Enrico d'Orléans (1908-1999)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico d'Orléans
Enrico VI
Henri VI , comte de Paris.jpg

Pretendente al trono di Francia e di Navarra
Durata mandato 25 agosto 1940 - 19 giugno 1999
Predecessore Giovanni III
Successore Enrico VII
Regno di Francia (1830-1848)
Casa d'Orléans

Coat of Arms of the July Monarchy (1830-31).svg

Luigi Filippo (1830-1848)
Figli
Figli
Enrico (VI) (1940-1999)
Figli
Figli
  • Maria
  • Francesco
  • Bianca
  • Giovanni (1965)
  • Oddone (1968)

Enrico d'Orléans (Henri Robert Ferdinand Marie d'Orléans; Le Nouvion-en-Thiérache, 5 luglio 1908Chérisy, 19 giugno 1999) , noto come Enrico VI di Francia, conte di Parigi, è stato il pretendente unionista al trono di Francia e di Navarra dal 1940 al 1999.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Enrico (VI) d'Orléans, unico figlio maschio di Giovanni (III) d'Orléans, duca di Guisa (1874-1940) e di Isabella d'Orléans (1878-1961), è battezzato il 25 novembre 1908 con i seguenti nomi: Henri Robert Ferdinand Marie d'Orléans.

Dal 1926 è costretto all'esilio in virtù della legge del 1886, che impedisce di risiedere in Francia ai pretendenti al trono. Prima di questa data era stata accordato al padre e alla sua famiglia di vivere in Francia, in quanto membri di una linea cadetta.

Si trasferisce dunque in Belgio, poi in Marocco, quindi in Spagna e infine in Portogallo. Nel 1929 il padre gli conferisce il titolo di "conte di Parigi".

Nel 1931, Enrico sposa a Palermo Isabella d'Orléans-Braganza (1911-2003), la cui unione sarà allietata da dodici figli:

  1. Marie Jacqueline Colette d'Orléans, (8 settembre 1929 Bordeaux, trasferita nelle isole della Reunione in quanto nata prima delle nozze) - con discendenza[1];
  2. Isabella d'Orléans (1932-) - sposa nel 1964 Friedrich-Karl, conte di Schönborn-Buchheim (1938) - con discendenza;
  3. Enrico (VII) d'Orléans (1933-), primogenito, conte di Clermont poi conte di Parigi e duca di Francia; sposa (div.1984) Maria Teresa di Württemberg (1934), duchessa di Montpensier - con discendenza;
  4. Elena d'Orléans (1934-), sposa il conte Évrard di Limburgo-Stirum (1927-2001) - con discendenza;
  5. Francesco d'Orléans (1935-1960), duca d'Orléans, « mort au champ d'honneur » (guerra d'Algeria) - senza discendenza;
  6. Anna d'Orléans (1938-), sposa Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie (1938-), duca di Calabria e infante di Spagna - con discendenza;
  7. Diana d'Orléans (1940), sposa nel 1960 Carlo Maria di Württemberg (1936-), duca di Württemberg - con discendenza;
  8. Michele d'Orléans (1941-), conte d'Évreux, sposa nel 1967 (morganaticamente) Beatrice de Pasquier de Franclieu (divorziati) - con discendenza;
  9. Giacomo d'Orléans (1941), duca d'Orléans, sposa nel 1969 Gersende di Sabran-Pontevès - con discendenza;
  10. Claudia d'Orléans (1943-), sposa nel 1964 Amedeo di Savoia (1943-), duca d'Aosta, (matrimonio dichiarato nullo nel 1987) - con discendenza;
  11. Chantal d'Orléans (1946-), sposa Francois-Xavier de Sambucy de Sorgue - con discendenza;
  12. Thibaut d'Orléans (1948-1983), conte di la Marche, morto nella Repubblica Centrafricana - sposa (morganaticamente) nel 1972 Marion Gordon-Orr – con discendenza.

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Enrico, dopo un primo interessamento verso il governo del maresciallo Pétain, rifiuta il ministero per gli approvvigionamenti propostogli da Pierre Laval ed entra nella Legione Straniera, dove combatterà per la «Francia libera», con il nome di Henri d'Orliac, dal momento che ancora è in vigore la legge d'esilio.

Nel novembre-dicembre 1942, prende parte a una cospirazione organizzata da Henri d'Astier de la Vigerie, scopo della quale è la rimozione dell'ammiraglio Darlan, che, a loro parere, impedisce l'unificazione delle armate francesi di liberazione.

Questo complotto non ambiva alla restaurazione monarchica, ma alla formazione, sotto la guida del Conte di Parigi, di un governo di unità, nel quale De Gaulle avrebbe diretto gli Affari Politici e Giraud gli Affari Militari, fino alla liberazione della Francia metropolitana. A liberazione avvenuta, si sarebbe rimesso al popolo il compito di decidere la forma istituzionale.

Il 24 dicembre 1942, Fernand Bonnier de La Chapelle, patriota della resistenza francese, uccide l'ammiraglio Darlan. Le cose, però, non vanno a favore del Conte di Parigi: La Chapelle viene fatto giustiziare da Henri Giraud, che prende il posto di Darlan come ammiraglio, ed Enrico d'Orléans è costretto nuovamente all'esilio, in forza della legge del 1886.

Orleanismo e legittimismo[modifica | modifica sorgente]

Enrico d'Orléans fu riconosciuto dalla maggior parte dei monarchici francesi come Enrico VI, successore legittimo dei Re di Francia e di Navarra.

La situazione dei monarchici prima di Enrico d'Orléans[modifica | modifica sorgente]

Blasone moderno della Casa di Francia

Alla morte (1883) di Enrico V, detto conte di Chambord e ultimo Borbone del ramo diretto, il movimento legittimista si divise: la maggioranza riconobbe i diritti del conte di Parigi, Filippo (VII) d'Orléans (1838-1894), nipote di Luigi Filippo, che del resto era stato indicato espressamente come più prossimo successore da Enrico V; ma una minoranza non trascurabile rifiutò di sostenere gli Orléans.

Il motivo principale di questo rifiuto fu l'ostilità nei confronti della Casa d'Orléans, che aveva votato per il Regicidio (1793) e aveva scavalcato i diritti del ramo primogenito durante il periodo della Monarchia borghese (1830-1848). Altri inoltre avanzavano delle riserve dinastiche: alcuni di questi arrivarono a riconoscere come re titolari i pretendenti Carlisti al trono di Spagna. Comunque Giovanni Pio di Borbone-Spagna conte di Montizón, Giovanni III per i suoi sostenitori, che nel 1883 era il rappresentante primogenito della Casa Capetingia, non sembrava troppo interessato né alle pretese carliste né a quelle "legittimiste" francesi. I partigiani di Giovanni di Borbone divennero presto noti come Bianchi di Spagna, mentre i legittimisti pro-Orléans furono chiamati Bianchi d'Eu (dal nome del castello d'Eu, allora residenza del Conte di Parigi). Comunque, non tutti gli anti-orleanisti si identificarono nei Bianchi di Spagna: molti aderirono al survivantisme (credenza o speranza in una linea nascosta discendente da Luigi XVII: una sorta di Sebastianismo alla francese).

D'altra parte i Bianchi di Spagna non ebbero un grande seguito e subirono la crisi determinata dalla estinzione (1936) della linea carlista dei Borbone. Infatti, il ricongiungimento ad Alfonso XIII, Re di Spagna in esilio, che incarnava una sorta di Orleanismo spagnolo, si rivelava alquanto problematico o addirittura impossibile per i più radicali: la questione non era dinastica, ma ideologica! Costoro riversarono il loro appoggio su Saverio di Borbone-Parma, nipote, per via femminile, dell'ultimo carlista e bisnipote di Enrico V.

Nel frattempo i Bianchi d'Eu erano divenuti i principali portavoci del movimento monarchico francese: essi sostenevano i diritti dinastici degli Orléans, ma non per questo avevano sposato l'Orleanismo ideologico, basato sul liberalismo politico. Essi rimasero fedeli al "Legittimismo" ideologico, che univa tradizionalismo e cattolicesimo sociale. Tra costoro si annovera René de La Tour du Pin. Del resto gli "orleanisti ideologici" erano passati al repubblicanesimo moderato di Thiers. Inoltre Filippo VII, pur senza rinnegare il nonno, intendeva porsi sulla scia tracciata da Enrico V, al contrario degli zii, il duca d'Aumale e il principe di Joinville, ultimi rappresentanti dell'Orleanismo politico.

L'apporto di Charles Maurras e dell'Action française fu decisivo: prima del 1914, il Lealismo francese sembrava essere una sola cosa con l'Action française, fedele a Filippo VIII, Duca d'Orléans, il quale non si curava di politica, facendo pressoché pieno affidamento sul geniale Maurras.

L'ingresso in politica di Enrico d'Orléans[modifica | modifica sorgente]

L'Action Française continuò a lungo ad agire incontrastata nel mondo monarchico francese, fino a quando il nuovo Conte di Parigi, Enrico d'Orléans, cominciò, ancora in vita il padre Giovanni III, ad assumere poco a poco un ruolo politico, scuotendo il monopolio maurrassiano. Di qui la rottura politica tra il Conte di Parigi, il padre e l'Action française, nel 1937, rottura fortemente sentita dai Bianchi d'Eu, e che faceva seguito alla condanna vaticana dell'Action française del 1926. Comunque, la rottura politica tra gli Orléans e l'Action française non si tradusse in una rottura d'ordine dinastico: Charles Maurras continuò, fino alla sua morte, a sostenere i diritti degli Orléans.

Ma la spaccatura del 1937 e gli orientamenti politici "avventurosi" del conte di Parigi (divenuto "Enrico VI" nel 1940) produssero disorientamento fra i Bianchi d'Eu, tra i quali cominciò a farsi strada anche l'eventualità di un riorientamento dinastico: quasi invisibili nel periodo d'oro dell'Action française, i Bianchi di Spagna tornarono a farsi sentire sulla scena monarchica francese, crescendo nei consensi a partire dagli anni cinquanta. Questi ultimi abbandonarono il Carlismo politico dei Borbone-Parma e cominciarono a sostenere i diritti di una linea morganatica spagnola[2], ma che poteva vantare la primogenitura capetingia: i sostenitori di questo ramo si fanno chiamare "Legittimisti", nonostante la scarsa corrispondenza con la tradizione della Monarchia francese dal 1713 al 1830 (esclusione delle linee morganatiche, distinzione e separazione della Casa di Spagna dalla Casa di Francia in base al trattato di Utrecht e alla prassi consolidata nel riconoscimento del titolo Premier Prince du Sang al Duca d'Orléans sin dal 1713).

Nonostante le scelte politiche poco accorte del conte di Parigi, la maggioranza dei monarchici francesi continuò a sostenere i suoi diritti così come continuò ad essere riconosciuto come capo della Casa di Francia da parte delle corti d'Europa.

Dopo la guerra[modifica | modifica sorgente]

Il conte di Parigi rientra in Francia solo nel 1950, dopo l'abrogazione della legge d'esilio. In politica, sostiene la linea di De Gaulle, il quale sembra gli faccia intendere, nel 1962, un proprio sostegno alla monarchia.

Nel 1975, istituisce la Fondation Saint-Louis con l'obiettivo di preservare i beni della Famiglia d'Orléans; al contempo amministra la Fondation Condé.

Nel 1983, la famiglia è scossa dalla morte, in repubblica Centrafricana, dell'undicesimo figlio del conte di Parigi, Thibaut conte della Marche, già accusato di ricettazione. Già un altro figlio di Enrico era premorto al padre, François, caduto in Algeria, nel 1960.

Al tempo della Prima Coabitazione (1986-88), il conte di Parigi si pronunzia più volte in favore del vecchio conoscente François Mitterrand, il quale aveva dimostrato un certo interessamento nei confronti delle cerimonie del Millenario Capetingio (1987), al contrario del presidente Valéry Giscard d'Estaing.

Enrico (VI) di Francia muore nel 1999 e viene sepolto nella Cappella Reale di Dreux

Atti dinastici[modifica | modifica sorgente]

Il 31 ottobre 1984 ritira il titolo di cortesia di conte di Clermont al figlio primogenito Enrico in ragione del di lui scandaloso (per un'aspirante Maestà Cristianissima) divorzio e successivo matrimonio civile con donna divorziata. Gli concede il titolo minore di Conte di Mortain, intendendolo escludere dalla successione. Con lettera del 31 ottobre 1990, resa pubblica il 7 marzo 1991, riconcede al figlio il titolo di conte di Clermont.

Sempre nel 1984, Enrico VI esclude dalla successione anche il nipote Francesco, primogenito di Enrico (VII), a causa della sua grave malattia mentale[3].

Se però il primo atto si colloca nel rispetto della tradizione e forse delle Leggi fondamentali del Regno, questo secondo appare fortemente in contrasto con le consuetudini dinastiche, non potendo in alcun modo il re scegliere il proprio successore: più in linea con la tradizione sarebbe stata la costituzione di un consiglio di reggenza, presiedeuto dal primo in linea di successione dopo Francesco, che sarebbe entrato in funzioni al momento della successione del principe in questione.

Ascendenza patrilineare[modifica | modifica sorgente]

Secondo lo storico Marc Bloch, la Casa Reale di Borbone è la più antica in assoluto d'Europa. La discendenza dei conti di Hesbaye e dell'Oberrheingau da Clotario I non è assolutamente certa, ma viene ritenuta assai probabile, per motivi cronologici e genealogici. Se venisse confermata, i Borbone sarebbero gli ultimi rappresentanti della discendenza maschile dei Re Merovingi[4].

  1. Faramondo, Re dei Franchi Sali, 370 circa - 426 circa
  2. Clodione, Re dei Franchi Sali, 395 circa - 447 circa
  3. Meroveo, Re dei Franchi Sali, 411 circa - 457 circa
  4. Childerico I, Re dei Franchi Sali, 437 circa - 482 circa
  5. Clodoveo I, Re dei Franchi, 466 - 511
  6. Clotario I, Re dei Franchi, 497 - 561
  7. Cariberto, conte di Haspengau, (555-632)
  8. Roberto o Crodoberto, Maggiordomo di palazzo di Austrasia, "Referendarius" di Dagoberto I
  9. Roberto, "Referendarius" nel 629 e Duca nel 631
  10. Erleberto, Conte di Therouanne
  11. Roberto, Maggiordomo di palazzo di Neustria nel 653, "Referendarius" nel 658 e Conte in Alsazia nel 673
  12. Lamberto II, Conte di Neustria, 678–741
  13. Roberto I di Worms e Oberrheingau, conte di Hesbaye m. 764
  14. Turimberto di Worms e Oberrheingau, conte di Hesbaye
  15. Roberto II di Worms e Oberrheingau (Roberto di Hesbaye), conte di Hesbaye 770–807
  16. Roberto III di Worms e Oberrheingau, conte di Hesbaye 808–834
  17. Roberto IV il Forte, conte di Parigi, Tours e Blois, Marchese di Neustria 820–866
  18. Roberto I di Francia, re dei Franchi 866–923
  19. Ugo il Grande, Conte di Parigi, Marchese di Neustria e Duca dei Franchi 898–956
  20. Ugo Capeto di Francia, 940–996
  21. Roberto II di Francia, 972–1031
  22. Enrico I di Francia, 1008–1060
  23. Filippo I di Francia, 1052–1108
  24. Luigi VI di Francia, 1081–1137
  25. Luigi VII di Francia, 1120–1180
  26. Filippo II di Francia, 1165–1223
  27. Luigi VIII di Francia, 1187-1226
  28. Luigi IX di Francia, 1214–1270
  29. Roberto di Clermont, Sire di Borbone, 1256–1317
  30. Luigi I di Borbone, Duca di Borbone, 1279–1342
  31. Giacomo I di Borbone-La Marche, Conte di La Marche, 1319–1362
  32. Giovanni I di Borbone-La Marche, Conte di la Marche, 1344–1393
  33. Luigi I di Borbone-Vendôme, Conte di Vendôme, 1376–1446
  34. Giovanni VIII di Borbone-Vendôme, Conte di Vendôme, 1428–1477
  35. Francesco di Borbone-Vendôme, Conte di Vendôme, 1470-1495
  36. Carlo I di Borbone-Vendôme, Duca di Vendôme, 1489–1537
  37. Antonio di Borbone-Vendôme, Duca di Vendôme, 1518–1562
  38. Enrico IV di Francia, 1553–1610
  39. Luigi XIII di Francia, 1601–1643
  40. Filippo I di Borbone-Orléans, Duca d'Orléans, 1640 - 1701
  41. Filippo II di Borbone-Orléans, Duca d'Orléans, 1674 - 1723
  42. Luigi di Borbone-Orléans, Duca d'Orléans, 1703 - 1752
  43. Luigi Filippo I di Borbone-Orléans, Duca d'Orléans, 1725 - 1785
  44. Luigi Filippo II di Borbone-Orléans, Duca d'Orléans, 1747 - 1793
  45. Luigi Filippo di Francia, Duca di Chartres, Re dei Francesi, 1773 - 1850
  46. Ferdinando Filippo d'Orléans, Duca d'Orléans e di Guisa, Principe di Francia, 1810 - 1842
  47. Roberto d'Orléans, Duca di Chartres, 1840 - 1910
  48. Giovanni di Guisa, Duca di Guisa, Pretendente al Trono di Francia, 1874 - 1940
  49. Enrico d'Orléans (1908-1999), Conte di Parigi, Pretendente al Trono di Francia, 1908 - 1999

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Enrico VI di Francia Padre:
Giovanni III di Francia
Nonno paterno:
Roberto d'Orléans, Duca di Chartres
Bisnonno paterno:
Ferdinando Filippo, Duca d'Orléans
Trisnonno paterno:
Luigi Filippo d'Orléans, Re dei Francesi
Trisnonna paterna:
Maria Amalia delle Due Sicilie
Bisnonna paterna:
Elena di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonno paterno:
Federico Ludovico di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna paterna:
Carolina Luisa di Sassonia-Weimar-Eisenach
Nonna paterna:
Francesca Maria d'Orléans
Bisnonno paterno:
Francesco d'Orléans
Trisnonno paterno:
Luigi Filippo d'Orléans, Re dei Francesi
Trisnonna paterna:
Maria Amalia delle Due Sicilie
Bisnonna paterna:
Francesca, Infanta del Brasile e del Portogallo
Trisnonno paterno:
Pietro IV del Portogallo
Trisnonna paterna:
Maria Leopoldina d'Asburgo-Lorena
Madre:
Isabella d'Orléans
Nonno materno:
Filippo VII di Francia
Bisnonno materno:
Ferdinando Filippo, Duca d'Orléans
Trisnonno materno:
Luigi Filippo d'Orléans, Re dei Francesi
Trisnonna materna:
Maria Amalia delle Due Sicilie
Bisnonna materna:
Elena di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonno materno:
Federico Ludovico di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna materna:
Carolina Luisa di Sassonia-Weimar-Eisenach
Nonna materna:
Maria Isabella d'Orléans
Bisnonno materno:
Antonio Duca di Montpensier
Trisnonno materno:
Luigi Filippo d'Orléans, re dei Francesi
Trisnonna materna:
Maria Amalia delle Due Sicilie
Bisnonna materna:
Luisa Ferdinanda di Borbone-Spagna
Trisnonno materno:
Ferdinando VII di Spagna
Trisnonna materna:
Maria Cristina di Borbone-Due Sicilie

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 7 febbraio 1948[5]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 7 febbraio 1948
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 7 febbraio 1948

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pierre Brieu Horeau (2007), JE SUIS CE QUE JE SUIS ou la descendance aînée du Comte de Paris, ed. Castelli ISBN : 978-2-35317-042-5
  2. ^ Paul Preston (1995), Francisco Franco - La lunga vita del Caudillo, A. Mondatori ed., p. 166n: «Il primogenito di Alfonso XIII, Alfonso, soffriva di emofilia e aveva rinunciato formalmente al diritto al trono nel giugno del 1933, quando aveva contratto matrimonio morganatico con Edelmira Sampedro Ocejo, figlia di un ricco proprietario terriero di Cuba, Il secondogenito Jaime, aveva immediatamente rinunciato ai propri diritti perché disabile (era sordomuto). Jaime li avrebbe, comunque, persi automaticamente quando, nel 1935, anch'egli contrasse matrimonio morganatico con l'italiana Emanuela Dampierre Ruspoli dei duchi di San Lorenzo, che pur essendo aristocratica, non era di sangue reale.»
  3. ^ Le Monde 1987
  4. ^ Pedigree: Chlothar I (2nd King) of All FRANKS
  5. ^ Royal Ark

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Pubblicazioni di Enrico di Francia, a firma Conte di Parigi:

  • La maîtrise de l'Air (brochure) (vers 1932).
  • Essai sur le gouvernement de demain, Flammarion, 1936.
  • Le Prolétariat, Œuvres Françaises, 1937.
  • Programme - 1938, opuscolo edito dalla Segreteria del Principe, 1938 - riedito dalla Nouvelle Action Française nel 1972.
  • Entre Français, Lefevbre, 1947.
  • Textes - 1934-1948, opuscolo edito dalla Segreteria del Principe, 1948
  • Raison garder, Éditions internationales, 1951 - riedito dalla Nouvelle Action Française nel 1974.
  • Mémoires du roi Louis-Philippe, Perrin, 1973 (prefazione).
  • Au service de la France: Mémoires d'exil et de combats, Atelier Marcel Jullian, 1979 - riedito Le Livre de Poche, 1981.
  • Lettre aux Français, Fayard, 1983.
  • L'avenir dure longtemps, Grasset, 1987.
  • Dialogue sur la France, correspondance et entretiens avec le général De Gaulle - 1953-1970, Fayard, 1994.
  • Les rois de France et le Sacré, éditions du Rocher, 1996.
  • Mon album de famille (in collaborazione con Michele di Grecia), Perrin, 1996.

Pubblicazioni su Enrico (VI) di Francia:

  • Renée Pierre Gosset, Expédients provisoires, Fasquelle, Paris, 1945.
  • Xavier Walter, "Un roi pour la France : Henri comte de Paris 1908-1999", François-Xavier de Guibert, 12 juin 2002
  • Philippe Delorme, L'homme qui rêvait d'être roi, Entretiens avec Henri comte de Paris, Buchet-Chastel, 2006.
  • Vincent Meylan, Contre-enquête sur le comte et la comtesse de Paris, Pygmalion, 2007.
  • Merry Bromberger, Le Comte De Paris, et La Maison De France, (Plon) 1956.
Predecessore Linea di successione al trono di Francia
(Orléans)
Successore Grand Royal Coat of Arms of France.svg
Giovanni III 1940 - 1999 Enrico VII
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie