Mike West[3]
Durante un temporale, Twilight invita Applejack e Rarity a casa sua per un pigiama party. Nonostante le due non vadano molto d'accordo, decidono di accettare per ripararsi dall'acquazzone e per non deludere le aspettative di Twilight; questa, eccitata per il suo primo pigiama party, inizia a seguire passo passo i consigli di un manuale, ma i continui battibecchi tra le due ospiti finiscono con il rovinare la festa. Quando però un albero, colpito da un fulmine, precipita sulla casa, le due pony si decidono a scusarsi l'un l'altra per la propria inimichevole condotta, e collaborano per sgombrare la casa di Twilight.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: accettando le proprie diversità si può trovare il modo di volersi bene.

Bridle Gossip[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Chiacchiere e Pettegolezzi
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Amy Keating Rogers
  • Storyboard: Sherann Johnson, Sam To[3]
La misteriosa zebra Zecora, a causa dell'aspetto e del fatto che vive nella Everfree Forest, viene considerata una strega ed evitata da tutti gli abitanti di Ponyville. Mentre Twilight cerca inutilmente di convincere le amiche dell'infondatezza dei loro pregiudizi, la piccola Apple Bloom segue Zecora nella foresta. Quando Applejack e le altre vanno a recuperarla, Zecora si rivolge a loro in modo enigmatico, e il dì seguente le sei amiche manifestano bizzarri cambiamenti nel proprio corpo. Apple Bloom, sentendosi in colpa, si reca nella foresta in cerca di Zecora, costringendo gli altri pony ad andare di nuovo a cercarla, e, vedendo la dimora della zebra e assistendo ai suoi esotici rituali, persino Twilight arriva a credere che si tratti di una strega; tuttavia, dopo aver fatto irruzione in casa sua, Twilight e le altre scoprono che Zecora è semplicemente un'esperta delle proprietà delle piante, e che le aveva messe in guardia contro i fiori di "quercia scherzosa" (poison joke) che, calpestati da loro il giorno prima, avevano causato loro gli strani sintomi. Chiarite le cose, fanno tutti ritorno a Ponyville, dove Zecora viene finalmente introdotta ai cittadini.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: mai giudicare un libro dalla copertina. Prima di considerare strani gli altri per il loro aspetto esteriore dovremmo cercare di conoscerli. Agli amici veri non importa come tu appari: è quello che hai dentro che conta, e un buon amico, come un buon libro, dura per sempre.

Swarm of the Century[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): La Visita di Princess Celestia
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: M. A. Larson
  • Storyboard: Tom Sales, Lih Liau[3]
Twilight è indaffarata con i preparativi per la visita di Princess Celestia. Fluttershy trova uno strano esserino ai confini dell'Everfree Forest, e quando fa per mostrarlo alle amiche si accorge che ne sono apparsi altri come dal nulla. Rarity, Rainbow e Twilight, a causa dell'aspetto adorabile delle creature, si affrettano ad adottarne uno ciascuna. Pinkie Pie, al contrario, si mostra schiva nei confronti delle creature, che chiama "paraspiritelli", e inizia subito a cercare, apparentamente senza motivo, strumenti musicali. Ben presto i paraspiritelli si dimostrano capaci di moltiplicarsi rapidamente e cominciano a creare problemi: Twilight e le altre tentano, senza successo, di riportarli nella foresta, mentre Pinkie continua a chiedere invano il loro aiuto nella ricerca degli strumenti. La situazione peggiora quando Twilight, per contrastare la loro voracità, li rende accidentalmente capaci di divorare qualsiasi materiale - tranne il cibo. Ponyville si trova così nel caos ed è Pinkie Pie a salvare la situazione: i paraspiritelli, infatti, seguono la polka da lei suonata fino a fuori la città e nella foresta; giusto in tempo per la visita di Celestia, che si congratula con Twilight per quella che crede una parata in suo onore.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: a volte la soluzione ai problemi può avere una forma inaspettata ed è buona norma ascoltare le opinioni e i punti di vista degli amici... anche quando sembrano del tutto irragionevoli.

Winter Wrap Up[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): La Chiusura dell'Inverno
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Cindy Morrow
  • Storyboard: Kenny Park, Alex Basio (canzone: Jocelyn Theissen)[3]
Twilight Sparkle vuola partecipare alla annuale cerimonia di "Chiusura dell'Inverno" di Ponyville, cioè i lavori - tradizionalmente svolti senza l'uso di magia - per il passaggio dall'inverno alla primavera. Ogni pony è organizzato in diverse squadre, ognuna con una mansione diversa: chi si occupa di sgombrare i cieli e riportare a casa gli uccelli migratori, chi di liberare il terreno dalla neve e seminare, chi di svegliare gli animali dal letargo e chi di rompere il ghiaccio del lago. Purtroppo, i tentativi di Twilight sono un disastro dietro l'altro e l'unicorno finisce per farsi scoprire mentre si aiuta con la magia. Sconsolata per la propria inadeguatezza, Twilight si accorge però che le diverse squadre non fanno che ostacolarsi a vicenda rallentando così i lavori; l'unicorno decide quindi di mettere la sua capacità organizzativa al servizio degli altri pony, e i lavori vengono portati a termine in tempo per la prima volta da anni.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: tutti abbiamo dei talenti nascosti, e basta avere pazienza e perseveranza per scoprirli.

Call of the Cutie[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): L'Importanza del Cutie Mark
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Meghan McCarthy
  • Storyboard: Sabrina Alberghetti, Nicole Wang[3]
Dopo aver visto un altro suo pony guadagnare il suo cutie mark, Apple Bloom (sorella di Applejack) diventa preoccupata del fatto di non riuscire a trovare il suo talento nascosto, sentendosi così isolata dalla sue compagne. Per paura di essere presa in giro alla festa di Diamond Tara e Silver Spoon, Apple Bloom chiede aiuto a sua sorella e alle sue amiche per ottenere in fretta il cutie mark prima della festa. Ma ogni tentativo si rivela infruttuoso e il piccolo pony si ritrova alla festa cercando di coprire il suo "fianco bianco". Scoperta, la piccola si trova a essere difesa dalle contumelie di Diamond Tiara da altre due pony, Scootaloo e Sweetie Belle, anch'esse "fianchi bianchi"; divenute subito amiche, le tre fondano il gruppo delle Cutie Mark Crusaders ("crociate del cutie mark") con lo scopo di scoprire i loro talenti nascosti.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: a volte, quello che pensiamo possa farci perdere gli amici e farci sentire esclusi in realtà può essere ciò che dà origine a un'amicizia solida, che ci fa capire quanto siamo speciali.

Fall Weather Friends[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): L'Amicizia Prima di Tutto
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Amy Keating Rogers
  • Storyboard: Andy Bartlett, Francisco Avalos[3]
Quando Applejack batte Rainbow Dash al lancio dei ferri di cavallo, quest'ultima non riesce ad accettare la sconfitta e sfida Applejack a una serie di sfide fisiche per dimostrare chi dei due sia il pony più atletico; ha così luogo una gara di "pony-resistenza" (Iron Pony Competition). Quando Rainbow Dash è accusata di barare per aver fatto ricorso alle ali, Applejack la sfida a partecipare alla "Corsa delle Foglie" - annuale maratona in cui i pony corrono attraverso una foresta allo scopo di far cadere più rapidamente le foglie secche autunnali - senza adoperare le ali. Anche Twilight decide di partecipare; le due pony si fanno prendere eccessivamente dalla competizione e arrivano a barare entrambe. Alla fine, a causa del loro modo di gareggiare, le due si posizionano ultime, e all'arrivo di Celestia comprendono il proprio errore e se ne scusano.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: a volte capita di lasciarsi trascinare nell'entusiasmo della competizione, ma quello che conta veramente è non dimenticare mai che l'amicizia conta più di una gara vinta.

Suited For Success[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Il Profumo del Successo
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Charlotte Fullerton
  • Storyboard: Sherann Johnson, Mike West[3]
Rarity decide di creare i vestiti per tutte le sue amiche da indossare al Gran Galà Galoppante, e tenere una sfilata di moda per presentarli. Tuttavia, dopo aver constatato che i suoi primi modelli non risultano molto graditi alle amiche, Rarity li modifica cercando di assecondare tutte le loro richieste pur di far loro piacere. I modelli che ne vengono fuori sono orribili e la sfilata si rivela un fallimento, e causa un duro colpo alla sua carriera, dal momento che vi assiste anche il rinomato critico di moda Hoity Toity. Capendo di aver esagerato, Twilight e le altre realizzano un vestito per Rarity seguendo i suoi bozzetti iniziali. Successivamente, esse mettono in piedi una seconda sfilata personale per Hoity Toity, mostrandogli i vestiti originali che Rarity aveva concepito per loro, ottenendo così i suoi elogi per la bravura di Rarity.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: cercando di compiacere gli altri spesso si finisce per non soddisfare nessuno, soprattutto sé stessi. E se un pony si offre di farti un favore confezionandoti un abito stupendo, non bisogna essere supercritici su un gesto tanto generoso. In altre parole, a caval donato non si guarda in bocca!

Feeling Pinkie Keen[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): L'Intuito di Pinkie
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Dave Polsky
  • Storyboard: Scott Underwood, Tom Sales[3]
Twilight viene a sapere che Pinkie Pie ha una capacità insolita nel prevedere degli eventi nell'immediato futuro a partire da diverse combinazioni di gesti involontari del suo corpo. Non riuscendo a spiegarsi da dove arrivi quest'abilità, Twilight si sente indispettita e comincia a spiare Pinkie per scoprire la verità, ma finisce solo per farsi male ripetutamente. A un certo punto, Pinkie avverte che sta per succedere un fatto "straordinario" (doozy) al Quartiere delle Rane e, dato che Fluttershy si trova lì, raggiunge il posto insieme a Twilight, Spike e Applejack. Dopo aver trovato Fluttershy, il gruppo viene attaccato da un'idra da cui riescono a salvarsi in maniera rocambolesca. Quando Pinkie rivela però che non era l'idra l'avvenimento straordinario, Twilight monta su tutte le furie, per poi darsi per vinta e accettare il fatto che Pinkie possiede della capacità inspiegabili: a quel punto, Pinkie capisce che il fatto straordinario da lei presagito era proprio l'accettazione da parte di Twilight di questa sua abilità.
  • Rapporto di Twilight sull'amicizia: a questo mondo ci sono cose meravigliose che non si possono spiegare, ma questo non significa che non siano vere. Vuol dire, invece, che bisogna decidere di crederci, e a volte serve un'amica che ci indichi la strada.

Sonic Rainboom[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): L'Arcoboom Sonico
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: M. A. Larson
  • Storyboard: Alex Basio, Kenny Park[3]
Rainbow Dash è nervosa per via della sua prossima partecipazione alla gara, che si tiene a Nuvola City, come migliore giovane aviatrice; gara che prevede per chi vince una giornata insieme ai Wonderbolts. Rainbow Dash punta a stupire tutti usando l'arco-boom sonico (un'acrobazia che prevede il raggiungimento di una velocità elevatissima creando al tempo stesso un arcobaleno), ma non riesce a ricrearlo negli allenamenti. Per non lasciare solo Fluttershy a sostenerla, Twilight raggiungono la città tramite gli incantesimi dell'unicorno. A causa di uno di essi a Rarity crescono delle bellissime ali da farfalla che attirano l'attenzione di tutti i pegasus pony e la sua vanità la porta a partecipare anche lei alla gara facendo così ancora più innervosire Rainbow Dash. Durante la gara però Rarity esagera e le ali si sciolgono e solo l'intervento di Dash la salva (insieme ai Wonderbolts che avevano tentato di intervenire) riuscendo a compiere un arco-boom sonico e vincendo così la gara.
  • Rapporto di Rarity sull'amicizia: è importante restare con gli zoccoli per terra ed esserci sempre per gli amici.

Stare Master[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): L'Asso dello Sguardo
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Chris Savino
  • Storyboard: Sabrina Alberghetti, Nicole Wang[3]
Quando Rarity si trova sommersa di lavoro, Fluttershy si offre di ospitare le Cutie Mark Crusaders per un pigiama party convinta che sarà facile prendersi cura di loro come fa di solito con gli animali. Una volta arrivate a casa, Fluttershy però scopre che non è semplice dato che le tre piccole pony sono molto esuberanti ed arrivano a far svegliare tutte le galline quando cerca di farle dormire. Scoperto che una delle galline si è inoltrata nella Everfree Forest, le Cutie Mark Crusaders la seguono in cerca di avventure. Fluttershy, svegliatasi poco dopo a causa del troppo silenzio, le segue e trova la sua amica Twilight completamente pietrificata capendo che c'è in giro la coccatrice (un mostro metà drago e metà gallina che pietrifica con lo sguardo). Il mostro attacca infatti il trio di pony e solo l'intervento di Fluttershy le salva sconfiggendo il mostro in una guerra di sguardi e costringendolo anche a liberare Twilight.

The Show Stoppers[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Applausi a Scena Aperta
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Cindy Morrow
  • Storyboard: Scott Jeralds, Francisco Avalos (canzone: Jocelyn Theissen)[3]
Applejack regala alle Cutie Mark Crusaders la sua vecchia casa sull'albero che le tre che trasformano nel loro quartier generale. Il trio di pony ricomincia così con i suoi tentativi di ottenere il cutie mark, ma ognuno si rivela un fiasco dietro l'altro. Le tre decidono allora di iscriversi allo show per giovani talenti realizzando un numero musicale. Ognuna di esse però, nella preparazione, finisce per fare quello per cui è portata un'altra: Scootaloo il canto, Sweetie Belle le scenografie ed Applebloom la danza. Il loro numero musicale si rivela un fiasco, ma viene scambiato per un numero comico che gli vale comunque un premio che fa credere alle tre di essere portate per la commedia. Così continuano a non rendersi conto dei loro talenti nonostante Twilight cerchi di far loro capire commentando alla fine che c'è ancora tempo.

A Dog and Pony Show[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Cani contro Pony
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Amy Keating Rogers
  • Storyboard: Mike West, Sherann Johnson[3]
Quando Rarity va a cercare dei gioielli (con l'aiuto di Spike) per adornare dei vestiti che le hanno ordinato, viene rapita e da un gruppo di cani conosciuti come i Cani Stana-diamanti attirati dalla capacità dell'unicorno di scovare i diamanti nel sottosuolo. Non riuscendo a salvarla, Spike avverte Twilight e le altre e nonostante le difficoltà riescono ad entrare nelle grotte utilizzando un gioiello come esca. Nel frattempo Rarity viene costretta a lavorare come schiava dei tre cani, ma le sue continue lamentele e piagnistei finiscono per far impazzire i suoi rapitori. Quando alla fine arrivano le altre, dopo avere sconfitto le guardie, sono gli stessi cani a ridare loro Rarity insieme a tutti i diamanti trovati nel frattempo dimostrando così che non è così indifesa come sembra.

Green Isn't Your Color[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Questione di Invidia
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Meghan McCarthy
  • Storyboard: Tom Sales, Sam To[3]
Sapendo che una famosa fotografa di moda, Photo Finish, verrà a fare un servizio fotografico nel suo negozio, Rarity convince Fluttershy a farle da modella, sperando così in un trampolino di lancio per diventare una stilista di alta classe. Tuttavia Photo Finish mostra molto più interesse verso la pegaso che verso Rarity, scatenando la gelosia di quest'ultima. Fluttershy diventa rapidamente molto famosa grazie alla sua graziosità. Nel frattempo Twilight Sparkle, con l'aiuto di Pinkie Pie che salta fuori sempre all'improvviso a controllarla, cerca di mantenere tutti i segreti a lei affidati. Rarity che nasconde la sua gelosia incoraggiando Fluttershy a continuare a fare la modella; Fluttershy che nel profondo odia essere una modella a causa del suo successo e continua a farlo solo su richiesta di Rarity, e Spike che ha una cotta per Rarity. Al termine della puntata, le due amiche si riconciliano e Fluttershy finalmente rinuncia alla carriera mentre Twilight si lascia scappare il "segreto" di Spike.

Over a Barrel[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Con le Spalle al Muro
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Dave Polsky
  • Storyboard: Kenny Park, Lih Liau[3]
Le sei pony sono in viaggio per trasportare Bloomberg, l'albero di mele preferito di Applejack, alla cittadina di frontiera Appleloosa, sviluppatasi in un solo anno di insediamento e di cui i cittadini sono molto orgogliosi. Tuttavia durante il tragitto una mandria di bisonti attacca il treno, coinvolgendo così le sei amiche in una controversia tra i pony coloni e i bisonti, che sostengono di essere nativi di quella terra. Sembra che i pony, infatti, si siano appropriati dei territori di calca su cui i bisonti erano soliti correre ogni anno da generazioni. La situazione si fa critica quando il capo dei bisonti Thunderhooves decide che il giorno dopo, a mezzogiorno in punto, la sua mandria correrà attraverso il meleto, distruggendolo se i pony non l'avranno già tolto, e da lì alla cittadina, devastandola. Appleloosa si prepara così al contrattacco. Tuttavia, al termine dell'episodio, pony e bisonti giungono ad un compromesso: i bisonti permetteranno al meleto di restare a patto di una parte della frutta.

A Bird in the Hoof[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Sempre Meglio Chiedere
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Charlotte Fullerton
  • Storyboard: Sabrina Alberghetti, Nicole Wang[3]
Nel corso di una visita della Principessa Celestia allo Sugarcube Corner, Fluttershy incontra Filomena, l'uccellino domestico della principessa, e, vedendola in uno stato di salute pietoso, decide di portarsela a casa senza farsi notare, sperando così di curarla. Tuttavia ogni metodo adottato da Fluttershy si rivela inutile, in quanto Filomena è impossibile da trattare. Persino con l'aiuto di Twilight, molto meno pietosa della pegaso gialla, l'uccellino si ostina a peggiorare sempre di più e scappa via dalle due pony. Le cose si complicano quando Celestia e le Guardie Reali si accorgono che Filomena è sparita. Quando poi sia le Guardie che le due amiche assistono alla morte di Filomena, la situazione si fa critica. Tuttavia, Celestia rassicura l'unicorno e la pegaso dicendo che Filomena in realtà è una fenice, e come tale ogni tanto si trasforma in cenere e poi risorge più bella che mai.

The Cutie Mark Chronicles[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): La Storia dei Cutie Mark
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: M. A. Larson
  • Storyboard: Big Jim Miller, Francisco Avalos[3]
Dopo averne provate di tutti i colori per cercare di ottenere i loro Cutie Mark, le Cutie Mark Crusaders, sotto decisione di Scootaloo, decidono di ascoltare la storia di come Rainbow Dash abbia ottenuto il suo Cutie Mark, sperando di poterne trarre ispirazione. Durante la strada, s'imbattono anche nelle amiche della pegaso azzurra, venendo così a conoscenza anche delle loro storie. Scoprono così che tutte le storie sono collegate da un unico evento: il Sonic Rainboom di Rainbow Dash

Owl's Well That Ends Well[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Tutto è Bene ciò che Finisce Bene
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Cindy Morrow
  • Storyboard: Mike West, Sherann Johnson[3]
Spike è l'assistente numero 1 di Twilight Sparkle, come l'unicorno lo definisce, però è ancora un cucciolo, e pertanto non può svolgere tutti i compiti che gli assegna Twilight dato che ha bisogno di riposarsi. Così l'unicorno viola stringe amicizia con Gufolisio, un gufo conosciuto durante una notte. Spike, già preoccupato a causa del fatto di aver accidentalmente distrutto un libro della pony, comincia a temere che Gufolisio voglia prendere il suo posto. Arriva così ad inscenare qualcosa per incastrare il gufo, ma Twilight non se la beve, e Spike si mette così in testa che la pony non gli voglia più bene. Il draghetto scappa via rifugiandosi in una grotta dove però viene attaccato da un drago enorme. Spike viene salvato appena in tempo da Twilight e Gufolisio con l'unicorno a spiegargli che nessuno potrà mai prendere il suo posto e Spike fa pace anche con il gufo.

Party of One[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): La Festa di Compleanno
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Meghan McCarthy
  • Storyboard: Tom Sales, Sam To[3]
Il giorno dopo aver celebrato il primo compleanno di Gummy, il suo alligatore, Pinkie Pie invita tutte le sue amiche ad una "Festa di Dopo-Compleanno", tuttavia ognuna declina inventandosi delle scuse per non parteciparvi. Dopo aver preso parte ad una missione di spionaggio, Pinkie Pie comincia a credere all'idea che nessuna delle altre cinque pony voglia essere più sua amica, e fa emergere il lato ombroso della sua personalità arrivando a fare una festa per conto suo con degli amici immaginari. Alla fine, però, si scopre che le altre evitavano Pinkie Pie perché le stavano organizzando una festa per il suo compleanno di cui si era dimenticata. Il pony rosa ritorna così nel suo stato normale e si scusa con le amiche per aver dubitato di loro.

The Best Night Ever[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo italiano (Cartoonito): Una Serata Indimenticabile
  • Regia: James Wootton
  • Sceneggiatura: Amy Keating Rogers
  • Storyboard: Kenny Park, Lih Liau (canzone: Jocelyn Theissen)[3]
La notte del Gran Galà Galoppante è arrivata, e Twilight Sparkle e tutte le sue amiche vi partecipano sperando di realizzare i propri sogni. Rarity si augura di trovarvi il suo principe azzurro, Rainbow Dash di poter passare del tempo coi Wonderbolts, Applejack di poter vendere i suoi prodotti a base di mele, Fluttershy di poter fare amicizia con tutti gli animaletti del giardino di Canterlot e Pinkie Pie di realizzare un grande party, mentre Twilight spera di poter parlare un po' da sola con Celestia. Tuttavia le cose non vanno esattamente come previsto, e la situazione scivola inarrestabilmente verso il caos più totale. Al termine dell'episodio, Celestia confida alle altre che l'averle invitate era un modo per rendere più vivace il formale Galà, a lei noiosissimo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Brian Stelter, A Children's Channel Retools in The New York Times, 10 ottobre 2010. URL consultato il 13 agosto 2012.
  2. ^ "My Little Pony - L'amicizia è magica", Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 28 dicembre 2011.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z Raven Molisee ("MutatingRaven"), MLP:FIM Seasons 1 & 2 Board Artist break-down in deviantART, 23 febbraio 2012. URL consultato il 3 gennaio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]