Episodi di Code Lyoko - Evolution

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Code Lyoko - Evolution.

I 26 episodi di Code Lyoko - Evolution sono stati trasmessi sul canale francese France 4 dal 5 gennaio 2013.[1] I primi due episodi furono proiettati in anteprima privatamente il 5 dicembre 2012.

Dal ventesimo episodio la stagione è andata in onda in prima visione assoluta in Ungheria, per poi ricominciare in Francia il 12 dicembre 2013[2].

Titolo originale francese Prima TV originale
1 XANA 2.0 5 gennaio 2013
2 Cortex 5 gennaio 2013
3 Spectromania 5 gennaio 2013
4 Mme Einstein 19 gennaio 2013
5 Rivalité 26 gennaio 2013
6 Soupçons 2 febbraio 2013
7 Compte-à-rebours 9 febbraio 2013
8 Virus 16 febbraio 2013
9 Comment tromper XANA 23 febbraio 2013
10 Le réveil du guerrier 2 marzo 2013
11 Rendez-vous 9 marzo 2013
12 Chaos à Kadic 16 marzo 2013
13 Vendredi 13 23 marzo 2013
14 Intrusion 30 marzo 2013
15 Les sans-codes 6 aprile 2013
16 Confusion 13 aprile 2013
17 Un avenir professionnel assuré 20 aprile 2013
18 Obstination 27 aprile 2013
19 Le piège 4 maggio 2013 (online)
20 Espionnage 27 luglio 2013
21 Faux-semblants 28 luglio 2013
22 Mutinerie 29 luglio 2013
23 Le blues de Jérémie 30 luglio 2013
24 Paradoxe temporel 31 luglio 2013
25 Hécatombe 1º agosto 2013
26 Ultime mission 2 agosto 2013

XANA 2.0[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Aelita crede di vedere i segni del ritorno di XANA. Jeremy, però, non le crede, così i Guerrieri Lyoko riaccendono il Supercomputer e tornano su Lyoko, dove scoprono che l'amica aveva ragione: XANA, prima di essere distrutto, aveva impiantato dei codici sorgente (contenenti alcuni dei suoi dati) in Aelita, Yumi, Ulrich ed Odd, in modo da non scomparire completamente. Con il passare del tempo, questi codici hanno permesso a XANA non solo di sopravvivere, ma anche di rigenerarsi. Ora il virus manda i suoi spettri per recuperarli: quando li avrà tutti, riacquisterà completamente anche il suo potere.

Cortex[modifica | modifica wikitesto]

Jeremy individua un segnale del Mare Digitale e con l'aiuto di Aelita riprogramma la Skidbladnir. Intanto, William cerca di farsi riammettere nei Guerrieri Lyoko, ma nessuno si fida più di lui. Durante una missione in cui Odd è assente i Guerrieri scoprono un altro mondo virtuale, non una Replika di XANA, bensì un mondo virtuale prima sconosciuto: il Cortex. Yumi e Ulrich si fanno devirtualizzare, ma non ritornano sulla Terra, così Aelita va nel Cuore del Cortex alla ricerca dei loro codici. Qui viene attaccata da un Krabe, ma William giunge in suo aiuto. Ripristinati i codici sorgente dei due amici, Aelita vede un'immagine di suo padre prima di andarsene, e William si riguadagna la fiducia degli amici dopo averla salvata.

Spectromania[modifica | modifica wikitesto]

XANA manda uno spettro polimorfo sulla Terra, che attacca i Guerrieri Lyoko: Aelita diventa cieca, Yumi ha la nausea e Ulrich sente dei suoni. Solo Odd rimane sano. I Guerrieri partono per Lyoko per risolvere il problema, ma una volta a destinazione Aelita e Ulrich vengono devirtualizzati. A sorpresa, però, è Yumi a disattivare la torre. Una seconda torre, tuttavia, viene attivata: Yumi, però, viene devirtualizzata, così è Odd a disattivarla. Questa loro nuova capacità deriva dai codici che XANA ha impiantato dentro di loro. I Guerrieri scoprono inoltre che l'entità virtuale ha riguadagnato il 70% del suo potere.

Mme Einstein[modifica | modifica wikitesto]

Jeremy ha messo a punto una nuova macchina virtuale in modo che i Guerrieri Lyoko possano muoversi in sicurezza sull'anello di Cortex. Una missione è stata organizzata per cercare, ma anche per raccogliere, informazioni su Franz Hopper, padre di Aelita. Nel frattempo, i ragazzi devono fare i conti con Laura, una studentessa interessata alle loro attività.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Olivier Fallaix, CODE LYOKO EVOLUTION daté, 30 novembre 2012. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  2. ^ (FR) 2013, un an de diffusion et non-diffusion de Evolution. URL consultato il 16 dicembre 2013.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione