Enrico dell'Antica Lubecca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enrico dell'Antica Lubecca (prima del 10667 giugno 1127) è stato un principe obodrita della dinastia dei Naconidi.

Egli era il secondo figlio di Godescalco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Egli emigrò nel 1090 dalla Danimarca verso la terra degli slavi occidentali ed iniziò la sua campagna con l'aiuto di una donna. Il suo avversario Kruto aveva sposato una certa Slawina. Ecco come narra la vicenda il cronista dell'epoca, Helmold di Bosau: [1]

«Enrico non mancava né di saggezza né di astuzia per proteggersi. Effettivamente Slawina, la consorte di Kruto, ammoniva sempre il marito, mentre lo tradiva, come si stesse attentando alla sua vita. Dato che il marito, divenuto piuttosto anziano, a lei ispirava ripugnanza, concepì infine un piano per poter sposare Enrico. Così Enrico, su incitamento di questa donna, invitò Kruto ad un banchetto e, allorché questi, ebbro per il troppo bere, lasciò barcollando la stanza nella quale aveva sbevazzato, un danese lo stese con un'ascia di guerra e lo decapitò con un colpo. Enrico sposò quindi Slawina e si prese le terre ed il potere»

Gli obodriti videro tornare su di loro le odiate imposte se Enrico, che aveva dietro le spalle danesi e sassoni, fosse andato al potere. Enrico colpì il loro spiegamento di forze nel 1093 nella battaglia di Schmilau. Helmold deve aver saputo da testimoni oculari che i raggi del sole al tramonto abbagliarono talmente gli slavi, che non essi potevano vedere nulla. Dopo questa vittoria Enrico poté avere mano libera, ma al contrario di suo padre, non procedette alla ricristianizzazione. Egli ripristinò la pace nel territorio e scelse l'Antica Lubecca (Liubice) come sua residenza preferita, giacché la località era sita fra meclemburghesi, wagri e obodriti linoni. Per questo egli fu più volte identificato come Enrico dell'Antica Lubecca.

Egli repinse un attacco dei Rani alla rocca di Liubice e rese via via tutti gli slavi del Mar Baltico suoi tributari. Con il conte Adolfo I di Schaumburg ed Holstein, che l'imperatore Lotario III aveva insediato verso il 1111 nello Holstein, egli ebbe sempre buoni rapporti.

Quando nel 1123 il figlio Waldemaro fu ucciso dai Rani, egli intraprese una campagna invernale contro gli abitanti dell'isola di Rügen, i cui sacerdoti, di fronte alla minaccia di una grave rappresaglia, si affrancarono con una grossa somma. Nel 1126 arrivò Vicelino di Oldenburg che gli chiese l'autorizzazione di poter esercitare l'attività missionaria nelle sue terre. Enrico gli concesse l'autorizzazione e gli consegnò la chiesa di Liubice «…cosicché egli potesse colà risiedere in sicurezza e potesse esercitare il Ministero Divino.» (Helmold di Bosau [1]) Vicelino ed i suoi accompagnatori rientrarono in Sassonia per potersi preparare alla missione nelle terre degli slavi occidentali, ma qui giunti appresero che Enrico era morto. Una fonte sostiene che egli sia stato ucciso e sepolto a Lüneburg, ma il silenzio di Helmold a questo proposito rende dubbia tale versione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Chronica Slavorum

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]