Epinephelus marginatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cernia bruna
Epinephelus marginatus (Lowe, 1834) 1.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Percoidei
Famiglia Serranidae
Sottofamiglia Epinephelinae
Genere Epinephelus
Specie E. marginatus
Nomenclatura binomiale
Epinephelus marginatus
Lowe, 1834
Sinonimi

Epinephelus guaza, Epinephelus guaza Cerna gigas (Bonaparte, 1833)
Epinephelus brachysoma (Cope, 1871)
Epinephelus gigas (Brünnich, 1768)
Epinephelus guaza (non Linnaeus, 1758)
Holocentrus gigas (Brünnich, 1768)
Serranus aspersus (Jenyns, 1840)
Serranus cernioides (de Brito Capello, 1867)
Serranus fimbriatus (Lowe, 1838)
Serranus gigas (Brünnich, 1768)
Serranus guaza (non Linnaeus, 1758)
Serranus marginatus (Lowe, 1834)[2][3]

Nomi comuni

cernia[4], cernia di scoglio, cernia bruna (I),
dusky grouper (GB), mérou noir (F), kirnja (KR),
rophós (HE), mero (S), riesen zackenbarsch D)

La cernia bruna[5][6] (Epinephelus marginatus Lowe, 1834) è un pesce appartenente alla famiglia dei Serranidae.

Habitat e distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Vive comunemente nel Mar Mediterraneo ad una profondità variabile tra i 10 e i 50 metri (spingendosi fino ai 200[6]), spesso vicino a fondali rocciosi e ricchi di grotte e fenditure. Gli esemplari più giovani vivono in prossimità della costa. Viene comunque incontrata anche nell'Oceano Atlantico orientale e nell'Oceano Indiano occidentale, nelle isole Britanniche[7] e fino al Mozambico e al Madagascar. Nell'Oceano Atlantico occidentale nel Brasile meridionale e dall'Uruguay all'Argentina[8].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Capo Gallo Epinephelus marginatus.jpg

Di grosse dimensioni, fino a 140-150[6] centimetri per anche 60 chilogrammi di peso. Molto longeva (anche 50 anni[9] con un'età massima stimata di 61 anni[10]). È di colore bruno con macchie più chiare, tendenzialmente più scuro negli esemplari più vecchi; tipiche le macchie chiare attorno l'occhio.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Solitaria, territoriale, piuttosto schiva, anche se è documentata[6] una certa curiosità dell'animale.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Il pesce è un ermafrodita proterogino, che diviene maschio intorno ai dodici anni. Gli esemplari di grandi dimensioni sono pertanto tutti di sesso maschile. La riproduzione avviene durante il periodo estivo.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre principalmente di molluschi, crostacei e di altri pesci.

Specie affini[modifica | modifica sorgente]

Nel Mar Mediterraneo vivono altre specie di Epinephelus oltre alla E. marginatus come E. aeneus, E. costae, E. caninus. E. marginatus si riconosce dalle altre per via del margine della pinna caudale arrotondato in modo convesso, per le strisce chiare laterali sulla testa e per il colore tipicamente marrone, più grigio nelle altre specie. La famiglia delle cernie mediterranee è però completata da altre due specie di cernie di genere differente:Polyprion americanus e Mycteroperca rubra, note rispettivamente come cernia di fondale e cernia rossa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Grouper & Wrasse Specialist Group, Epinephelus marginatus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Vedi Collegamenti esterni, FishBase.org.
  3. ^ Vedi Collegamenti esterni, Catalogue of Life.
  4. ^ D.M. 25/07/ 05 MIPAF
  5. ^ Vedi Bibliografia, E. Trainito.
  6. ^ a b c d Vedi Bibliografia, P. Louisy.
  7. ^ (PT) Barreiros, J.P., Aspectos de comportamento e reprodução do mero epinephelus marginatus (Lowe, 1834) nos Açores in Departamento de Ciências Agrárias, Universidade dos Açores, 1995.
  8. ^ (EN) M. R. Rico, M. Acha (Instituto Nacional de Investigación y Desarrollo Pesquero - Universidad Nacional de Mar del Plata, Mar del Plata, Argentina), Southernmost occurrence of Epinephelus marginatus in the south‐west Atlantic in Journal of Fish Biology, vol. 63, nº 6, DOI:10.1111/j.1095-8649.2003.00271.x.
  9. ^ Specie ittiche marine commerciali del Mare Mediterraneo. URL consultato il 19 febbraio 2008.
  10. ^ (EN) Reñones & Piñeiro (Centro Oceanográfico de Vigo, Instituto Español de Oceanografía, Vigo, Spagna); Mas & Goñi (Centro Oceanográfico de Baleares, Instituto Español de Oceanografía, Palma di Maiorca, Spagna), Age and growth of the dusky grouper Epinephelus marginatus (Lowe 1834) in an exploited population of the western Mediterranean Sea in Journal of Fish Biology, vol. 71, nº 2, pp. 346-362, DOI:10.1111/j.1095-8649.2007.01482.x.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Egidio Trainito, Atlante di flora e fauna del Mediterraneo, Milano, Il Castello, 2005, ISBN 88-8039-395-2.
  • Patrick Louisy, Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, a cura di Trainito, Egidio, Milano, Il Castello, 2006, ISBN 88-8039-472-X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci