Epeus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Epeus
GBohne Epeus flavobilineatus.jpg
Epeus flavobilineatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Salticoidea
Famiglia Salticidae
Sottofamiglia Plexippinae
Tribù Viciriini
Genere Epeus
Peckham & Peckham, 1886
Serie tipo
Evenus tener
Simon, 1877
Specie
vedi testo

Epeus Peckham & Peckham, 1886 è un genere di ragni appartenente alla famiglia Salticidae.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Predilige piante e arbusti della foresta pluviale; rinvenuto raramente in giardini[1].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Femmine e maschi hanno pressoché le stesse dimensioni: dai 6 ai 9 millimetri, le femmine sono leggermente più grandi. Le zampe sono molto lunghe e variamente colorate, anche l'opistosoma è fortemente allungato e multicolore. I maschi hanno una peculiare cresta sulla pars cephalica composta di peli e somigliante ad un'acconciatura Mohawk[1].

La E. glorius, descritta nel 1985, ha un carapace color arancio pallido e una cresta di colore arancio intenso. La parte posteriore del pattern oculare è attorniata da ciuffi di peli bianchi e l'opistosoma è giallo pallido. Le zampe anteriori dei maschi sono di colore marrone con i soli tarsi di colore giallo vivido. Nelle femmine le zampe sono gialle e la loro parte terminale è nera[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le 14 specie oggi note di questo genere sono state rinvenute in Asia sudorientale: ben 11 specie sono endemismi[2].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Rimosso dalla sinonimia con Viciria Thorell, 1877 da un lavoro di Prószynski del 1984 e dallo stesso aracnologo considerato un sinonimo anteriore di Taupoa Peckham & Peckham 1907 con trasferimento della specie tipo[2].

Attualmente, a dicembre 2010, si compone di 14 specie[2]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Murphy & Murphy 2000: 298f
  2. ^ a b c The world spider catalog, Salticidae

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peckham & Peckham, 1886 - Genera of the family Attidae: with a partial synonymy. Transactions of the Wisconsin Academy of Sciences, Arts, and Letters, vol.6, p. 255-342 (articolo originale).
  • Frances e John Murphy, An Introduction to the Spiders of South East Asia, Kuala Lumpur, Malaysian Nature Society, 2000.
  • Zhang, J.X.; Song, D.X. & Li, D., 2003 - Six new and one newly recorded species of Salticidae (Arachnida: Araneae) from Singapore and Malaysia. The Raffles Bulletin of Zoology, vol.51(2) p. 187-195. Articolo in PDF

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi