Episodi di Highlander (terza stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Highlander (serie televisiva).

La terza stagione di Highlander, composta da 22 episodi, andò in onda tra il 1995 e il 1996.

La terza stagione viene trasmessa dal 10 settembre 2012 su Italia 2.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 The samurai Il samurai 26 settembre 1994 1995
2 Line of fire Linea di fuoco 3 ottobre 1994 1995
3 The revolutionary Il rivoluzionario 10 ottobre 1994 1995
4 The cross of St. Antoine La croce d'oro 17 ottobre 1994 1995
5 Rite of Passage L'iniziazione 24 ottobre 1994 1995
6 Courage Il coraggio 31 ottobre 1994 1995
7 The Lamb L'agnello 7 novembre 1994 1995
8 Obsession Ossessione 14 novembre 1994 1995
9 Shadows Ombre 21 novembre 1994 1995
10 Blackmail Ricatto 28 novembre 1994 1995
11 Revenge Vendetta 30 gennaio 1995 1996
12 They also serve Anche loro combattono 6 febbraio 1995 1996
13 Blind faith Cieco destino 13 febbraio 1995 1996
14 The song of executioner La ballata del carnefice 20 febbraio 1995 1996
15 Star crossed Ritorno a Parigi 27 febbraio 1995 1996
16 Methos Il primo immortale 6 marzo 1995 1996
17 Take back the night Ritorno nella notte 24 aprile 1995 1996
18 Testimony La testimonianza 1 maggio 1995 1996
19 Mortal sins Peccati mortali 8 maggio 1995 1996
20 Reasonable doubt Il dubbio 15 maggio 1995 1996
21 Finale-Part 1 Partita finale-Parte 1 22 maggio 1995 1996
22 Finale-Part 2 Partita finale-Parte 2 29 maggio 1995 1996


Il samurai[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che Midori Koto (Tamlyn Tomita) vede suo marito, il ricco industriale Michael Kent (Stephen McHattie), uccidere il suo amante, lei uccide Kent e corre da MacLeod in cerca di protezione. Lei ricorda a MacLeod di una promessa di protezione che il suo "antenato" (che non è nessun altro che MacLeod stesso) fece alla sua famiglia oltre 200 anni prima. I flashback mostrano la storia di come MacLeod ottenne aiuto e istruzione dal samurai Hideo Koto (Robert Ito) dopo che MacLeod sbarcò naufrago in Giappone. Hideo diventa amico di MacLeod - nonostante la pena di morte che vige nel Giappone isolazionista dell'epoca per tutti coloro che aiutano i "barbari". Quando Hideo riceve l'ordine del suo signore feudatario di fare il seppuku (suicidio rituale) a causa del suo crimine, MacLeod accetta suo malgrado di fargli da secondo. Egli promette a Hideo che proteggerà sempre la famiglia di Koto ed egli riceve in dono la spada Katana Testa di Drago che usa a tutt'oggi. Ritornati al presente, MacLeod scopre che Kent è un Immortale e non è morto come crede la moglie Midori. Per non portare disonore al nome della sua famiglia, Midori ritorna da Kent. Kent combatte con MacLeod vicino alla tomba dell'amico e maestro Hideo Koto e MacLeod lo decapita mantenendo la promessa fatta alla famiglia di Koto e libera Midori dal suo matrimonio senza amore.

Linea di fuoco[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Donna (Chandra West), una ragazza che qualche anno prima era stata fidanzata di Richie, ritorna con il suo bambino di 18 mesi - che lei sostiene essere di Richie! Mentre MacLeod ricorda lui che è impossibile, in quanto gli Immortali non possono avere figli, Richie vede questa come una opportunità di avere la famiglia che non ha mai avuto e che credeva di non potere mai avere. Quando Kern (Randall "Tex" Cobb), uno spietato Immortale, arriva in città, a MacLeod torna alla memoria del suo figlio adottivo, Kahani. Kahani e la sua madre Indiana Sioux, Piccolo Cervo (Michelle Thrush), furono massacrati oltre cento anni prima dai soldati americani, le giacche blu, guidati da Kern, allora uno scout mercenario. MacLeod è ansioso di pareggiare i conti. Quando Donna trova la spada di Richie e gli domanda a cosa gli possa servire, Richie non sa cosa dire. MacLeod suggerisce a Richie che sarebbe meglio e più sicuro fare in modo che Donna e il bambino se ne vadano via. Quando la sua nuova famiglia viene aggredita da Kern, Richie capisce che MacLeod ha ragione. Mentre MacLeod libera il mondo dallo spietato Kern, Richie lascia andare via la sola famiglia che potrebbe avere.

Il rivoluzionario[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il popolo di una piccola nazione Balcanica è sottomessa dall'oppressione di un dittatore. Coloro che lottano per liberare il paese sono guidati da Paul Karros (Miguel Fernandes), un vibrante e carismatico leader. Karros è un Immortale che fu schiavo sotto l'oppressione di Roma e combatté per la sua libertà con Spartacus. Da allora, ovunque ci fosse stato un popolo oppresso che combatteva per la propria libertà, Karros combatteva al suo fianco. Karros e la sua assistente, Mara (Liliana Komorowska), si sono recati negli Stati Uniti per avere supporto alla loro causa. MacLeod e Karros combatterono insieme nella Rivoluzione Messicana e Karros tenta di convincere MacLeod a combattera anche per questa causa. MacLeod rifiuta, ma Charlie è tentato di seguire la causa e Mara. Quando Padre Stefan, un collegamento locale, viene ferito gravemente in un tentato omicidio, MacLeod capisce che Karros è determinato a combattere la guerra ad ogni costo - anche al costo di sabotare i negoziati di pace uccidendo coloro che credono in lui. Quando Mara scopre la verità, lei glielo dice. Karros risponde a questo fatto tentando di ucciderla. MacLeod è costretto a combattere e sconfiggere il suo vecchio compagno. Quando Mara ritorna a casa sua nei Balcani, Charlie va con lei per aiutare il popolo nella ricostruzione.

La croce d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dawson ha una nuova fidanzata, l'esperta di storia dell'arte Lauren Gale, e un nuovo stile di vita. Sfortunatamente, una sera Dawson arriva alla casa di Lauren ed è testimone del suo assassinio. Scopriamo che l'assassino è Armand Thorne, benefattore del Museo di antichità Thorne, il quale era stato investigato da Lauren per il traffico di opere d'arte. MacLeod trova una vecchia croce d'oro in mostra nel museo di Thorne, una croce che un centinaio di anni prima era stata rubata a un prete (David Longworth) che era protetto da MacLeod. Armand Thorne, scopre MacLeod, non è nessun altro che John Durgan (Brion James), il cacciatore Immortale che rubò la croce dopo avere ucciso il prete. MacLeod convince Amanda (Elizabeth Gracen) ha interrompere il suo ritiro dall'attività di ladra e aiutarlo a rubare la croce dal museo per costringere Thorne ad uscire dalla sua inespugnabile. MacLeod combatte con Thorne, prendendo la sua testa, e alla fine riesce a portare a compimento la sua promessa di far tornare alla chiesa la Croce di Sant'Antonio.

L'iniziazione[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Michelle Webster (Gabrielle Miller), la figlia adolescente e ribelle di Craig (Alan Scarfe) e Nancy, amici di MacLeod, dopo avere litigato con i genitori si allontana da casa a tutta velocità con la propria auto e finisce fuori strada. La dottoressa Anne Lindsey del suo meglio per salvare Michelle, ma ormai è troppo tardi. MacLeod giunge all'ospedale per portare conforto ai genitori della ragazza distrutti dalla disgrazia - e porta via dall'obitorio la loro figlia che per la prima volta scopriamo essere Immortale. Lui prova a istruirla nelle arti dell'Immortalità, ma Michelle è interessata solo al divertimento. Lei incontra l'Immortale Axel Whittaker (Rob Stewart) che le promette di darle tutto il divertimento e l'avventura che lei possa immaginare se solo lei decide di restare con lui. In un flashback, noi vediamo che Axel le belle giovani Immortali come esca per dare la caccia ad altri Immortali e quando non gli servono più lui le decapita lui stesso - MacLeod aveva rischiato di cadere in questa trappola nel 1896 a Boston. Axel usa Michelle per attirare MacLeod sul suo yacht, dove loro ricominciano il combattimento interrotto cento anni prima. MacLeod batte Axel. Michelle, testimone della potenza della Reminiscenza, accetta di essere addestrata come una Immortale sotto la protezione di Amanda (Elizabeth Gracen).

Il coraggio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Brian Cullen (John Pyper-Ferguson), un vecchio amico di MacLeod, è distrutto da secoli di combattimenti e si è rifugiato nell'alcool e nella droga per trovare il coraggio di continuare Il Gioco. Cullen ha uno scontro con Richie ed ora è sulle sue tracce per avere la sua testa. Mentre si sta divertendo a inseguire Richie su una strada di montagna, Cullen si schianta con la sua auto contro un autobus pieno di passeggeri, uccidendone alcuni. MacLeod prova a convincere Cullen, che una volta era conosciuto come il più grande dei guerrieri, per fare in modo che smetta di drogarsi, ma un Cullen paranoico crede che MacLeod lo stia semplicemente raggirando. Alla fine, MacLeod non ha scelta di confrontarsi con l'amico e lo decapita.

L'agnello[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Cosa succede a un bambino che diventa immortale prima della pubertà? MacLeod e Richie incontrano Kenny (Myles Ferguson), di 10 anni, il quale chiede a loro protezione perché l'Immortale che lo accudiva come un padre è stato decapitato. Kenny, scopriamo, non è il dolce agnellino che sembra essere. Egli è immortale da oltre 800 anni, ed è sopravvissuto dopo avere decapitato altri Immortali che avevano creduto alla sua innocenza proteggendolo - e lui aveva ricambiato questo loro aiuto decapitandoli. Kenny prova a fare lo stesso con MacLeod, ma è continuamente disturbato dalla presenza di Anne. Kenny allora prova a togliere di mezzo Anne, ma MacLeod, intuisce la verità su Kenny, e riesce a salvarla. A questo punto MacLeod cerca Kenny per impedirgli di uccidere ancora, ma Kenny riesce a scappare salendo su uno scuolabus di bambini innocenti.

Ossessione[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'immortale David Keogh (Cameron Bancroft), una volta assoggettato alla servitù debitoria, è un rinomato artigiano deciso a sposare il suo amore, Jill (Nancy Sorel). Sfortunatamente, Jill non è d'accordo. Nonostante che lei fosse stata innamorata di Keogh, una volta venuta a sapere del segreto della sua Immortalità non è riuscita ad accettarlo. Ora Keogh non la vuole lasciare andare via e lei si reca da MacLeod per essere aiutata, perché Keogh lo conosce e rispetta e forse lo ascolta. Ma Keogh non sente ragione, sempre più convinto che lei abbia bisogno di lui tanto quanto lui ha bisogno di lei. Nei flashback, vediamo un tempo nella vita di MacLeod quando pure lui fu colpito da un amore ossessivo per una donna che non poteva avere. Quando Jill muore in un tragico incidente nel tentativo di scappare da Keogh, Keogh sfida MacLeod per avere vendetta.

Ombre[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

MacLeod è tormentato dalla visione della sua morte, decapitato da una misteriosa oscura figura incappucciata. Anne prova a convincerlo a cercare aiuto da un dottore, ma nel contempo lui reincontra il suo vecchio amico Garrick (Garwin Sanford), che ha trascorso molti secoli impegnato nello studio della mente. MacLeod ricorda Garrick nel 17° secolo, quando MacLeod riesce a stento a sfuggire al rogo scambiato per un servo del demonio. Quello che MacLeod non sa è che Garrick non è riuscito a scappare anch'egli. Garrick convince MacLeod che l'oscura figura incappucciata è una presenza ancestrale che esiste per combattere gli Immortale e che l'unica maniera per sconfiggerla è quella di non combatterla, accettandola per quello che è. Quando MacLeod, distrutto ed esausto, si trova faccia a faccia con lo spettro per l'ultima volta, abbassa la spada e si rifiuta di combatterlo, la figura sta per ottenere la testa di MacLeod - quando all'ultimo momento MacLeod capisce che l'incappucciato è Garrick, alla ricerca della vendetta per non essersi salvato anch'egli dal rogo secoli prima. Nella scena finale, Anne, frustrata del fatto che MacLeod non si apra a lei, chiude la loro relazione, lasciandolo.

Ricatto[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'avvocato Robert Waverly (Bruce Dinsmore)sta lasciando l'appartamento della sua amante con la sua videocamera quando vede MacLeod impegnato in un combattimento con un altro Immortale. Waverly registra tutto con la videocamera - il combattimento, la decapitazione e la Reminiscenza. Successivamente egli tenta di fare un patto con MacLeod: se MacLeod uccide sua moglie Barbara (Barbara Tyson) allora lui non darà la registrazione alla polizia. Quando Kurlow (Anthony de Longis), amico dell'Immortale ucciso da MacLeod e registrato su nastro, arriva dopo MacLeod, Waverly, non consapevole di quello con cui ha a che fare, propone un altro patto: alla maniera di "L'altro uomo" Waverly ucciderà Kurlow e MacLeod ucciderà sua moglie, e nessuno sospetterà alcunché. Waverly combatte con Kurlow, il quale lo uccide senza alcuna difficoltà e MacLeod riesce così a salvare la moglie di Waverly e uccidere in combattimento Kurlow.

Vendetta[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Per salvare la propria pelle, il meschino teppista Benny Carbassa Tony Rosato inganna MacLeod per portarlo da un anziano gangster deciso a ucciderlo prima di morire lui stesso. Nel frattempo Anne ritorna, convinta della morte di MacLeod avvenuta anni addietro. Nei flashback, si assiste al primo incontro tra MacLeod e Benny, nel 1938 al Coconut Lounge, un club di proprietà di due fratelli rivali in amore per la giovane cantante.

Anche loro combattono[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'Immortale di recente formazione Michael Christian (Barry Pepper) ha avuto una serie di combattimenti fortunati, ottenendo un grande numero di teste di avversari disarmati e in momenti in cui erano vulnerabili, inclusa May-Ling Shen (Vivian Wu), colei che aveva insegnato le arti marziali a MacLeod nella Mongolia del 1780. L'Osservatrice di Christian, Rita Luce (Mary Worolov), sta facendo di più che la semplice osservatrice, ma sta fornendo a Christian informazioni riservate sugli altri immortali e sulle loro debolezze. MacLeod, ignaro di Christian, si ritira per meditare nel suo rifugio su terra consacrata lasciando deliberatamente la spada a casa. Il tutto è nelle mani di Joe Dawson che deve capire il segreto di Rita prima che Christian riesca a sconfiggere MacLeod.

Cieco destino[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quando un capo religioso, John Kirin (Richard Lynch), muore sul tavolo operatorio di Anne e ritorna in vita, coloro che lo seguono si convincono di avere assistito ad un miracolo. MacLeod lo conosce meglio. Rivede in Kirin, in passato conosciuto con il nome di Kage, l'uomo che massacrò dei partigiani durante la Guerra Civile Spagnola e che abbandonò dei bambini cambogiani al tragico destino di essere trucidati dai Khmer Rossi. Kirin afferma che questa ultima esperienza gli ha cambiato la vita per sempre, trasformandolo dall'uomo di guerra che era ad essere un uomo di pace. Quando un reporter che è alla ricerca di notizie su Kirin viene ucciso nel dojo di MacLeod, MacLeod si convince che Kirin ne è il responsabile. Kirin insiste nel dire di essere innocente e capisce che il vero assassino è Matthew (Conrad Dunn), uno dei discepoli a lui più difesi e che quest'ultimo ha agito nel tentativo di proteggerlo. Kirin affronta un Matthew disilluso, che tenta di uccidere Kirin prima di morire lui stesso sotto una pioggia di proiettili della polizia. Nell'ultima scena dell'episodio, Kirin e MacLeod si sono riappacificati e Kirin si incammina per la sua strada, speranzoso di potere fare del bene in un altro luogo.

La ballata del carnefice[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 17° secolo, MacLeod ottiene rifugio per un breve periodo di tempo in un monastero fondato da Paul (Eugene Lipinski), un altro Immortale. Qui incontra Kalas (David Robb), un monaco Immortale che ha una voce celestiale. Quando MacLeod scopre che Kalas sfida e decapita in maniera sistematica gli Immortali che lasciano il santuario, MacLeod e Paul espellono Kalas dal monastero, separandolo dalla musica che era la sua vita. Ora nel presente, Paul e il suo coro sono stati invitati ad uscire dal loro monastero per un tour di concerti. Quando Paul scompare dopo un concerto, MacLeod scopre che Kalas ha ottenuto la sua vendetta. Nel frattempo, due morti misteriose avvenute all'ospedale portano a sospettare della negligenza di Anne. Successivamente, quando vengono scoperte delle droghe nel bar di Joe, il quadro si dipana e si comprende che Kalas sta provando a distruggere tutti gli amici di MacLeod prima di affrontarlo. MacLeod combatte con Kalas e scopre che Kalas è un valido combattente, meglio di quanto immaginasse, e quasi sta per essere sconfitto. Per salvare se stesso, MacLeod si butta dalle tribune alte della sala concerti, atterrando, morto, vicino ad Anne sulle poltrone sottostanti. Kalas scappa e MacLeod è costretto ad abbandonare la sua vita negli Stati Uniti e volare in Francia, lasciando credere ad Anne di essere morto.

Ritorno a Parigi[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

MacLeod è accolto all'aeroporto in Francia dal suo vecchio amico, Hugh Fitzcairn (Roger Daltrey). Per la prima volta dopo 350 anni che lo conosce, Fitz si è sistemato come professore alla Scuola di Cucina e Pasticceria Le Cordon Bleu, con l'amore della sua vita, Naomi. Dei flashback mostrano il primo incontro tra MacLeod e Fitz, quando MacLeod proteggeva la figlia del Doge di Verona dalle proposte amorose di Fitz, nel 1637. Quando il geloso ex fidanzato di Naomi viene trovato morto vicino a un computer che sul monitor mostra le false credenziali professionali di Fitz, quest'ultimo fugge dalla Polizia. MacLeod capisce che Fitz è perseguitato da Kalas (David Robb), che lo ha seguito dagli Stati Uniti. Kalas combatte con Fitz e ne ottiene la testa mentre MacLeod guarda, impossibilitato ad interferire.

Il primo immortale[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quando due Osservatori vengono uccisi da Kalas (David Robb), Joe capisce che Kalas è alla ricerca di Methos (Peter Wingfield), il mitico "primo Immortale." MacLeod sa che, con l'uccisione di Methos, Kalas diventerebbe forte abbastanza per batterlo. Kalas e MacLeod iniziano una gara per essere i primi a trovare Methos. Nel frattempo, Richie tenta la sua strada come pilota in una squadra di gare in motocicletta e il campione, Basil, inizia ad essere nervoso. I flashback portano a Parigi negli anni '20, quando Kalas, allora conosciuto come Antonio Neri, era una stella del mondo dell'opera. Quando Kalas tenta di assassinare una giovane cantante protetta da MacLeod, loro combattono. Kalas scappa, ma non prima che MacLeod gli infligga una ferita alle corde vocali che segnano la fine di un'esistenza dedicata al canto fin dal Medio Evo. Kalas trova Methos e inizia la battaglia, ma Methos capisce che non è in grado di sconfiggere Kalas, cosicché scappa e offre la sua testa a MacLeod. MacLeod rifiuta e tenta lui stesso di sconfiggere Kalas in combattimento, ma quando il combattimento si sta per concludere arriva la polizia guidata da Methos che lo fa arrestare per l'uccisione dei due Osservatori.

Ritorno nella notte[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quando l'Immortale Ceirdwyn (Kim Johnston Ulrich) e suo marito vengono presi di mira da una gang di strada che a colpi di pistola uccidono l'uomo e credono di avere ucciso anche la donna, quest'ultima riporta alla luce le sue origini e la sua natura di guerriera celtica per compiere la sua vendetta sulla gang, per ucciderli uno alla volta. McLeod, mmentre sta guardando Richie ottenere i suoi successi in pista, pizzica un giovane borseggiatore, Paolo, fratello di uno della banda di assassini, e si trova coinvolto nella vendetta di Ceirdwyn. MacLeod, conosce Ceirdwyn/Flora MacDonald fin da prima che entrambi aiutassero il Principe Carlo (Benjamin Pullen) a scappare come profugo dalla Scozia nel 1746, e sente che deve fermarla e farle capire che la vendetta non è la risposta - una lezione che lei diete a MacLeod nel periodo sanguinario successivo a Culloden. In risposta, Ceirdwyn aiuta MacLeod a vedere che, anche amare un mortale mette in pericolo il mortale, ma sta al mortale decidere se correre il rischio. MacLeod telefona a Anne. Contemporaneamente, Richie "muore" in un incidente durante una gara, un incidente nel quale muore anche il campione, Basil.

La testimonianza[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

MacLeod decide di dire ad Anne la verità sull'Immortalità e lei vola a Parigi per stare con lui. All'uscita dell'aeroporto, Anne aiuta a salvare la vita ad una giovane donna, Tasha (Selina Giles), che agisce come corriere di droga per la mafia russa. Tasha è la fidanzata di Kristov (Alexis Daniel), il capo della banda russa e nella storia passata il capo di una banda di Cosacchi che MacLeod incontrò sulla via dell'Oriente nel 1750. Preoccupata per Tasha, Anne prova a convincerla a testimoniare contro Kristov, mentre Kristov è determinato ad uccidere la ragazza prima che possa testimoniare. Richie è rapito da Kristov che lo tiene in ostaggio. MacLeod deve scegliere tra uccidere Kristov o salvare Richie, ma Richie riesce a liberarsi e cercando la sua strada per diventare un vero Immortale combatte ed uccide Kristov.

Peccati mortali[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Padre Bernard (Roger Bret) ha un segreto in fondo alla Senna da oltre 50 anni. Quando l'Immortale Ernest Daimler (Ernst Daimler), il Maggiore Nazista che da bambino Bernard ha ucciso e buttato nel fiume, ritorna in vita e ricompare nella sua chiesa non invecchiato di un giorno. Padre Bernard capisce che lui è come MacLeod. Come da bambino, Bernard rivede MacLeod morire e rivivere durante una missione della Resistenza francese e del quale fatto ha sempre mantenuto il segreto. Padre Bernard va da MacLeod in cerca di aiuto. Contemporaneamente, Anne dice a MacLeod di essere in cinta - di un altro uomo nel quale ha cercato conforto dopo la "morte" di MacLeod. MacLeod prova e riesce a realizzare l'idea di diventare padre. Quando Daimler uccide Padre Bernard e si accinge a fare lo stesso con Anne, MacLeod lo uccide con la donna come testimone e questo le permette di capire cosa veramente significhi fare parte della vita di MacLeod. Incapace di convivere con la parte di sé che era felice di vedere Daimler morire, Anne lascia MacLeod.

Il dubbio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quando un disegno di Leonardo Da Vinci di inestimabile valore viene rubato a un amico di MacLeod in una rapina nella quale sono rimasti uccise le due guardie, MacLeod si offre di agire come intermediario nello scambio per il recupero dell'oggetto trafugato. Egli scopre che il disegno è stato rubato da Kagan (Paudge Behan), un Immortale che ha già incontrato una volta a Parigi nel 1930 e anche quella volta l'uomo stava derubando una banca uccidendo senza pietà delle persone innocenti e proprio per quest'ultimo gesto MacLeod uccise il suo mentore. Nel frattempo, Maurice (Michel Modo) chiede a MacLeod di parlare con la sua irrequieta nipote, Simone (Geraldine Cotte). Si scopre che Simone ha più problemi di quanto immagini Maurice - lei fa la prostituta ed è complice di Kagan. MacLeod trova Kagan, il quale professa la sua innocenza nell'uccisione delle guardie e promette di cambiare stile di vita se MacLeod lo aiuterà. Quando Simone, l'unica testimone dell'uccisione delle guardie da parte di Kagan, viene uccisa, MacLeod comprende che Kagan non potrà mai cambiare e lo sfida ottenendone la testa.

Partita finale-Parte 1[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Accidentalmente Amanda (Elizabeth Gracen) aiuta Kalas (David Robb) a scappare dalla prigione nel tentativo di aiutare MacLeod uccidendo Kalas lei stessa. Dopo un attentato alla vita di Maurice (Michel Modo) sventato da MacLeod, Kalas rapisce Amanda per usarla come esca per MacLeod, ma Amanda riesce a scappare. Contemporaneamente, Christine Salzer, la vedova di un Osservatore ucciso da Kalas (nell'episodio "Methos") decide di ottenere la sua rivincita sugli Immortali e sugli Osservatori portando i loro segreti alla conoscenza dei media. Dawson e Methos (Peter Wingfield) si uniscono per provare a fare cambiare idea a Christine, ma lei è decisa di portare un CD contenente tutti i nomi e i dati degli Immortali e degli Osservatori a un editore. Dawson, disperato, prova ad ucciderla all'ingresso della redazione del quotidiano, ma è fermato da MacLeod e Methos. Christine entra nell'edificio e gli Immortali e l'Osservatore comprendono che le loro vite stanno cambiando per sempre.

Partita finale-Parte 2[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mentre Christine dice la sua storia all'editore del quotidiano, MacLeod e Amanda (Elizabeth Gracen), consapevoli che il loro mondo sta per finire, ammettono finalmente di amarsi l'un l'altra. Kalas (David Robb) uccide Christine e l'editore e ruba il disco del computer prima che loro abbiano la possibilità di diffondere la storia. Kalas propone a MacLeod uno scambio - MacLeod si fa decapitare o il contenuto del disco viene reso pubblico. Dawson e gli Osservatori tentano di trovare Kalas, ma l'unica cosa che ottengono è l'uccisione di altri Osservatori. Methos (Peter Wingfield) prova a parlare a MacLeod, ma MacLeod accetta di combattere con Kalas in cima alla Torre Eiffel. Kalas è sconfitto e la Reminiscenza, amplificata dalla Torre, manda in sovraccarico la rete elettrica tanto da distruggere tutti i computer nelle vicinanze - incluso quello di Kalas. Le informazioni sul disco sono distrutte e gli Immortali e gli Osservatori conservano il loro anonimato.

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione