Episodi de I Simpson (terza stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Episodi de I Simpson.

La terza stagione de I Simpson (serie di produzione 8F) è andata in onda negli Stati Uniti dal 19 settembre 1991 al 7 maggio 1992; l'ultimo episodio è stato trasmesso il 27 agosto 1992.

La stagione contiene due episodi della serie di produzione 7F, relativa alla precedente stagione.

In Italia è andata in onda per la prima volta su Canale 5 fra l'ottobre del 1993 e il marzo del 1994.

Dal 6 ottobre 2003 è in vendita il cofanetto della terza stagione completa.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Codice di produzione Titolo Titolo originale Prima TV USA Stati Uniti Prima TV Italia Italia
1 7F24 Papà-zzo da legare Stark Raving Dad 19 settembre 1991 10 ottobre 1993
2 8F01 Il signor Lisa va a Washington Mr. Lisa Goes to Washington 26 settembre 1991 17 ottobre 1993
3 7F23 Quando Flanders fallì When Flanders Failed 3 ottobre 1991 7 novembre 1993
4 8F03 Bart l'assassino Bart the Murderer 10 ottobre 1991 24 ottobre 1993
5 8F04 Homer definito Homer Defined 17 ottobre 1991 21 novembre 1993
6 8F05 Tale padre, tale clown Like Father, Like Klown 24 ottobre 1991 28 novembre 1993
7 8F02 La paura fa novanta II Treehouse of Horror II: A Simpsons Halloween 31 ottobre 1991 30 novembre 1993
8 8F06 Il pony di Lisa Lisa's Pony 7 novembre 1991 14 novembre 1993
9 8F07 Sabati di tuono Saturdays of Thunder 14 novembre 1991 5 dicembre 1993
10 8F08 Flambé Boe Flaming Moe's 21 novembre 1991 12 dicembre 1993
11 8F09 Il licenziamento di Homer Burns Verkaufen der Kraftwerk 5 dicembre 1991 19 dicembre 1993
12 8F10 Ho sposato Marge I Married Marge 26 dicembre 1991 26 dicembre 1993
13 8F11 Radio Bart Radio Bart 9 gennaio 1992 2 gennaio 1994
14 8F12 Lisa l'indovina Lisa the Greek 23 gennaio 1992 9 gennaio 1994
15 8F14 Homer da solo Homer Alone 6 febbraio 1992 16 gennaio 1994
16 8F16 Bart l'amante Bart the Lover 13 febbraio 1992 30 gennaio 1994
17 8F13 Homer alla battuta Homer at the Bat 20 febbraio 1992 6 marzo 1994
18 8F15 Vocazioni diverse Separate Vocations 27 febbraio 1992 23 gennaio 1994
19 8F17 Morire come un cane Dog of Death 12 marzo 1992 6 febbraio 1994
20 8F19 Il colonnello Homer Colonel Homer 26 marzo 1992 20 febbraio 1994
21 8F20 Il vedovo nero Black Widower 9 aprile 1992 27 febbraio 1994
22 8F21 Lo show di Otto The Otto Show 23 aprile 1992 13 marzo 1994
23 8F22 L'amico di Bart s'innamora Bart's Friend Falls in Love 7 maggio 1992 20 marzo 1994
24 8F23 Fratello, avresti da darmi due soldi? Brother Can You Spare Two Dimes? 27 agosto 1992 27 marzo 1994

Papà-zzo da legare[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Al Jean e Mike Ross
  • Regia: Rich Moore
  • Messa in onda originale: 19 settembre 1991
  • Messa in onda italiana: 10 ottobre 1993

In seguito a un lavaggio sbagliato in lavatrice, la polo bianca di Homer diventa rosa. Homer si reca sul posto di lavoro e notato come anarchico dal signor Burns viene costretto a compilare un test psicologico, ma per eccesso di pigrizia incarica Bart di compilare il questionario. Risultato pazzo Homer finisce ricoverato in un manicomio dove incontra un ragazzone che pensa di essere Michael Jackson, Homer non conoscendo Michael Jackson gli crede. Chiarito il malinteso della pazzia Homer invita Michael a casa sua dove aiuta Bart a scrivere e comporre una canzone di buon compleanno per Lisa. Compiuta la buona azione egli rivela la sua vera identità (un muratore di nome Leon) e se ne va per la sua strada, deciso ad aiutare altri bisognosi.

  • Guest star: Michael Jackson (voce di "Michael Jackson" / Leon Kompowsky, accreditato come John Jay Smith)
  • Frase alla lavagna: Io non sono un dentista
  • Gag del divano: il divano si ribalta e sfonda il muro.

Il signor Lisa va a Washington[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: George Meyer
  • Regia: Wesley Archer
  • Messa in onda originale: 26 settembre 1991
  • Messa in onda italiana: 17 ottobre 1993

Lisa partecipa a un concorso per il tema più patriottico. Riesce a superare i primi turni e, arrivata alla finale a Washington, scopre che tra i politici serpeggia la corruzione. Modifica allora il suo tema che crea scandalo e, nonostante i complimenti ricevuti, non vince l'ambito premio.

Quando Flanders fallì[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jon Vitti
  • Regia: Jim Reardon
  • Messa in onda originale: 3 ottobre 1991
  • Messa in onda italiana: 7 novembre 1993

Ned Flanders, il vicino di Homer, decide di aprire un negozio per mancini all'interno del centro commerciale di Springfield per dare una migliore qualità di vita ai numerosissimi mancini della città. Homer, invidioso di questa iniziativa, sembra ignorare che attorno a lui ci sono numerosi mancini, e a nessuno di loro consiglia di andare al "Sinistrorium" aperto da Ned, compreso al suo capo, Montgomery Burns. Ned, vedendo che il negozio è in cattive acque, decide di venderlo, e per pagare i debiti è costretto a vendere tutto l'arredamento della sua casa a Homer per soli 75 dollari. Homer all'inizio è ben felice di liberarsi del suo odiato vicino, ma poi ha uno scatto di coscienza, e con un giro di telefonate svela a tutti i mancini di Springfield l'esistenza del Sinistrorium, e restituisce a Ned tutti gli oggetti comprati. Alla fine Ned non vende più il suo negozio, che apparirà in molte altre puntate della serie.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: A nessuno piacciono le pacche sulle scottature
  • Gag del divano: i Simpson ballano una danza esotica.

Bart l'assassino[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: John Swartzwelder
  • Regia: Rich Moore
  • Messa in onda originale: 10 ottobre 1991
  • Messa in onda italiana: 24 ottobre 1993

Bart, tornando a scuola, cade in un sottoscala, dove ha la sede il circolo dei mafiosi di Springfield. Lì il ragazzo riesce a conquistare la fiducia del boss mafioso Tony Ciccione, che lo assume come barman e lo usa come copertura per gli affari illeciti. Bart un giorno arriva in ritardo, trattenuto da una punizione affibbiatagli dal preside Seymour Skinner, e così Tony Ciccione decide di eliminare il preside affinché non faccia arrivare più Bart in ritardo. Tutti credono che Skinner sia morto, e quindi il clan mafioso viene portato in tribunale, compreso Bart, che viene fatto passare come il capo della banda, ma proprio mentre il giudice sta per condannarlo, arriva il preside Skinner, che lo salva dicendo di non essere stato ucciso, ma di essere rimasto intrappolato nella sua cantina per la caduta di una pila di giornali. Il processo finisce con una assoluzione collettiva, e Bart, capito che il crimine non paga, rinuncia al lavoro come barman.

  • Guest star: Neil Patrick Harris (voce di se stesso)
  • Frase alla lavagna: Esplosivi e scuola non vanno d'accordo
  • Gag del divano: i Simpson entrano e si mettono carponi sul divano formando una piramide.

Homer definito[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Howard Gerwitz
  • Regia: Mark Kirkland
  • Messa in onda originale: 17 ottobre 1991
  • Messa in onda italiana: 21 novembre 1993

Homer riesce a sventare la catastrofe nucleare premendo un tasto a caso sulla sua consolle. Burns lo manda a fare un discorso motivazionale alla vicina centrale di Shelbyville. Arrivato lì non sa cosa dire e, quando anche la centrale di Shelbyville sta per esplodere e gli chiedono di salvarli, questi comincia a canticchiare una filastrocca e a premere un tasto a caso, che li salva dalla catastrofe.

  • Guest star: Jon Lovitz (voce di Aristotele Amadopoulis), Magic Johnson (voce di se stesso), Chick Hearn (voce di se stesso)
  • Frase alla lavagna: Non farò stridere il gesso
  • Gag del divano: sul divano è seduto un alieno, che scappa prima che entrino i Simpson.

Tale padre, tale clown[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jay Kogen e Wallace Wolodarsky
  • Regia: Jeffrey Lynch e Brad Bird
  • Messa in onda originale: 24 ottobre 1991
  • Messa in onda italiana: 28 novembre 1993

Bart e Lisa vedono spesso Krusty rifiutare le proprie origini ebree e gli chiedono chi sia suo padre. Egli risponde che suo padre è un noto rabbino e che non gli parla da quando ha deciso di fare il clown, in quanto un figlio di rabbino non potrà mai fare un mestiere come quello del buffone. I due ragazzi cercano di rimettere insieme i due e, dopo numerose ricerche, trovano il padre di Krusty e cercando di convincerlo a riconciliarsi con il figlio. Dopo diversi rifiuti da padre del rabbino, i due tornano insieme e riallacciano i loro rapporti.

  • Guest star: Jackie Mason (voce di rabbino Hyman Krustofsky)
  • Frase alla lavagna: Finirò quello che ho iniziato (l'ultima frase verrà lasciata a metà)
  • Gag del divano: La famiglia si siede, mentre Bart si distende sopra di loro.

La paura fa novanta II[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La paura fa novanta I-X#La paura fa novanta II.
  • Sceneggiatura: Al Jean, Mike Reiss, Jeff Martin, George Meyer, Sam Simon e John Swartzwelder
  • Regia: Jim Reardon
  • Messa in onda originale: 31 ottobre 1991
  • Messa in onda italiana: 30 novembre 1993

È di nuovo Halloween e Bart e Lisa sono tornati a casa carichi di dolci, che, assieme ad Homer, mangiano senza ritegno. Questo causerà loro brutti incubi:

  • La mano della scimmia
    Questa storia è l'incubo di Lisa: Homer compra una zampa di scimmia da un misterioso venditore, il quale afferma che essa è magica e può realizzare alcuni desideri, ma a un caro prezzo.
    Quando tornano a casa, Maggie esprime il suo desiderio: all'improvviso una limousine si ferma davanti alla porta di casa Simpson. In realtà, però, l'autista del veicolo era arrivato solo per consegnare un ciuccio nuovo a Maggie! Bart allora desidera che i Simpson diventino ricchi e famosi: ciò accade, ma tutti iniziano a non sopportarli più per via del merchandising a loro correlato. Lisa intanto desidera la pace nel mondo, cosa che si verifica. Kang e Kodos, però, ne approfittano per invadere la Terra, e nessuno li può fermare dato che tutte le armi del mondo sono state distrutte, nonostante gli alieni siano armati soltanto di fionde.
    Homer, dopo aver sprecato un desiderio, getta via la zampa, che viene raccolta da Ned Flanders: Ned desidera che gli alieni se ne vadano e per questo diventa l'uomo più popolare della città.
  • La zona Bart
    L'incubo di Bart. In questa storia Bart sogna di essere un ragazzo dotato di poteri psichici con cui può modificare la realtà a proprio piacimento. Dato che è anche capace di leggere la mente delle persone, tutti coloro che non pensano a cose felici vengono rapidamente tramutati in bizzarre creature. Bart è libero di tiranneggiare tutti gli abitanti di Springfield, fino a quando Homer lo fa arrabbiare, cambiando canale mentre il figlio sta guardando Krusty il clown: per tutta risposta Bart trasforma Homer in un pupazzo a molla.
    I familiari, per risolvere la situazione, portano entrambi dal dr. Marvin Monroe, il quale suggerisce che padre e figlio dovrebbero passare più tempo assieme. Homer e Bart si dilettano in mille attività insieme, fino a quando quest'ultimo chiede a Homer come può ripagarlo, e lui risponde che vuole indietro il suo corpo. Bart, allora, lo fa tornare normale
  • Se solo avessi un cervello
    Homer sogna di essere licenziato dalla centrale nucleare perché dormiva durante le ore di lavoro. Il signor Burns è convinto che il problema della sua centrale siano gli operai, per questo li vuole rimpiazzare con dei robot. Un prototipo è già pronto, però necessita di un cervello umano per funzionare correttamente.
    Intanto, Homer trova lavoro come becchino al cimitero di Springfield, però anche qui si addormenta sul lavoro, e lo fa in una fossa appena scavata. La notte, Burns e Smithers arrivano al cimitero per trafugare cadaveri freschi in modo da estrarre loro il cervello da usare nel robot, e trovano Homer: credendo che sia un cadavere, lo portano con sé al laboratorio.
    L'esperimento funziona, solo che il robot acquista tutte le caratteristiche comportamentali di Homer. Deluso dal risultato dell'esperimento, Burns fa per distruggere la macchina, che però si ribalta schiacciandolo. A quel punto Homer si sveglia, ma scopre che la testa del signor Burns è stata attaccata al suo corpo.
  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: assente
  • Gag del divano: assente

Il pony di Lisa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Il pony di Lisa.
  • Sceneggiatura: Al Jean e Mike Reiss
  • Regia: Carlos Baeza
  • Messa in onda originale: 7 novembre 1991
  • Messa in onda italiana: 14 novembre 1993

Lisa ha bisogno di un'ancia per il suo sassofono per il saggio di musica che si terrà a scuola nel pomeriggio. Chiede allora a Homer di passare per il negozio di musica per comprare l'ancia.

Homer riesce ad acquistare l'ancia, ma quando giunge a scuola è troppo tardi, poiché Lisa ha già cominciato a suonare senza l'ancia con risultati disastrosi. L'uomo è dispiaciuto; decide allora di voler riconquistare l'affetto di Lisa regalandole un pony che costa 5 000 dollari, ricorrendo a un prestito di Burns.

Ma mantenere un pony costa e Homer è costretto a lavorare anche di notte presso il Jet Market di Apu e non riesce più a dormire. Marge è costretta a rivelare a Lisa degli alti costi per il mantenimento del pony e soprattutto degli sforzi che sta facendo Homer per mantenerlo. Lisa, a malincuore, decide di restituire il pony, permettendo così al padre di smettere di lavorare al Jet Market di Apu. Homer può godersi il resto della giornata con la figlia.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: I "Bart Bigliettoni" non sono valuta legale
  • Gag del divano: Homer si sdraia sul divano, gli altri si siedono sopra di lui.

Sabati di tuono[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Ken Levine e David Isaacs
  • Regia: Jim Reardon
  • Messa in onda originale: 14 novembre 1991
  • Messa in onda italiana: 5 dicembre 1993

Marge fa a fare a Homer un test su quanto conosca il proprio figlio. Il risultato è disastroso e, cercando di avere un rapporto più stretto con il figlio, Homer lo aiuta a costruire il carrettino da corsa. Quando, però, Martin gli offre di guidare il suo go-kart, in quanto infortunato, egli accetta, voltando le spalle al padre. Il giorno della gara, Homer è a casa e guarda la gara dalla televisione. Mentalmente ripassa le domande del test e riesce a rispondere a ogni punto. Corre allora a vedere il figlio gareggiare. Bart, vedendolo sugli spalti si rianima e vince il trofeo.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: Non fingerò di essere idrofobo
  • Gag del divano: i Simpson si siedono sul divano e sprofondano nei cuscini.

Flambé Boe[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Robert Cohen
  • Regia: Rich Moore e Alan Smart
  • Messa in onda originale: 21 novembre 1991
  • Messa in onda italiana: 12 dicembre 1993

Homer è a casa da solo, con i figli, che non gli danno tregua. Decide di andarsene da Boe, dove scopre che il barista ha finito le scorte di birra. Si fa dare da Boe alcuni ingredienti ed escogita un drink, che aveva precedentemente sperimentato, il Flambé Homer. Boe, però, gli ruba la ricetta e la spaccia per sua, diventando ricco: il suo locale è ora frequentato da moltissima gente e addirittura gli Aerosmith si offrono di suonare nel bar. Nel locale arrivano richieste da produttori che vogliono carpirgli la ricetta del drink, ma Boe non la vuole cedere a nessuno.

Homer, arrabbiato, pretende di avere metà dei profitti. Boe, inizialmente riluttante, accetta, ma Homer, ormai ubriaco, sale sul tetto del Bar e rivela a tutti, produttori di bevande compresi, l'ingrediente segreto: sciroppo per la tosse di Krusty. Il locale si svuota, ma Boe e Homer ritornano amici.

  • Guest star: gli Aerosmith (voci di se stessi)
  • Frase alla lavagna: Le mutande si indossano sotto i pantaloni
  • Gag del divano: due ladri stanno portando via il divano: all'improvviso arrivano i Simpson e vi si siedono, ma i ladri li fanno cascare dal divano.

Il licenziamento di Homer[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jon Vitti
  • Regia: Matt Kirkland
  • Messa in onda originale: 5 dicembre 1991
  • Messa in onda italiana: 19 dicembre 1993

Il Signor Burns comincia a pensare al tempo che ha impiegato alla centrale nucleare e a tutte le cose che avrebbe potuto fare se non fosse stato sempre a lavorare e, in un momento propizio per le sue azioni, cede alle pressioni di un gruppo di tedeschi che gli propone di vendere la centrale per 100 milioni di dollari. I nuovi proprietari tedeschi cominciano a verificare la produttività dei dipendenti, per aumentare la rendita della centrale. Homer, però, dimostra di non essere idoneo per la mansione di ispettore di sicurezza alla centrale e viene licenziato; non gli rimane che passare il tempo a bere da Boe. Burns entra proprio nel locale per un drink, ma viene sbeffeggiato da Homer, che lo invoglia a riacquistare la centrale ad un prezzo molto più basso, visto lo stato in cui è ridotta. Burns, accortosi nel frattempo che senza denaro le persone non hanno più paura di lui, decide di ricomprare la centrale, che viene venduta per disperazione dai tedeschi, a causa dei grandi problemi tecnici, per 50 milioni di dollari. Burns riassume Homer, con l'intenzione, però, di vendicarsi un giorno o l'altro.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: La recita di Natale non è una schifezza
  • Gag del divano: il piccolo aiutante di Babbo Natale è seduto sopra il divano e ringhia ai Simpson quando arrivano; questi si allontanano lentamente.

Ho sposato Marge[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jeff Martin
  • Regia: Jeffrey Lynch
  • Messa in onda originale: 26 dicembre 1991
  • Messa in onda italiana: 26 dicembre 1993

Marge teme di essere incinta e va dal Dottor. Hibbert per scoprirlo. Nel frattempo Homer racconta ai propri figli, come si sono sposati lui e Marge, come è nato Bart e di come cercò di farsi assumere alla centrale nuclare per garantire un futuro stabile alla sua famiglia. Dopo il racconto, Marge torna a casa e rivela a tutti di non essere incinta.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: Non tormenterò gli emotivi
  • Gag del divano: i Simpson entrano facendo la ruota.

Radio Bart[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jon Vitti
  • Regia: Carlos Baeza
  • Messa in onda originale: 9 gennaio 1992
  • Messa in onda italiana: 2 gennaio 1994

Bart riceve in regalo un radio-microfono, che usa per fare scherzi ad amici e parenti. Dopo essersi stufato di questi semplici scherzetti, ne escogita uno più complesso. Getta la radio nel pozzo e simula la caduta di un ragazzino, Timmy. Tutta la città si mobilita per salvarlo, ma quando Lisa scopre dello scherzo dice a Bart che smemorato com'è ha lasciato l'etichetta col suo nome sull'apparecchio. Bart cerca di riprenderlo ma quando la polizia si accorge di una corda che dal ceppo di un albero porta alla fine del pozzo la leva per paura di inciamparci. Bart cade nel pozzo e deve rivelare a tutti la verità. La città ora lo odia per averli gabbati e non ha la minima intenzione di aiutarlo. Homer, però, non si dà per vinto e comincia a scavare un tunnel per soccorrere il figlio. Poco dopo, giungono altre persone che lo aiutano. Alla fine Bart viene salvato e promette di non fare mai più questi scherzi.

  • Guest star: Sting (voce di se stesso)
  • Frase alla lavagna: Non scolpirò statuine degli dei
  • Gag del divano: i Simpson si buttano sul divano, rimbalzando.

Lisa l'indovina[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jay Kogen e Wallace Wolodarsky
  • Regia: Rich Moore
  • Messa in onda originale: 23 gennaio 1992
  • Messa in onda italiana: 9 gennaio 1994

Lisa, per cercare di relazionarsi con il padre, guarda assieme a lui le partite di football, indovinando ogni volta la squadra vincente. Homer, allora, usa la bambina per vincere le scommesse. Lisa, però, si sente usata e, ogni volta che propone al padre di fare qualcosa che piaccia a lei, lui risponde di no. Alla fine, quando Homer capisce che sta sfruttando la figlia, smette di scommettere e la segua in una lunga cammina per le montagne.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: assente
  • Gag del divano: Homer si siede sopra il piccolo aiutante di Babbo Natale.

Homer da solo[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: David M. Stern
  • Regia: Mark Kirkland
  • Messa in onda originale: 6 febbraio 1992
  • Messa in onda italiana: 16 gennaio 1994

Marge è stressata e decide di prendersi una vacanza nel Rancho Relaxo, dopo averne visto una pubblicità in televisione. Bart e Lisa vengono affidati alle cure delle loro tremende zie, Patty e Selma, mentre Maggie resta da sola con il padre. All'inizio un po' impacciato, Homer riesce ad accudire la piccola, ma la terzogenita Simpson ha nostalgia della madre e la vede ovunque (un cactus le ricorda la sua chioma, ad esempio).

Per cercarla, scappa da casa e si perde. Homer la cerca ovunque, ma la piccola viene ritrovata dal commissario Winchester. Finalmente a casa, Marge viene accolta dal resto della famiglia, che la supplica di non lasciarsi soli mai più.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: Non sculaccerò gli altri
  • Gag del divano: i Simpson entrano e si mettono carponi sul divano formando una piramide.

Bart l'amante[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jon Vitti
  • Regia: Carlos Baeza
  • Messa in onda originale: 13 febbraio 1992
  • Messa in onda italiana: 30 gennaio 1994

Bart scrive per ripicca, fingendosi qualcun altro, delle false lettere d'amore alla sua insegnante, che si innamora del misterioso individuo e gli propone d'incontrarsi. Il ragazzo, ovviamente, non si presenta all'appuntamento, ma vede quanto ci sia restata male la sua insegnante. Scoperto dalla famiglia, alla fine decide di scrivere una ultima lettera, nel quale finge che il misterioso individuo se ne sia andato per sempre, pur promettendo di mantenere il ricordo della donna nel tempo.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: assente
  • Gag del divano: sul divano è seduto un alieno, che scappa prima che entrino i Simpson.

Homer alla battuta[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: John Swartzwelder
  • Regia: Jim Reardon
  • Messa in onda originale: 20 febbraio 1992
  • Messa in onda italiana: 6 marzo 1994

La centrale nucleare ha dato vita ad una squadra di baseball. Homer e i suoi colleghi si iscrivono e riescono a battere numerosi avversari. Ma quando l'ultima squadra rimasta, quella di Shelbyville, scommette con Burns sulla vittoria della propria squadra, questi ingaggia giocatori professionisti, lasciando Homer in panchina. Il giorno della partita, però, tutti i giocatori, tranne uno (il sostituto di Homer), non si presentano in campo. Burns, con una mossa tattica, richiama il rimpiazzo di Homer e chiama proprio lui per battere il punto finale. Homer manca la palla, che sbatte contro la testa e fa comunque segnare il punto.

Vocazioni diverse[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: George Meyer
  • Regia: Jeffrey Lynch
  • Messa in onda originale: 27 febbraio 1992
  • Messa in onda italiana: 23 gennaio 1994

Dopo un test attitudinale, Lisa non riesce a convincersi di essere portata a fare la casalinga. Bart, invece, scopre di aver doti da leader e diventa il tutore dell'ordine nella scuola, svolgendo varie mansioni e risolvendo crimini scolastici. Intanto Lisa diventa una teppista e ruba i libri di testo degli insegnanti, che vengono ritrovati proprio da Bart. Questi finge di essere lui stesso il colpevole per non infangare la reputazione della sorella, che gli è grata e, durante le ore di punizioni, suona per lui delle melodie jazz.

  • Guest star: Steve Allen (voce di se stesso)
  • Frase alla lavagna: Non vomiterò a meno che non mi senta male
  • Gag del divano: la famiglia si siede, mentre Bart si distende sopra di loro.

Morire come un cane[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jon Swartzwelder
  • Regia: Jim Reardon
  • Messa in onda originale: 12 marzo 1992
  • Messa in onda italiana: 6 febbraio 1994

Il Piccolo Aiutante di Babbo Natale ha bisogno di un intervento allo stomaco o potrebbe morire in poco tempo. La famiglia, però, non ha abbastanza soldi per l'operazione: devono dunque stringere la cinghia e risparmiare su tutto. L'intervento riesce, ma il cane, che viene mal visto e additato come la causa della loro miseria, scappa e diventa un cane da guardia al servizio del signor Burns. Bart lo ritrova e fa in modo che il cane si ricordi di lui. Tornato a casa, il piccolo e gracile cane ritorna ad essere ben voluto dalla famiglia.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: Non ho visto niente di strano nella sala dei professori
  • Gag del divano: Homer si sdraia sul divano, gli altri si siedono sopra di lui.

Il colonnello Homer[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Matt Groening
  • Regia: Mark Kirkland
  • Messa in onda originale: 26 marzo 1992
  • Messa in onda italiana: 20 febbraio 1994

Homer, a causa di un litigio con Marge, va in un bar dove incontra una cameriera cantante e, stupito dalla sua voce, le fa incidere un demo che la rende famosa. Homer diventa così l'agente della ragazza, Lurleen Lumpkin. Marge, però, è gelosa e teme che possa nascere qualcosa tra i due. Lurleen, infatti, invita Homer nel suo camper e tenta di baciarlo, ma Homer rifiuta in quanto ama Marge. Smette quindi di essere l'agente di Lurleen e torna dalla moglie.

  • Guest star: Beverly D'Angelo (voce di Lurleen Lumpkin)
  • Frase alla lavagna: Non dirigerò delle finte esercitazioni antincendio
  • Gag del divano: i Simpson si siedono sul divano e sprofondano nei cuscini.

Il vedovo nero[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jon Vitti
  • Regia: David Silverman
  • Messa in onda originale: 9 aprile 1992
  • Messa in onda italiana: 27 febbraio 1994

Selma decide di presentare alla famiglia il suo nuovo fidanzato e la famiglia Simpson organizza una cena per festeggiare l'evento; ma quando l'ospite arriva Bart e Lisa scoprono che si tratta di Telespalla Bob, che era stato scarcerato in precedenza per buona condotta. Selma racconta che ha conosciuto Bob tramite posta per carcerati e di essersi in seguito frequentati e durante la cena rivelano alla famiglia di volersi sposare. Dopo aver celebrato il matrimonio, Selma e Bob vanno in viaggio di nozze a Shelbyville; tutti sono contenti per gli sposi, tranne Bart che sospetta che Bob voglia uccidere sua zia. Per stare con Bob, Selma ha anche deciso di smettere di fumare tranne che dopo i pasti e dopo MacGyver. Bart si insospettisce e, dopo aver visionato la cassetta della luna di miele dei due, capisce la trappola: Bob vuole uccidere Selma per intascare i soldi dell'assicurazione. Bart sventa il suo piano e Bob viene riportato in prigione.

  • Guest star: Kelsey Grammer (voce di Telespalla Bob Terwilliger)
  • Frase alla lavagna: I rumori buffi non sono buffi
  • Gag del divano: due ladri stanno portando via il divano: all'improvviso arrivano i Simpson e vi si siedono, ma i ladri li fanno cascare dal divano.

Lo show di Otto[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Jeff Martin
  • Regia: Wesley Archer
  • Messa in onda originale: 23 aprile 1992
  • Messa in onda italiana: 13 marzo 1994

Otto fa scontrare il bus addosso ad una statua e si scopre che non ha nemmeno la patente. Senza casa e lavoro, Otto si trasferisce dai Simpson, dove è mal voluto da Homer, che lo prende in giro a causa della sua disoccupazione. Patty e Selma, allora, solo per il gusto di zittire Homer, fanno superare l'esame di guida a Otto, che ritorna a fare l'autista del pulmino.

  • Guest star: Christopher Guest (voce di Nigel Tufnel), Michael McKean (voce di David St. Hubbins)
  • Frase alla lavagna: Non farò roteare la tartaruga
  • Gag del divano: il piccolo aiutante di Babbo Natale è seduto sopra il divano e ringhia ai Simpson quando arrivano; questi si allontanano lentamente.

L'amico di Bart s'innamora[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: Kay Kogen e Wallace Wolodarsky
  • Regia: Jim Reardon
  • Messa in onda originale: 7 maggio 1992
  • Messa in onda italiana: 20 marzo 1994

Milhouse si innamora di una nuova ragazza, Samantha Puzzatta, giunta in città e chiede a Bart di poter usare la sua capanna dell'albero per incontrarsi con la sua fidanzata. Bart, che si vede portar via la sua amicizia è geloso e, sapendo della rigidità del padre della ragazza, lo chiama e gli svela la tresca della figlia. Arrabbiato, il padre della bambina la porta via e le impone di frequentare un collegio di sole ragazze, in modo che non veda più Milhouse, il quale, nel frattempo è arrabbiato con Bart, ma riesce a riappacificarsi con lui poco dopo, capendo che non era la ragazza giusta per lui.

  • Guest star: Kimmy Robertson (voce di Samantha Stanky)
  • Frase alla lavagna: Non farò schioccare i reggiseni
  • Gag del divano: il divano si ribalta e sfonda il muro.

Fratello, avresti da darmi due soldi?[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: John Swartzwelder
  • Regia: Rich Moore
  • Messa in onda originale: 27 agosto 1992
  • Messa in onda italiana: 27 marzo 1994

Durante un controllo medico alla centrale nucleare di Springfield, si scopre che Homer è sterile. Burns, temendo che Homer gli faccia causa, su consiglio degli avvocati decide di donargli duemila dollari e s'inventa il Premio Montgomery Burns per il notevole conseguimento nel campo dell'eccellenza. Homer ottiene anche una cerimonia di consegna del premio presentata addirittura dall'ex-campione mondiale dei pesi massimi di boxe Joe Frazier.

L'azione si sposta su Herb, che dopo il fallimento della sua azienda vive con i clochard. A Herb viene in mente una nuova invenzione: uno strumento che riesca a tradurre i versi dei neonati. Ma per commercializzarla ha bisogno di soldi e, dopo aver letto su un quotidiano del premio di Homer, decide di chiedergli un prestito.

Nel frattempo Homer vede in un negozio una poltrona massaggiatrice, la Scioglispinadorsale 2000. Vorrebbe spendere tutti i duemila dollari per comprarla e sostituire il divano, ma, alle proteste di Marge, decide di rimandare l'acquisto. Herb raggiunge Springfield su un treno merci. Cerca la casa di Homer, ma capita per sbaglio in quella dei Flanders, dove viene lavato e vestito con nuovi abiti. Poi Herb arriva da Homer: lì presenta il progetto ed ottiene il denaro. Quindi comincia a sviluppare la sua idea con l'aiuto di Maggie. L'invenzione, presentata al Baby Expo di Springfield, diventa un successo ed Herb torna di nuovo ricco. Prima di andarsene colma il debito con la famiglia dando un regalo a ciascuno (tra cui la poltrona massaggiatrice) e perdona Homer.

  • Guest star: Danny DeVito (voce di Herb Powell), Joe Frazier (voce di se stesso)
  • Frase alla lavagna: Non simulerò convulsioni
  • Gag del divano: i Simpson entrano facendo la ruota.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

I Simpson Portale I Simpson: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di I Simpson