Entropia di vaporizzazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'entropia di vaporizzazione (o entropia di ebollizione) è una grandezza che esprime l'aumento di entropia dovuto al processo di vaporizzazione. Questa variazione positiva è dovuta all'aumento del disordine di un sistema materiale quando questo passa dallo stato solido cristallino (stato molto ordinato) o liquido (meno ordinato) allo stato aeriforme (molto disordinato). Nel caso di passaggio di stato solido → aeriforme solitamente si utilizza anche il termine entropia di sublimazione. L'unità di misura nel SI è J / mol · K.

Il processo naturale di transizione di fase avviene nel momento in cui l'associato cambiamento dell'energia libera di Gibbs è negativa. Segue che l'entropia di vaporizzazione è in relazione con il punto di ebollizione (o di sublimazione) e il calore di vaporizzazione:

 \Delta H_{b} = T_{b} \times \Delta S_{b}

Secondo la regola di Trouton l'entropia di vaporizzazione di un liquido può essere approssimata a circa 88 J/mol · K.[1]

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Nella tabella seguente sono indicate le entropie molari di vaporizzazione di alcuni liquidi (a p = 1 bar):[1]

Composto chimico Δsb in J/(mol · K)
Acido solfidrico 87,9
Cicloesano 85,1
Benzene 87
Toluene 86,6
Stirene 88,7
Naftalene 88,3
Piridina 90,4
Diclorometano 90
Cloroformio 88,3
Tetracloruro di carbonio 85,8
Tricloroetilene 87,4
Etere etilico 88,3
Acetone 88,3
Acetonitrile 88,3
Etanolo 110
Anilina 97,1
Metilammina 96,7
Acqua 109,1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Chimica Generale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

termodinamica Portale Termodinamica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di termodinamica