Enzo Gambaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enzo Gambaro
Gambaro.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 184 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 1999
Carriera
Giovanili
Sampdoria Sampdoria
Squadre di club1
1983-1985 Sampdoria Sampdoria 2 (0)
1985-1986 Prato Prato 33 (0)
1986-1987 Sampdoria Sampdoria 16 (0)
1987-1988 Parma Parma 34 (2)
1988 Cesena Cesena 0 (0)
1988-1991 Parma Parma 98 (2)
1991-1993 Milan Milan 16 (0)
1993-1994 Napoli Napoli 33 (1)
1994 Fiorentina Fiorentina 2 (0)
1994-1995 Reggiana Reggiana 17 (0)
1996 Bolton Bolton 0 (0)
1996 Grimsby Town Grimsby Town 1 (0)
1996-1997 Sturm Graz Sturm Graz 13 (1)
1997-1999 Triestina Triestina 28 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 marzo 2009

Enzo Gambaro (Genova, 23 febbraio 1966) è un ex calciatore italiano, di ruolo difensore, ora opinionista televisivo su Telenova nella trasmissione Novastadio.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Rimasto orfano di padre all'età di sei anni, cresce nella Sampdoria (pur essendo genoano) e con la prima squadra gioca due campionati (1984-1985 e 1986-1987) con in mezzo una parentesi al Prato in prestito.

Passato nel 1987 al Parma, vi rimane per quattro stagioni conquistando la promozione in Serie A con i ducali. Passato al Milan per 6 miliardi di lire,[1] con allenatore Fabio Capello, ottiene 17 presenze (con due scudetti e una Supercoppa) prima di passare in prestito al Napoli.

Dopo un'annata in Campania, nel 1994 passa sempre in prestito prima alla Fiorentina, dove rimane per pochi mesi prima di trasferirsi alla Reggiana, con cui retrocede in Serie B. Nel corso della stagione 1995-1996, iniziata lontano dai campi di gioco dopo il termine contrattuale con il Milan, è il primo italiano a fruire della sentenza Bosman ottenendo nel gennaio 1996 di trasferirsi al Bolton senza pagare alcun indennizzo alla società rossonera.[2]

Dopo l'esperienza inglese, che conta anche il passaggio al Grimsby Town, passa allo Sturm Graz, in Austria, con cui conquista una coppa e un supercoppa austriaca in una stagione. Ritorna dunque in Italia a concludere la sua carriera in Serie C2 con la Triestina.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Milan: 1991-1992, 1992-1993
Sampdoria: 1984-1985
Milan: 1992
Sturm Graz: 1996-97
Sturm Graz: 1996

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 8 (1991-1992), Panini, 25 giugno 2012, p. 10.
  2. ^ Gambaro, estraneo al mondo dei furbi, Corriere.it, 24 novembre 2002. URL consultato il 18-03-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]