Ephemeroptera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ephemeroptera
Ephemeroptera.jpg
Efemerotteri
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Palaeoptera
Ordine Ephemeroptera
Hyatt & Arms, 1891
Nomi comuni

Effimere, Efemerotteri

Sottordini e Famiglie

Sottordine Pannota
 Superfamiglia Caenoidea
   Baetiscidae
   Caenidae
   Neoephemeridae
   Prosopistomatidae

 Superfamiglia Ephemerelloidea
   Ephemerellidae
   Leptohyphidae
   Tricorythidae

Sottordine Schistonota
 Superfamiglia Baetoidea
   Ameletopsidae
   Ametropodidae
   Baetidae
   Oniscigastridae
   Siphlonuridae

 Superfamiglia Ephemeroidea
   Behningiidae
   Ephemeridae
   Euthyplociidae
   Palingeniidae
   Polymitarcydae
   Potamanthidae

 Superfamiglia Heptagenioidea
   Coloburiscidae
   Heptageniidae
   Isonychiidae
   Oligoneuriidae

 Superfamiglia Leptophlebioidea
   Leptophlebiidae

Gli Efemerotteri (Ephemeroptera Hyatt & Arms, 1891) sono un ordine di insetti emimetaboli terrestri che vivono nei corpi d'acqua dolce superficiali negli stati preimmaginali.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Sono cattivi volatori a causa delle ali posteriori molto ridotte (a volte possono addirittura mancare), con un conseguente sviluppo del mesotorace. Le dimensioni sono spesso esigue, con un'apertura alare mediamente sui 12 mm. Le ali sono spesso trasparenti, ricche di nervature solo nella forma adulta, e non sono mai ripiegate sul proprio corpo: a riposo sono sempre tenute in posizione verticale, cosa che negli altri insetti avviene solo dopo una muta ninfale o pupale.
Altra caratteristica è la presenza di due cerci filamentosi posti al termine del corpo, a volte accompagnati da un terzo filamento mediano.
Dopo lo stadio ninfale, gli Ephemeroptera sono immediatamente in grado di volare. Unico caso tra gli insetti, gli Ephemeroptera possiedono una ulteriore muta dopo lo stadio alare: il primo stadio adulto rappresenta infatti una subimmagine dai colori più opachi e sessualmente immaturo. L'insetto raggiungerà l'immagine completa solo dopo poche ore (in alcune specie dopo solo pochi minuti).

Accoppiamento[modifica | modifica sorgente]

A partire dallo stadio adulto gli Ephemeroptera smettono di alimentarsi a causa dell'atrofizzazione dell'apparato boccale. Non a caso in greco ephemeros significa "che vive un giorno". Raggiunta l'immagine alare, la loro vita rimane infatti di breve durata: il più delle specie vive meno di un giorno, mentre solo alcune arrivano massimo a una settimana. Avendo così poco tempo a disposizione, gli insetti sono immediatamente alla ricerca di una compagna. L'accoppiamento avviene in volo, sempre nelle vicinanze dell'acqua. Il maschio afferra letteralmente la femmina trattenendola con le zampe posteriori (frequentemente più lunghe) e la tiene a sé con alcune appendici genitali di struttura a pinza o a forcipe. Per favorire l'individuazione delle femmine, che al momento dell'accoppiamento volano in grossi sciami nei pressi dell'acqua, i maschi possiedono generalmente degli occhi più grandi. In alcune specie gli occhi (che in quest'ordine sono sempre composti) sono suddivisi in due parti, una superiore - con delle faccette più grandi, ed una inferiore - con delle faccette più piccole. Nei Baetidae la parte superiore assume una particolare forma a torre dalla punta appiattita (formando i cosiddetti "occhi a turbante") favorendo ulteriormente l'individuazione della compagna.

Deposizione e schiusa[modifica | modifica sorgente]

La femmina, che può deporre le uova di natura ovale singolarmente o in massa, predilige lasciarle cadere sulla superficie dell'acqua poche ore dopo l'accoppiamento. In alcuni generi, le femmine si adagiano invece su rocce, steli o foglie; o addirittura, come nel caso del genere delle Baetis, nuotano sott'acqua per trovare un riparo sicuro. L'eventuale presenza di cattivi fenomeni atmosferici può ritardare la deposizione delle uova. La maggior parte delle femmine degli Ephemeroptera depongono dalle 500 alle 3.000 uova, mentre alcune specie, come quelle appartenenti al genere Palingenia, ne riescono a deporre fino a 12.000. La loro schiusa può avvenire quasi immediatamente così come, nei casi estremi, intorno gli 11 mesi. Essenziali per definire il tempo di maturazione sono l'habitat, la specie e soprattutto la temperatura.

Larve[modifica | modifica sorgente]

La brevità della vita degli adulti è compensata da un lungo processo di sviluppo larvale. Alcune larve arrivano ad impiegare 2 anni per raggiungere la prima muta (Ephemera danica), anche se la media rimane quella di un anno. Le larve di alcune specie posseggono ben 27 mute. Il loro sviluppo avviene completamente in acqua, o comunque nelle vicinanze della superficie. Si nutrono di piante ed alghe, e si ipotizza che alcune siano in grado di cibarsi di composti organici animali. Respirano grazie a branchie laterali appiattite, dette tracheobranchie (di solito 7) disposte lungo l'addome, anche se non mancano specie con branchie situate alla base delle coxe. In alcune specie le branchie possono essere in grado di vibrare agitando l'acqua intorno, in modo da supplire ad un'eventuale carenza d'ossigeno o addirittura in modo da generare una piccola spinta propulsiva nel mezzo acquatico. La maggior parte degli Ephemeroptera possiede tre appendici caudali, anche se nella rispettiva forma adulta ne possono manifestare un numero diverso.

Riconoscimento e conservazione[modifica | modifica sorgente]

Ephemera danica


In Europa sono presenti 14 famiglie (su 19 distribuite in tutto il globo, eccetto che in Artide e in Antartide) suddivise in circa 200 specie, di cui 80 vivono in Italia. A prima vista possono essere facilmente scambiati con esemplari di Plecotteri, Tricotteri o Planipenni. Un utile elemento di distinzione sono le antenne, cortissime negli Ephemeroptera, le ali posteriori molto più sviluppate nei Plecotteri, il minor numero di nervature trasversali nei Tricoteri e la forte somiglianza delle ali posteriori ed anteriori nei Planipenni.

Gli Ephemeroptera possono essere facilmente catturati in volo con un semplice retino, date le loro scarse abilità in aria, oppure si possono catturare le subimmagini o le larve in acqua. Quest'ultime possono anche essere conservate e studiate vive in un acquario, dove - con le giuste variabili di temperatura, luce e PH - possono facilmente raggiungere lo stadio adulto.
Un utile elemento di classificazione sono le appendici caudali, che spesso si mantengono costanti nell'àmbito dello stesso genere o specie. Bisognerà però tener presente che i cerci sono molto fragili, e quindi naturalmente soggetti a spezzarsi anche in natura: in questo caso la frattura sarà riconoscibile dalla presenza di un piccolo moncherino.
La classificazione in base al colore andrebbe invece effettuata sul posto, meglio ancora quando in vita, perché dopo la morte gli Ephemeroptera tendono velocemente a sbiadire e perdere di colore.
La distinzione in base al sesso necessita quasi sempre dell'utilizzo di un microscopio, date le minuscole dimensioni degli organi genitali. In questo caso sarebbe più utile conservare gli insetti in alcol etilico; così come, in generale, le larve, montabili anche su vetrino.
Gli esemplari adulti possono invece essere spillati e conservati come le farfalle.

Varie[modifica | modifica sorgente]

Gli Ephemeroptera prediligono acque non inquinate, esenti da grandi quantità di residui organici. Non a caso sono spesso considerati indicatori ecologici utili a ricavare immediatamente informazioni sulla salute dell'ambiente circostante. Sia le forme adulte che le larve rappresentano un'importante ruolo nella catena alimentare, particolarmente per i pesci carnivori come le trote nei torrenti agitati o per i pescegatto nei fondali più bassi, ma anche per libellule, uccelli o pipistrelli.

Alcune specie sono in grado di sviluppare rapporti simbiotici, spesso al livello larvale, come l'Ephemera danica che ospita nelle proprie branchie larve di Epoicocladius flavens (specie appartenente all'ordine dei Diptera) che, attraverso la sua attività di pulizia, favorisce la respirazione della prima.

Gli esemplari di Povilla adusta, nei pressi dei laghi africani, tendono a completare la fase finale adulta secondo i ritmi del ciclo lunare. In generale, maschi e femmine tendono a sfarfallare sempre contemporaneamente.

Alcune specie presentano partenogenesi (Ameletus ludens, Baetis hageni, Baetis macdunnoughi, Cloeon triangulifera, Caenis cuniana).

Le effimere vengono anche raggruppate, insieme alle libellule e ad altre specie, nel più grande gruppo dei Paleoptera, insieme di insetti caratterizzati dal possedere strutture alari meno evolute.

Alcune persone ipersensibili, nell'assistere al volo di grandi sciami di effimere, manifestano sintomi di febbre alta e asma a seguito dell'inalazione di microframmenti dei corpi degli insetti. Si suppone che la causa sia una proteina contenuta nella chitina (sostanza che riveste interamente gli insetti, e che quindi può disperdersi in piccolissime particelle allo scontro di questi, o ancora più facilmente durante le mute) a causare allergie respiratorie. Si tratta comunque di casi molto rari e comunque non mortali, dovuti soprattutto a un'alta ipersensibilità del soggetto e a un gran numero di insetti.

Negli Stati Uniti gli Ephemeroptera prendono il nome di Mayfly (pl. Mayflies), ovvero letteralmente "mosche di maggio" (nonostante sfarfallino anche in altri periodi).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Guida degli insetti d'Europa; di Michael Chinrey, Franco Muzzio editore, ed 1998, ISBN 88-7413-025-2
  • Insetti; di Gabriele Pozzi, Giunti editore, ed 1998, ISBN 88-09-03532-1
  • Efemerotteri (Ephemeroptera). Guide per il riconoscimento delle specie animali delle acque interne italiane; di Belfiore C., C.N.R. (1983)
  • Analisi faunistiche e biogeografiche sugli Efemerotteri della Sicilia (Animalia); di Belfiore C.
  • Ephemeroidea. Fauna d'Italia; di Grandi M., Calderini (1960)
  • D'Antonio C., Audisio P.A. e Scillitani G. (1992), num 18 pp 31-60
  • (EN) Mayflies; di Malcom Knopp e Robert Cormier
  • (EN) Biological atlas of Aquatic Insects; di W. Wichard, W. Arens e G. Eisenbeis
  • (EN) Aquatic Insects of Northern Europe Vol. 1. a taxonomic handbook; di Anders Nilsson
  • (EN) Aquatic Insects of Northern Europe Vol. 2. a taxonomic handbook; di Anders Nilsson
  • (EN) Mayflies of the World, A Catalog of the Family and Genus Group Taxa (Insecta: Ephemeroptera); di MD Hubbard
  • (EN) The biology of mayflies; di Needham J.G., J.R. Traver e Y.C. Hsu. Comstock Publishing CO., Ithaca, NY (fuori produzione)
  • (EN) Faunistic, taxonomic and biogeographical studies of Ephemeroptera from Southern Italy (Overview and Strategies of Ephemeroptera and Plecoptera; di J. Alba Tercedor e J. Sanchez Ortega, Sandhill-Crane Press); di Belfiore C. e D'Antonio C. (1991), pp. 253-262
  • (EN) Biology of Mayflies Annual Review of Entomology; di Brittain J.E. (1982), num 27 pp 119-147
  • (EN) The Mayfly Subimago Annual Review of Entomology; Edmunds Jr, G.F. (1988), num 33 pp 509-527
  • (EN) A Key to the Adults of the British Ephemeroptera with notes on their Ecology (Scientific Publications of the Freshwater Biological Association num 47); di Elliot J.M. and Humpesh U.H. (1983)
  • (EN) Mayflies (Naturalists' Handbooks num 13; Richmond Publishing Co. Ltd. Slough England); di Harker J. (1989)
  • (EN) Nymphs of the British Species of Ephemeroptera with notes on their Ecology (Scientific Publications of the Freshwater Biological Association num 20); di Maccan T.T. (1979)
  • (EN) The Ephemeroptera species of North America and index to their complete nomenclature (Transactions of the American Entomological Society); di McCafferty W. P. (1996), num 122 pp 1-54
  • (EN) The gentle quest: 200 years in search of North American mayflies (Trends in Research in Ephemeroptera and Plecoptera; E. Dominguez, ed. Kluwer Academic/Plenum Publishers); di McCafferty W. P. (2001), pp 21-35
  • (EN) Diversity and distribution of the mayflies (Ephemeroptera) from Illinois, Indiana, Kentucky, Michigan, Ohio, and Wisconsin (Ohio Biological Survey Bulletin NS13(1)); di Randolph R.P. e W. P. McCafferty (1998)
  • (EN) New species and records of the mayflies (Insecta) from Mexico (Dugesiana); di Randolph R. P. e W. P. McCafferty (2001), num 8 pp 15-21

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]