Episodi di Criminal Minds: Suspect Behavior

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La prima ed unica stagione della serie televisiva Criminal Minds: Suspect Behavior è stata trasmessa in prima visione negli Stati Uniti d'America da CBS dal 16 febbraio al 25 maggio 2011.

In Italia è stata trasmessa in prima visione satellitare da Fox Crime dal 19 maggio[1] all'11 agosto 2011; l'episodio 1x08 Lo sparviero è stato trasmesso erroneamente il 23 giugno 2011 al posto dell'episodio 1x06 Devozione. Successivamente è stata trasmessa in chiaro anche da Rai 2 dal 24 gennaio 2012.[2]

Nella Svizzera italiana è stata trasmessa in prima visione in chiaro in lingua italiana da RSI LA2 dal 5 giugno al 28 settembre 2011.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Two of a Kind Destini incrociati 16 febbraio 2011 19 maggio 2011
2 Lonely Hearts Cuore solitario 23 febbraio 2011 26 maggio 2011
3 See No Evil Le tre scimmiette 2 marzo 2011 2 giugno 2011
4 One Shot Kill Sotto tiro 9 marzo 2011 9 giugno 2011
5 Here Is the Fire Ecco qui il fuoco 16 marzo 2011 16 giugno 2011
6 Devotion Devozione 23 marzo 2011 7 luglio 2011
7 Jane Jane 30 marzo 2011 30 giugno 2011
8 Night Hawks Lo sparviero 6 aprile 2011 23 giugno 2011
9 Smother Amore che soffoca 13 aprile 2011 14 luglio 2011
10 The Time Is Now Il momento è arrivato 4 maggio 2011 21 luglio 2011
11 Strays Vite randagie 11 maggio 2011 28 luglio 2011
12 The Girl in the Blue Mask La ragazza con la maschera blu 18 maggio 2011 4 agosto 2011
13 Death by a Thousand Cuts Una vita per una vita 25 maggio 2011 11 agosto 2011

Destini incrociati[modifica | modifica sorgente]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Sam Cooper e la sua squadra si recano a Cleveland per indagare sul rapimento di Samantha, una bambina di otto anni. Sulla scena dell'accaduto giunge la madre di un'altra bambina, Aicha, rapita pochi giorni prima nella stessa città, ma in un quartiere degradato, che chiede che venga data importanza anche alla scomparsa di sua figlia. Col susseguirsi delle indagini e con l'aiuto informatico di Penelope, si scopre che c'è un collegamento tra i due casi ed anche con due rapimenti avvenuti molto tempo prima. Il ritrovamento dei cadaveri di due delle quattro bambine scomparse, fornisce importanti indizi che portano la squadra sulle orme del criminale. Riescono infatti a trovarlo sul luogo dove voleva uccidere ancora e, braccato dagli agenti Simms e Cooper, si suicida. Samantha e Aicha sono salve e si ricongiungono alle loro famiglie. Di ritorno alla base, il direttore dell'FBI sospende il periodo di prova a Simms e lo nomina "Agente speciale effettivo".

Cuore solitario[modifica | modifica sorgente]

Trama[modifica | modifica sorgente]

A Cincinnati vengono accoltellati a morte degli uomini di affari di passaggio in città. La squadra di Sam si reca sul posto per indagare, anche se appare subito un caso complicato, in quanto non c'è alcun collegamento tra le vittime. Dopo varie ricerche, Penelope riesce a risalire ad un vecchio caso che si rivelerà molto utile per proseguire verso la verità. Si scopre che un carcerato, Marcus Lee Graham, è riuscito a convincere una delle sue ammiratrici a continuare a sedurre e poi uccidere, prendendo esempio dal suo modus operandi. Il detenuto pensa di mettere in fallo gli agenti, ma questi riescono a trovare la donna che compiva gli omicidi per sua procura, salvando la vita ad una ragazza, sopravvissuta all'aggressione di Graham.

Le tre scimmiette[modifica | modifica sorgente]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Tucson, Arizona. Nel parcheggio di un supermercato viene rinvenuto il cadavere di un uomo a bordo della sua auto. Alla vittima sono stati asportati gli occhi, che vengono poi rinvenuti in un rivenditore automatico del giornale locale. Questo ritrovamento fornisce un punto di partenza: tra i necrologi sulla rivista c'è quello di uomo, morto in sala operatoria in seguito ad un'operazione al ginocchio e la cui moglie ha deciso di avere giustizia. Mentre proseguono le indagini, viene uccisa un'infermiera, trovata con un rompighiaccio infilzato nell'orecchio. I sospetti sono rivolti tutti verso la vedova, ma risultano infondati. L'attenzione si sposta quindi su una denuncia anonima inviata all'Ordine dei medici per i troppi decessi causati da un'infezione da stafilococco. Si scopre che la denuncia era stata inoltrata da un'infermiera che aveva lavorato nell'ospedale ed in altri in cui erano dilagate infezioni. Era lei a spargerle con l'intento di salvare chi veniva colpito e trarne così un riconoscimento. Viene bloccata da Sam e dalla sua squadra mentre tenta di uccidere l'avvocato portavoce della struttura medica.

Sotto tiro[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo originale: One Shot Kill
  • Diretto da: Terry McDonough
  • Scritto da: Rob Fresco

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un cecchino sta scatenando il panico a Chicago, uccidendo persone scelte a caso con l'unico scopo di migliorare le sue capacità. Quando scopre che nella squadra di indagine c'è l'agente Rawson, ex cecchino, aumenta il numero di omicidi, per dimostrargli la sua bravura. Si scopre che il killer è figlio di un soldato che gli ha insegnato ad utilizzare le armi da fuoco, ma che poi gli ha impedito di entrare in qualsiasi corpo militare per via di disturbi psicologici. Questi omicidi sono, quindi, una rivalsa nei confronti del defunto padre e, per concludere la sua missione, programma una strage nel luogo della sua commemorazione. Grazie alla preparazione di Rawson, viene trovato il punto in cui è appostato e fermato prima che possa compiere il folle gesto.

Ecco qui il fuoco[modifica | modifica sorgente]

Trama[modifica | modifica sorgente]

In seguito all'esplosione in una scuola superiore a Fredericksburg, la squadra si reca sul posto per individuare il responsabile. Prima vengono sospettati il preside della scuola ed un alunno dalla situazione famigliare disastrata, ma entrambi risultano innocenti. Le indagini si orientano verso motivazioni religiose, in quanto alcune scritte trovate fanno parte di un versetto riguardante il sacrificio di Isacco. Si scopre così che un uomo, dopo aver perso la moglie per parto, ha deciso di abbracciare un nuovo pericoloso culto che è contro la sovrappopolazione. Questo gli ha fatto decidere di uccidere i suoi tre figli e compiere stragi, mettendo nei loro zaini degli ordigni. Gli altri due attentati vengono evitati, due dei tre figli sono in salvo e l'uomo viene arrestato.

Devozione[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo originale: Devotion
  • Diretto da: Stephen Cragg
  • Scritto da: Shintaro Shimosawa

Trama[modifica | modifica sorgente]

Due padri di famiglia vengono rapiti e trovati impiccati in due diversi stati. La squadra si mette subito al lavoro e, capendo dalla cartina che l'omicida sta seguendo l'autostrada che attraversa questi stati, tracciando una linea retta, cercano di fermarlo, ma, purtroppo viene commesso un altro omicidio. Durante quest'ultimo evento, viene registrata una chiamata al 911, che fornisce importantissimi indizi per continuare nella giusta direzione. L'ultima vittima, che sarebbe anche il vero obiettivo dell'odio dell'assassino, dovrebbe essere un politico di una città del distretto di Columbia. Si scopre infatti che quest'uomo ha abbandonato i figli avuti dal primo matrimonio, per trasferirsi altrove e rifarsi una vita. Questi ragazzi vivevano in condizioni precarie, passando da varie famiglie in affido, fino a quando Tami, la figlia maggiore, si suicida dopo aver visto un volantino elettorale che ritrae l'uomo con la nuova famiglia. Il fratello, traumatizzato dall'evento, decide di avere vendetta. Viene bloccato prima che uccida il padre, la nuova moglie e l'altra figlia.

Lo sparviero[modifica | modifica sorgente]

  • Titolo originale: Night Hawks
  • Diretto da: Dwight Little
  • Scritto da: Ian Goldberg

Trama[modifica | modifica sorgente]

Quattro uomini della stessa giovane età, razza, statura e aspetto, vengono uccisi brutalmente a poche ore di distanza l'uno dall'altro. Sam Cooper e la sua squadra arrivano a Tulsa, città dove sono avvenuti i crimini. L'assassino risponde al cellulare dell'ultima vittima e chiede perdono alla madre del ragazzo. Questa conversazione e la successiva apparizione in tv della donna, porteranno l'uomo a mettersi in contatto con gli agenti speciali. Un altro omicidio viene consumato, ma, a differenza degli altri, la vittima è un uomo adulto. Dalle indagini emergono delle connessioni con il vecchio caso di un giovane che ha ucciso con una mazza da baseball, stessa arma usata per gli altri omicidi, cinque persone. Si scopre, alla fine, che l'assassino è il padre di questo omicida, che, incolpato per i crimini del figlio, non è mai riuscito a tornare a vivere serenamente e a pagare le cure della moglie, vittima di un esaurimento in seguito alla situazione famigliare.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Debora Marighetti, Criminal Minds: Suspect Behaviour da questa sera su FoxCrime in tvblog.it, 19 maggio 2011. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  2. ^ Criminal Minds: Suspect behavior, lo spin-off di Criminal Minds da stasera su Raidue in tvblog.it, 24 gennaio 2012. URL consultato il 1º febbraio 2012.
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione