Enrico Thovez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Thovez

Enrico Thovez (Torino, 10 novembre 1869Torino, 16 febbraio 1925) è stato un critico letterario e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Cesare Thovez, ingegnere, e di Maria Angela Berlinguer, («...mia madre è sarda, di famiglia oriunda spagnola, venuta dalla Catalogna nella fine del Seicento e da questa parte mi viene l'amore della poesia»), frequenta le scuole tecniche e s'iscrive alla facoltà di scienze nel 1886 ma interrompe gli studi universitari per mettersi a studiare latino e greco, prendere la licenza liceale nel 1892, iscriversi alla facoltà di lettere e laurearsi nel 1896.

Già nel 1895 si rende noto denunciando nella Gazzetta Letteraria i plagi della poesia dannunziana, tratti da poeti francesi allora pressoché sconosciuti in Italia, e collabora a diversi quotidiani, La Gazzetta del Popolo, il Corriere della Sera, Il Resto del Carlino, con articoli d’arte, di critica e di costume, fino a entrare nella redazione de La Stampa nel 1905. Nel 1902 fonda con Leonardo Bistolfi, Giorgio Ceragioli, Enrico Reycend e Davide Calandra la rivista L'arte decorativa moderna.

Dipinge ed espone due volte alla Biennale di Venezia, viaggia per l'Europa, è per dieci anni direttore del Museo civico d'arte moderna di Torino.

Dalla lettura del suo Diario emerge un’enorme autostima nei confronti dei colleghi critici e artisti: «non posso nascondermi che ho la testa dieci volte più larga della loro e che io mi sento a mio agio nella pittura e nella scultura e nella musica tanto quanto nella poesia, dove si degnerebbero di concedermi dell'autorevolezza, che io ho dieci volte più conoscenza della natura umana e più buon senso delle questioni di loro, che io sono più serio, più preciso e che ho una forza d'idealità, un culto della bellezza che si rivela anche nella vita comune, nelle mie parole, nella mia condotta, nei miei amori».

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • L'arte del comporre di Gabriele d'Annunzio (1896)
  • Il poema dell’adolescenza (1901)
  • Il pastore, il gregge e la zampogna (1910)
  • L’opera pittorica di Vittorio Avondo (1912)
  • Mimi dei moderni (1919)
  • L’arco di Ulisse (1921)
  • Il vangelo della pittura e altre cose d’arte (1921)
  • Poemi di amore e di arte (1922)
  • Il viandante e la sua orma (1923)
  • Il filo di Arianna (1924)
  • La ruota di Issione (1925)

Il poema dell'adolescenza[modifica | modifica sorgente]

Comincia a scrivere i versi che formeranno il suo Poema nel 1887 e continua fino agli anni Novanta, via via affinando e ordinando; porta altre modifiche ancora nel 1924, per la seconda edizione dell’opera. La scelta del verso prosastico - formato in realtà da una coppia di ottonari, per riprodurre l’esametro classico - vuole introdurre una poesia che, evitati gli effetti musicali del verso ritmico, imponga l’immediatezza del contenuto poetico.

Scrive nel Diario: «Mi rallegro di aver ridotto la mia poesia al minimo di legamenti sillabici, persuaso che se avessi fatto della poesia in prosa non sarei mai giunto a esser preso sul serio da questo paese di chitarre e mandolini.” Dice di non poter “…scrivere nulla se non essendo profondamente commosso…queste poche centinaia di versi …che mi hanno costato tante lagrime e tanto strazio…non mi fido ancora della creazione puramente mentale…»

«O dolce viso fuggente, o moribonda dolcezza, / restami ancora negli occhi: non ho altro di te. / Fermati: ti corro incontro: ti cerco in cielo, nell’aria, / nel buio delle mie palpebre; non voglio perderti ancora. / È un’ombra tenue dei labbri, un tremor lieve dei cigli, / un roseo lobo d’orecchio, la gola fluida, il mento / rotondo, l’iridi azzurre: ondeggia, sfuma, e si solve / mi sfugge come un vapore. O sogno dolce, o mio amore / travisto appena e perduto, per sempre e sempre perduto!»

Così esibisce i sentimenti per porre materia all’arte ed esasperandolo, pensa di sublimarlo in poesia.

«Oh, dite male di lei, ditela indegna, non nego: / fu sciocca e infame, lo so, non è il suo cuore che piango! / Mi ha inaridito, mi ha reso un vecchio inutile e vile: / oh mai nessuno, nessuno amò così follemente! / È la bellezza che piango, è la sua pallida testa, / è quella dolce persona così sottile e severa: / per me era tutto: la grazia, la gioventù, la poesia: / non v’è più nulla nel mondo per chi ha perduto l'amore.»

E nelle 118 brevi liriche che costituisco il complesso del Poema dell’adolescenza mantiene sempre alta quest’enfasi esclamativa, con un effetto di sazietà stucchevole.

Il meglio della sua poesia è nelle atmosfere degli ambienti chiusi, delle penombre intristite:

«...Ma nella stanza era l'afa. L’amaro odor della febbre, / l'odor dei sali. E la cara testa supina nell'ombra / sopra i cuscini disfatti, deforme, irriconoscibile, / e con un gemito appena, come una voce infantile, / debole, non la sua voce; e un cucchiaio rimosso / dentro un bicchiere, e un’angoscia sospesa, un pianto per l’aria.»

E altrove:

«... La vasta camera è in ombra. Dai vetri chiusi il tramonto / spande un riflesso di rosa tenero e triste, sui mobili, / una carezza funerea. Noi ci sentiamo nel cuore / una tristezza profonda. Guardiamo fissi dai vetri / i rami brulli del melo nell’orto ignudo. Essa stringe / al seno suo la mia testa, e piange muta nell’ombra.»

Mentre le sue impressioni di paesaggio hanno dell’irrisolto, dello spunto che non giunge a conclusione per l’irrompere concitato del colloquio con sé stesso:

«Falce di luna d'estate, che splendi d'oro fra i tigli / sciami di lucciole erranti sui fieni sparsi, profumi, / notte d'amore, e tu, vento, che così tepido spiri: / come passarono rapidi gli anni, e mi è presso la tomba! / Me non ventenne già opprime la sconsolata vecchiaia...»

La critica letteraria[modifica | modifica sorgente]

Il pastore, il gregge e la zampogna è l'analisi polemica del linguaggio della poesia italiana - dalla cui storia salva solo Dante Alighieri e Giacomo Leopardi - la quale ha, nel suo tempo, il "pastore" Giosuè Carducci come modello, esaltato e imitato da successori retori privi di serietà morale e d’impegno civile.

Nella riaffermazione del primato storico della lirica greca, nella teoria, ignota in Italia, della poesia come purezza lirica, immediata espressione del sentimento poetico, senza mediazioni culturali e tecniche, nella spietata analisi dell’arretratezza della cultura italiana, un tempo arcadica ed oggi accademica ed estetizzante, spiegata con le carenze morali d'un popolo, senza però avvedersi dell’arretratezza di tutta una nazione che di quella dovrebbe esser causa, sta il merito e il limite della sua critica letteraria. La sua distinzione tra "poesia di forma" e "poesia di contenuto" è inutile perché la cosiddetta poesia di forma ha comunque un contenuto: l'indifferenza morale dello scrittore, il suo vuoto interiore e in definitiva il suo cinismo.

Il libro, accolto con un certo scandalo al suo apparire, giudicato anche lo sfogo di un poeta deluso e irritato dall'insuccesso della propria poesia, e poi presto emarginato, è godibile nella prosa viva, chiara e ironica.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Enrico Thovez, Diario e lettere inedite, Milano, Garzanti, 1939
  • Benedetto Croce, La letteratura della Nuova Italia, II, Bari, Laterza, 1948
  • Giorgio Petrocchi, Scrittori piemontesi del secondo Ottocento, Einaudi, 1948
  • Enrico Thovez, Il Poema dell'adolescenza, Torino, Einaudi, 1979
  • Enrico Thovez, Scritti d’arte (1895-1922), Treviso, Canova, 1980

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]