Episodi di Homeland - Caccia alla spia (prima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Homeland - Caccia alla spia.

HomelandLogo.png

La prima stagione della serie televisiva Homeland - Caccia alla spia è stata trasmessa in prima visione negli Stati Uniti d'America dal canale via cavo Showtime dal 2 ottobre al 18 dicembre 2011. Prima del debutto televisivo, l'episodio pilota era stato distribuito online dal 13 settembre 2011.[1]

In Italia la stagione è stata trasmessa in prima assoluta dal canale satellitare Fox dal 6 febbraio al 16 aprile 2012.[2] L'episodio pilota è stato trasmesso in chiaro da Cielo il 21 aprile 2012.[3]

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Pilot Eroe di guerra 2 ottobre 2011 6 febbraio 2012
2 Grace Sorvegliato speciale 9 ottobre 2011 6 febbraio 2012
3 Clean Skin Insospettabile 16 ottobre 2011 13 febbraio 2012
4 Semper I L'incontro 23 ottobre 2011 20 febbraio 2012
5 Blind Spot Faccia a faccia 30 ottobre 2011 27 febbraio 2012
6 The Good Soldier La macchina della verità 6 novembre 2011 5 marzo 2012
7 The Weekend Il weekend 13 novembre 2011 12 marzo 2012
8 Achilles Heel Tallone d'Achille 20 novembre 2011 19 marzo 2012
9 Crossfire Fuoco incrociato 27 novembre 2011 26 marzo 2012
10 Representative Brody Un nuovo incarico 4 dicembre 2011 2 aprile 2012
11 The Vest Il giubbotto 11 dicembre 2011 9 aprile 2012
12 Marine One Tiratore scelto 18 dicembre 2011 16 aprile 2012

Eroe di guerra[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Eroe di guerra (episodio).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'agente della CIA Carrie Mathison sospetta che il ritorno, dopo otto anni di prigionia in Iraq, del sergente marine Nicholas Brody abbia a che fare con un piano ben studiato dal leader terrorista Abu Nazir di attaccare gli Stati Uniti d'America.

Sorvegliato speciale[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Carrie Mathison può portare avanti per altre quattro settimane, grazie ad un ordine della corte, la sorveglianza del Sergente Nicholas Brody; questa però non è completa perché non vi sono telecamere all'interno del suo garage, dove Brody inizia segretamente il suo rito di preghiera islamica. Carrie nel frattempo riceve informazioni da un'infiltrata riguardanti un incontro segreto fra il membro di al-Qaida Abu Nazir ed il Principe dell'Arabia Saudita. Nel frattempo Mike riceve l'ordine dai suoi superiori di convincere Brody a rilasciare interviste alla stampa, propaganda necessaria ai fini della guerra; inizialmente il sergente si rifiuta, in seguito deciderà di indossare la divisa e "recitare" la parte dell'eroe.

Insospettabile[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'adattamento di Nicholas Brody all'interno della sua famiglia finalmente procede per il verso giusto; in concomitanza con un'intervista familiare, Dana rivela a sua madre di sapere della sua storia con Mike. Pur pregando la figlia di tacere, la ragazza è determinata a rivelare la verità; solamente un discorso del padre le farà cambiare idea per il bene della famiglia. Lynne Reed, intenta a copiare i dati dal cellulare del principe Farid Bin Abbud, è quasi scoperta dallo stesso che dopo poco le regala una preziosa collana di diamanti. La CIA nel frattempo analizza i dati copiati da Lynne cercando delle informazioni su una possibile transazione di denaro tra il principe e Abu Nazir, non trovando però nulla; non avendo un team che protegga Lynne, Carrie, insieme a Virgil, cerca di rintracciare la ragazza e farle da supporto per un misterioso incontro che la ragazza è obbligata a fare, i due però arrivano tardi e trovano Lynne uccisa in un vicolo. L'assassino di Lynne l'ha derubata della preziosa collana di diamanti e, come ipotizza Saul, questa potrebbe essere la famosa "transazione" che cercavano che però non coinvolge il principe, alquanto provato dalla morte di Lynne. Il ricavato della vendita della collana è infatti usato per acquistare una casa in prossimità di un aeroporto da una giovane coppia.

L'incontro[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Brody allude, sia in presenza di Mike che della moglie, al rapporto "speciale" che i due hanno maturato durante gli anni della sua assenza facendo così sospettare ai due che ha intuito la loro relazione segreta; nel frattempo l'immagine pubblica di Brody è sempre più in ascesa a tal punto che si pensa ad una sua possibile carriera politica. Nel frattempo, non avendo trovato delle prove che incolpino Brody, Carrie è costretta a rimuovere tutte le telecamere nascoste nell'appartamento di questo, essendo scaduto inoltre il suo permesso per spiarlo; nell'abitazione Carrie si reca nel garage, dove non vi era alcuna telecamera e trova il materassino per la preghiera ed il piatto che Brody usa per il rituale di purificazione prima della preghiera, l'agente però non intuisce alcuna connessione tra gli oggetti. Nel frattempo a Langley, seguendo la collana rubata a Lynne, la CIA giunge ad una cinquantina di sospettati che, entrando in una lavanderia, possono aver ritirato il denaro equivalente alla vendita della collana e tra questi c'è Raqim Faisel, l'uomo che ha comprato insieme alla moglie un'abitazione nei pressi dell'aeroporto; Carrie e il collega Danny lo seguono ma l'uomo non rientra in casa vedendo la bandiera americana esposta da una delle sue finestre, ovvero un messaggio in codice, datogli dalla moglie tempestivamente avvisata da una telefonata, che gli segnala che è seguito. Questo consente a Faisel di uscire dalla lista dei sospettati; nel frattempo il comportamento di Brody, che uccide un cervo sparandogli durante una cena tra amici, allarma Jessica che gli suggerisce di andare in terapia se non vuole che il loro rapporto finisca. Il giorno seguente Brody si reca ad un incontro di supporto per i veterani dove si imbatte in Carrie che finge di essere anche lei lì e, prima di andar via, con una breve chiacchierata, instaura una connessione tra loro grazie alla loro comune esperienza sul campo di guerra.

Faccia a faccia[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La CIA prende in custodia Afsal Hamid, unico sopravvissuto al raid iracheno fatto in occasione del ritrovamento e salvataggio del sergente Brody; durante l'interrogatorio dell'uomo, effettuato da Saul, Brody deve assistere e fornire loro informazioni utili a convincere l'uomo a parlare dei piani in atto di Abu Nazir. Il sergente comunica all'agente Carrie che l'uomo in custodia era il suo guardiano da cui ha subito innumerevoli vessazioni nel corso della sua prigionia; dopo essere stato lasciato nella stanza e privato del sonno, Afsal Hamid, stremato e con l'intento di proteggere la sua famiglia, fornisce a Carrie e Saul un indirizzo e-mail cui passa dei messaggi e si riserba di dare loro altre informazioni nell'attesa che la sua famiglia venga portata al sicuro. L'indirizzo e-mail conduce nuovamente la CIA sulle tracce del professore universitario Raqim Faisel, che in precedenza avevano seguito in macchina senza però ottenere risultati; l'uomo è sparito senza lasciare alcuna traccia. Il sergente Brody si reca da Estes e lo prega di permettergli di incontrare l'uomo tenuto in custodia, per avere un faccia a faccia con lui dopo gli anni di prigionia in modo da andare avanti con la sua vita un po' più sereno e chiudere con il passato; durante l'incontro i due si azzuffano buttandosi a terra per poi essere prontamente separati dalle guardie. Questo incontro con l'uomo in custodia, di cui Brody ovviamente non può discutere con la sua famiglia per via della segretezza, non consente a Brody di vedere la finale di karate di suo figlio Chris; il ragazzo deluso è accomagnato da Mike che, ancora una volta, sostituisce suo padre, cosa che crea gelosia in Brody. In attesa dell'autorizzazione ad entrare in casa del sospetto Raqim Faisel, Carrie riceve telefonicamente la notizia della morte di Afsal Hamid; l'uomo ha utilizzato un frammento di lama di rasoio per tagliarsi la gola. Dopo anche il fallito tentativo di trovare Raqim Faisel nella sua abitazione nei pressi dell'aeroporto priva di ogni traccia della sua presenza, Carrie si reca a casa di Saul perché venuta a conoscenza dell'incontro tra Brody e Afsal Hamid; la donna mostra a Saul la registrazione dell'incontro tra i due e di come è certa che il sergente abbia fornito la lametta all'uomo con il pretesto del loro litigio buttandosi nell'unico "punto cieco" della stanza non osservato dalle telecamere. Carrie e Saul litigano ancora una volta sulla questione di Brody poiché l'uomo continua a dire all'agente che, non avendo ancora una prova effettiva del doppio gioco del sergente, non possono rivelare i loro sospetti ai loro superiori.

La macchina della verità[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Carrie propone di effettuare il test del poligrafo a tutte le persone venute in contatto con Afsal Hamid, tra cui anche Brody, in modo da incastrare finalmente il sergente per il suo doppio gioco, certa che l'uomo non superi il test. Nel frattempo le ricerche di Raqim Faisel procedono e Saul interroga una vicina di casa dell'uomo che lo informa che Faisel viveva nell'abitazione con una donna. Raqim e Aileen, in fuga, si recano nel loro rifugio sicuro che però sono costretti ad abbandonare precipitosamente non appena notano la presenza di una bomba il cui innesco è collegato all'apertura della porta dell'abitazione; dopo aver capito di essere sotto la minaccia, oltre che della CIA, anche di al-Qaeda, discutono sul da farsi; ma, nonostante l'insistenza di Raqim di costituirsi, Aileen sembra essere determinata a continuare la fuga. A Langley la donna viene subito identificata e, guardando nel suo passato, la CIA scopre che Aileen ha vissuto - tra gli altri posti - in Arabia Saudita per cinque anni da bambina; nel frattempo si tiene il memoriale di Tom Walker, compagno di missione di Brody che ha segretamente ucciso; in questa occasione il sergente viene informato da Carrie del test del poligrafo che dovrà effettuare il giorno seguente. Al ricevimento per Walker, Brody e Mike finiscono per fare a botte dopo alcune battute su Jessica e Brody lascia la sua abitazione furioso; in serata il sergente chiama Carrie per sfogarsi, i due si ubriacano e, dopo che Carrie rivela a Brody l'oggetto del test del poligrafo, finiscono per baciarsi ed avere un rapporto sessuale. Nascosti in un motel, Raqim e Aileen vengono scoperti da qualcuno e, mentre la donna riesce a salvarsi, Raquim muore dopo una raffica di colpi d'arma da fuoco. Brody effettua il test della verità e passa brillantemente tutte le domande, compresa quella relativa alla lametta fornita ad Afsal Hamid; Carrie, sconvolta per l'esito del test, non si dà pace e chiede di domandare al sergente se è mai stato infedele a sua moglie; guardando nella telecamera, in cui Carrie lo sta osservando, Brody risponde negativamente e il poligrafo continua a segnalare la sua risposta come la verità. Brody viene scagionato e Saul dice a Carrie di elimanare, ormai, i suoi sospetti sul sergente; la donna, pur sapendo che l'uomo sta mentendo e che in qualche modo ha aggirato il poligrafo a causa dell'ultima risposta, non può rivelarlo a Saul per via del suo coinvolgimento con il sergente. Nel parcheggio Carrie viene raggiunta da Brody che la invita a salire nella sua auto e, dopo averlo fatto, i due si allontanano a tutta velocità.

Il weekend[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel tentativo di fuggire, Aileen viene intercettata e arrestata in Messico dove Saul la prende in custodia sperando che, nel corso del viaggio di ritorno in Virginia, possa convincere la ragazza a rivelare il piano terrostico di cui faceva parte. Nel frattempo Brody spiega a Carrie di avere bisogno di un po' di tempo lontano dalla sua famiglia; la donna lo porta nella sua casa di famiglia fuori città dove i due trascorrono una giornata insieme notevolmente a loro agio. Nel corso del viaggio, finalmente, Aileen comincia ad aprirsi con Saul ed esprime il desiderio di una funzione religiosa musulmana per onorare degnamente il corpo del suo fidanzato Raqim; accettata questa condizione, comincia a collaborare dicendo a Saul tutto ciò di cui è a conoscenza. Saul chiama Estes dicendogli che il compito di Aileen era solamente quello di comprare una casa nei pressi dell'aeroporto e di ricevere un visitatore cui doveva semplicemente mostrare il tetto dell'abitazione. Ispezionando il tetto gli agenti intuiscono che la casa è a una distanza tale da raggiungere, per un cecchino, il posteggio per l'atterraggio riservato all'elicottero del presidente degli Stati Uniti. Il giorno seguente, nella baita sul lago, Carrie, preparando la colazione, si tradisce involontariamente e menziona la marca preferita di tè di Brody; capendo che Carrie poteva conoscere la sua marca preferita di tè solo spiandolo, il sergente la accusa immediatamente, così la donna, non sapendo cosa fare, cerca di ribaltare la situazione accusandolo a sua volta di essere un agente doppio giochista al servizio di al-Quaeda, rivelandogli tutti i suoi sospetti e quanto confidatole dalla sua fonte anni prima. Pur continuando a confermare la sua innocenza, Brody risponde a tutte le domande poste da Carrie; l'uomo le spiega che si reca in garage per pregare essendo diventato, durante gli anni della sua prigionia, musulmano ed inoltre le rivela di aver ucciso il suo amico Tom Walker poiché obbligato e che non ha mai menzionato di aver incontrato Abu Nazir poiché si vergognava di ammettere che si era in qualche modo affezionato all'uomo. Proprio mentre Brody comincia ad andare via, offeso da tutta la faccenda, Carrie riceve una telefonata da Saul che gli rivela che Aileen ha identificato il "visitatore" guardando una foto di Tom Walker che, non solo è ancora in vita, ma è anche l'agente doppio giochista. Non appena apprende la notizia, Carrie cerca di fermare Brody scusandosi e rivelandogli che quello che c'è stato tra loro, durante il tempo trascorso insieme, era vero; l'uomo tradito non ascolta nulla e la lascia in lacrime per tornare a casa, dove anche lui si lascia trasportare dalle emozioni piangendo da solo.

Tallone d'Achille[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Per le strade di Washington si aggira Tom Walker chiedendo soldi ai passanti; al semaforo si avvicina, con questo pretesto, all'auto di un diplomatico dell'Arabia Saudita, Monsour Al-Zahrani, che gli lascia una banconota con all'interno scritto un messaggio ed una chiave. Dopo essere stato ulteriormente interrogato riguardo alla morte del suo amico Tom, Brody ritorna a casa dove si riappacifica con Jessica e affronta finalmente il discorso sulla sua storia con Mike e la perdona per l'accaduto. Saul intuisce che il tallone d'Achille di Walker è la sua stessa famiglia, poiché l'uomo telefona alla sua vecchia abitazione solamente per sentire la voce dei suoi cari nel messaggio registrato sulla segreteria telefonica; intanto il sergente Brody e sua moglie vengono ufficialmente invitati dal consigliere capo del vicepresidente, Elizabeth Gaines, al party dell'anno. Carrie rivela a Saul del rapporto personale avuto con il sergente Brody, dopo aver concluso la sorveglianza su di lui, affermando però che tra loro non vi è più nulla; al party, Elizabeth, in seguito allo scandalo di un politico, fa intuire a Brody che lui sarà il sostituto e ricoprirà la stessa carica a breve. Nel frattempo viene organizzata una task force per trovare Walker, così il telefono della sua vecchia abitazione viene messo sotto controllo; dopo una prima telefonata irrintracciabile, Walker chiama nuovamente sua moglie e grazie alle parole della donna, la conversazione dura più a lungo e si riesce a rintracciare la chiamata ma, sentendosi in colpa, la moglie avvisa Tom che gli hanno teso una trappola. L'uomo comincia a fuggire proprio quando una squadra FBI giunge sul luogo del suo nascondiglio; nella fuga Walker si rifugia in una moschea e accidentalmente la squadra uccide due uomini innocenti che erano lì per pregare, permettendo la fuga di Walker. Dopo questo episodio la CIA decide di rendere pubblico l'accaduto e tacciare Walker come un terrorista; nel frattempo l'uomo in fuga utilizza la chiave e si reca in un deposito dove trova un fucile di precisione. La mattina seguente Carrie si reca a casa di Brody e lo informa, prima che la notizia sia di pubblico dominio, che in realtà non ha ucciso Tom, ma che è lui il prigioniero di guerra doppio giochista di cui parlava la sua fonte. In serata il diplomatico Monsour Al-Zahrani rientra in casa e trova Brody ad aspettarlo; il sergente, furioso con il diplomatico, lo aggredisce perché gli uomini di Nazir gli avevano fatto credere di aver ucciso il suo stesso amico e arrabbiato dice al diplomatico di riferire ad Abu Nariz di aver chiuso con lui.

Fuoco incrociato[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Brody, dopo essere andato al supermercato, viene aggredito nel parcheggio sotterraneo da alcuni uomini e portato nell'abitazione di Mansour Al-Zahrani; qui l'uomo ricorda alcuni episodi della sua prigionia. Tre anni prima, il sergente Brody viene portato da Abu Nazir in un appartamento dotato di tutti i comfort; dopo avergli liberato le mani e tagliato barba e capelli gli presenta suo figlio Issa, ordinando a Brody di insegnarli l'inglese. Con il passare del tempo il ragazzino impara la lingua e i due stringono un legame padre-figlio molto forte. Un giorno, la scuola di Issa è colpita da un missile in cui perde la vita insieme ad altri ottantadue bambini; devastato dalla perdita di Issa, Brody guarda un video-messaggio del vice presidente statunitense Walden che dichiara che il missile era destinato a colpire Abu Nazir, ma che nessun bambino è rimasto ucciso, e che le voci diffuse a riguardo sono solo propaganda dei terroristi; qui si concludono i suoi ricordi del passato. Carrie sospetta che l'Imam della moschea, luogo dell'incidente, sia a conoscenza di informazioni utili a trovare Walker; l'Imam non ha però alcuna intenzione di parlare con l'agente fin quando l'FBI non si assuma la responsabilità dell'incidente avvenuto nella sua moschea. Avendo le mani legate Carrie non può far altro che aspettare ma, fortunatamente, la moglie dell'Imam decide di parlare da sola con Carrie e le confida che Walker si incontrava segretamente nella moschea con un diplomatico della Arabia Saudita, riconosciuto grazie alla targa della sua auto. Grazie all'informazione fornita dalla donna, la CIA identifica subito il diplomatico Mansour Al-Zahrani come l'uomo agganciato con Walker; Saul e Carrie cominciano a tenere d'occhio l'uomo fuori la sua abitazione con dei limiti a causa della sua immunità diplomatica. Nel frattempo, in una foresta, Tom Walker fa dei tiri di prova con il suo fucile di precisione dove poco dopo si imbatte in un cacciatore con cui scambia quattro chiacchiere; l'uomo sembra riconoscerlo e dopo poco va via, per poi essere ucciso dallo stesso Walker prima di avvisare le autorità; Tom nasconde il corpo sul retro del pick up e parte a bordo dell'auto. Ripresa conoscenza, Brody si siede davanti un monitor con una web cam e parla con Abu Nazir; dopo essersi sfogato riguardo alla menzogna sulla morte di Tom Walker, Nazir gli ricorda il motivo per cui ha accettato in primo luogo la sua missione, ovvero la morte di Issa e le menzogne che gli Stati Uniti hanno raccontato nel corso della guerra. Dopo aver concluso la conversazione con Nazir, Mansour Al-Zahrani informa Brody che se vuole continuare la missione deve accettare l'incarico d'ufficio che a breve il vice presidente Walden gli proporrà. Non appena rientra in casa, per giustificarsi dei segni del pestaggio subito, il sergente spiega a Jessica di essere stato rapinato; in seguito la moglie lo avverte che il vice presidente ha lasciato un messaggio per lui nella segreteria telefonica.

Un nuovo incarico[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il vice presidente Walden si reca in casa di Brody per offrigli il posto d'ufficio rimasto vacante in seguito allo scandalo del politico Johnson; pur avendo accettato immediatamente l'offerta, il sergente si riserva di parlarne con la moglie che, però, rifiuta questa possibilità, consapevole che questo nuovo incarico politico riporterebbe la famiglia sotto l'occhio dei media, rischiando così che vengano a galla le avventure avute dai due rispettivamente con Mike e con Carrie. Cercando qualcosa di incriminante che possa tornare utile a farlo collaborare con la CIA, Carrie e Saul scoprono che Mansour Al-Zahrani ha dei grossi debiti e deposita grandi somme di denaro in un conto svizzero; i due inoltre, grazie a un pedinamento ravvicinato, scoprono che l'uomo è omosessuale e, con delle fotografie che lo provano, cercano di minacciarlo senza però alcun successo. Carrie allora, sfruttando l'amore che il diplomatico ha per una delle sue figlie che frequenta Yale, minaccia Mansour Al-Zahrani di deportarla in Arabia Saudita; per questo motivo il diplomatico cede alla collaborazione con la CIA, accettando di appendere, alla finestra di casa sua, il segnale stabilito con Walker per un loro incontro a mezzogiorno del giorno seguente in una piazza. Brody si scusa con Mike per averlo picchiato e lo perdona per la sua storia con Jessica durante la sua prigionia; inoltre chiede all'amico di intercedere con la moglie affinché la donna accetti la sua candidatura al congresso. Successivamente il sergente chiama Carrie chiedendole un appuntamento, illudendo la donna su una possibile riconciliazione; l'uomo invece è semplicemente determinato a informare l'agente della sua prossima candidatura e che, in vista di questa, sia necessario che nessuno venga a sapere della loro breve relazione. Il giorno del suo incontro con Walker, Mansour Al-Zahrani attende l'uomo nella piazza stabilita circondato da agenti sotto copertura diretti da Carrie; un uomo simile a Walker, portando con se una valigetta, si avvicina al luogo ma, per mancanza di conferma visiva, non viene immediatamente fermato. Grazie ad alcuni dettagli, Carrie intuisce che l'uomo non è Walker; proprio mentre la donna è in procinto di evacuare l'area, Walker, nascosto in un edificio poco distante, fa esplodere la bomba all'interno della valigetta, causando numerose vittime. Jessica, convinta da Mike, informa Brody di accettare la sua candidatura per il congresso. Carrie, ferita nell'esplosione, riceve la visita in ospedale da Saul che la informa che l'uomo simile a Walker era un senzatetto usato come esca e che, vista la situazione, sicuramente deve esserci una talpa all'interno dell'organizzazione; i due dopo poco guardano alla televisione l'annuncio della candidatura del sergente Brody.

Il giubbotto[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Saul si reca in ospedale per prendere Carrie ma, con suo grande stupore, la trova in condizioni assurde: frenetica, agitata e su di giri. Dopo averla convinta a chiamare sua sorella Maggie, Saul apprende da questa che Carrie soffre di un disturbo bipolare e che l'esplosione e il conseguente shock hanno ingigantito i sintomi del suo disturbo; per questo motivo è necessario che non ritorni ancora a lavoro e che venga sorvegliata in attesa che le medicine facciano effetto. Brody, nel frattempo, porta la sua famiglia a Gettysburg con il pretesto di passare più tempo insieme prima di cominciare la campagna per il congresso; prima del pranzo, il sergente si allontana con una scusa dal resto della famiglia e si reca sul retro di un negozio di vestiti dove lo attende un uomo che ha realizzato per lui un giubbotto contenente dell'esplosivo. A casa di Carrie, Saul passa la notte riordinando le carte di lavoro che la donna ha sparso per la casa durante la giornata evidenziandole con differenti colori; appendendole sulla bacheca l'uomo capisce che Carrie le ha evidenziate a seconda delle attività di Abu Nazir, così facendo crea una linea temporale grazie alla quale, la mattina seguente insieme a Carrie, intuisce che vi è stato un periodo di inattività da parte di Nazir dovuto probabilmente a un lutto. Dana cerca di aprire il pacchetto contentenente il giubbotto esplosivo ma viene tempestivamente bloccata da Brody; nel frattempo, nonostante il padre le sconsigli di farlo, Carrie chiama Brody parlandogli del periodo di inattività di Nazir e chiedendogli se questo coincida con qualcosa di personale nella vita dell'uomo, visto che il sergente in quel periodo era vicino a Nazir. Promettendole di passare da casa sua per discuterne, Brody avvisa invece Estes denunciando lo spionaggio da parte della donna su di lui e le continue molestie successive alla loro storia; perciò Estes si presenta nell'appartamento di Carrie dove trova il materiale confidenziale appeso alla parete e ordina ai suoi uomini di rimuoverlo, suscitando una reazione isterica della donna.

Tiratore scelto[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante la notte Brody esce di casa e filma un video in cui annuncia ciò che sta per fare: uccidere il Vice Presidente Walden e altri importanti membri del Congresso in nome di Abu Nazir. Salva la registrazione su una scheda SD e nasconde quest'ultima in una fessura tra alcune pietre di un parco di Washington. Nel frattempo Saul va a trovare Carrie, visibilmente provata, la quale gli confessa il suo amore per Brody e lo prega di poter continuare la ricerca su Abu Nazir. Saul però non promette nulla e se ne va. Durante la stessa notte, Tom Walker sequestra una donna e si apposta nel suo appartamento che si affaccia sul Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d'America, cominciando a preparare la sua attrezzatura per un attentato. Nel mentre, Brody è tornato a casa e si è messo a pregare nel suo garage, dove poco dopo entrerà anche sua figlia Dana; a quel punto Brody le spiega che si è convertito all'Islam e le fa promettere di non rivelare nulla al resto della famiglia.

Brody sta per uccidersi con una bomba nel bunker quando sua figlia lo chiama al cellulare.

Il mattino dopo il Vice Presidente Walden, Brody, la loro scorta e altri importanti parlamentari arrivano al Dipartimento di Stato, dove però Walker spara alcuni colpi, uccidendo il consigliere capo del vicepresidente Elizabeth Gaines e ferendo due guardie. Brody ha addosso il giubbotto-bomba che aveva nel video che ha registrato la sera prima. Walden, Brody e gli altri politici vengono fatti correre all'interno dell'edificio, saltando i controlli al metal detector e in questo modo Brody riesce a non far scoprire la bomba che ha addosso. Essi vengono condotti in un bunker di sicurezza, dove Brody cercherà di far esplodere la bomba senza riuscirci. Brody va nel bagno del bunker e scopre che alcuni collegamenti della bomba si erano scollegati, li ricollega e torna nel bunker, pronto questa volta a morire e a uccidere tutte le persone in esso. Nel frattempo però Carrie ha intuito il piano di Brody ed è andata nella casa della famiglia di Brody, dove trova Dana e Jessica. Carrie cerca disperatamente di farsi ascoltare, sostenendo che Brody è un terrorista e che ucciderà tante persone se qualcuno di loro non lo chiamerà sul cellulare per dissuaderlo. Jessica però chiama la polizia e fa arrestare Carrie. Dana invece, spaventata dalle parole di Carrie, chiama suo padre al telefono. Brody risponde e, dopo una discussione tra i due, in lacrime giura che non è un terrorista e che non ucciderà nessuno. Poco dopo il bunker viene aperto e la sicurezza conferma che non c'è più nessun pericolo, e tutti escono.

Qualche ora dopo Brody torna nel parco dove ha lasciato la scheda SD il giorno prima, e scopre che qualcuno l'ha presa. Viene inoltre contattato da Abu Nazir che gli ordina di incontrare Tom Walker e di ucciderlo, come segno di fedeltà per la loro causa, in quanto Walker è un grande amico di Brody; Brody accetta, e uccide a sangue freddo Walker. Carrie nel frattempo è stata arrestata e rilasciata su cauzione, pagata da sua sorella. Dopo essere uscita dalla centrale decide di cercare di curare il suo disturbo bipolare sottoponendosi all'elettroshock in ospedale. Saul cerca di convincerla a non farlo, così come fa sua sorella, ma Carrie è determinata e spera così di poter dimenticare tutto quanto riguardo Brody. Prima di lasciarla, Saul comunica a Carrie che si sbagliava nei confronti di Brody ma che aveva ragione riguardo a Nazir poiché ha scoperto che un drone lanciato da Walden ha ucciso ottantatré bambini, compreso uno dei figli di Nazir. Carrie sta per cominciare l'operazione e, dopo essere stata anestetizzata ricorda i momenti passati durante il week-end con Brody; in uno di questi Carrie ricorda quando il sergente, dopo un incubo, si svegliò urlando il nome Issa. Intuendo che si tratti del nome del figlio di Nazir, e che quindi il sergente lo conosceva; Carrie ripete a se stessa di non dimenticarlo per poterlo riferire a Saul, dopo poco però si addormenta e comincia il suo elettroshock.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Philiana Ng, Showtime Puts 'Homeland' Pilot Online Ahead of October Premiere, The Hollywood Reporter, 13 settembre 2011. URL consultato il 13 settembre 2011.
  2. ^ Homeland, su Fox la serie tv tra azione e suspence (erede di 24), Tv Blog, 6 febbraio 2012. URL consultato il 6 febbraio 2012.
  3. ^ Antonio Genna, Sky Free Pass, per la prima volta su Cielo dal 20 al 22 aprile tre giorni di programmi Sky per tutti, Antonio Genna, 19 aprile 2012. URL consultato il 21 aprile 2012.
  4. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: Cards/Phillies, New Jersey 'Housewives' Top Night + 'Boardwalk Empire,' 'Hung,' 'Breaking Bad' & Much More, TV by the Numbers, 4 ottobre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  5. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: Nothing Keeps Up With Kardashians; Plus 'Housewives NJ' Finale, 'Boardwalk Empire,' 'Breaking Bad,' 'Dexter' & More, TV by the Numbers, 11 ottobre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  6. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: 'The Walking Dead' Doubles NLCS + NJ Housewives, 'Boardwalk Empire,' 'Talking Dead,' 'Dexter' & Much More, TV by the Numbers, 18 ottobre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  7. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: 'The Walking Dead' Slips, Still Tops; + NJ Housewives, 'Boardwalk Empire,' 'Homeland,' 'Dexter' & Much More, TV by the Numbers, 25 ottobre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  8. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: 'The Walking Dead' Drops, Still Tops; + 'Boardwalk Empire,' 'Homeland,' 'Dexter' & More, TV by the Numbers, 1º novembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  9. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: 'The Walking Dead,' 'Hell On Wheels' Lead AMC + 'Boardwalk Empire,' 'Homeland,' 'Dexter' & More, TV by the Numbers, 8 novembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  10. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: 'The Walking Dead' Stays On Top + 'Housewives Atl,' 'Hell On Wheels,' 'Boardwalk Empire,' 'Homeland,' 'Dexter' & More, TV by the Numbers, 15 novembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  11. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: 'The Walking Dead' Stays On Top + NASCAR Championship, 'Housewives ATL,' 'Hell On Wheels,' 'Boardwalk Empire,' 'Homeland,' 'Dexter' & More, TV by the Numbers, 22 novembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  12. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: 'The Walking Dead' Goes Out on Top + Kardashians, 'Housewives' 'Soul Train Awards,' 'Hell On Wheels,' 'Boardwalk Empire,' 'Homeland,' 'Dexter' & More, TV by the Numbers, 29 novembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  13. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: Kourtney & Kim Top The Night + 'Housewives Atlanta,' 'Hell On Wheels,' 'Boardwalk Empire,' 'Homeland,' 'Dexter' & More, TV by the Numbers, 6 dicembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  14. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: Kourtney & Kim Top 'Housewives Atlanta' + ' 'Boardwalk Empire,' 'Bag of Bones,' 'Homeland,' 'Dexter' & More, TV by the Numbers, 13 dicembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
  15. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: 'Housewives Atlanta' Top 'Kourtney & Kim' + 'Dexter,' 'Homeland,' 'Iron Chef,' 'Real Deal' Finales & More, TV by the Numbers, 20 dicembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2012.
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione