Enrico Pavanello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Pavanello
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 194 cm
Peso 113 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Seconda linea
Squadra Tarvisium Tarvisium
Carriera
Attività giovanile
1995-2000 Tarvisium Tarvisium
Attività di club¹
2000-12 Benetton Treviso Benetton Treviso 174 (?)
2012-14 Mogliano Mogliano 22 (5)
2014- Tarvisium Tarvisium
Attività da giocatore internazionale
2002- Italia Italia 8 (0)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 7 novembre 2014

Enrico Pavanello (Montebelluna, 15 ottobre 1980) è un rugbista a 15 italiano, seconda-terza linea del Tarvisium.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto del vivaio del Tarvisium, Pavanello fu ingaggiato dal Benetton nel 2000.

Con la squadra biancoverde Pavanello ha vinto 6 scudetti e dal 2010-11 milita in Celtic League; già rappresentante dell'Italia Under-21 e titolare regolare in Nazionale A, esordì nella selezione maggiore nel settembre 2002 a Parma, contro la Romania per la qualificazione alla Coppa del Mondo di rugby 2003, alla quale comunque non prese parte.

Nella stagione 2010-11 Pavanello, che raggiunse a tale data circa 200 incontri complessivi con il Benetton[1] di cui 156 in campionato, debuttò con la squadra in Celtic League.

Dopo l'esperienza a Treviso passò al Mogliano con cui, nel 2012-13 si aggiudicò il suo settimo scudetto personale, e primo assoluto per la squadra; nel 2014 è tornato al Tarvisium[2], club dove si formò prima del passaggio al professionismo.

Vanta anche una convocazione nei Barbarians, nel 2005, in occasione del tradizionale incontro con Leicester[3].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Club dei 100. URL consultato il 2 settembre 2010.
  2. ^ Elvis Lucchese, Tarvisium, dove il rugby è comunità. Una serie A molto speciale per le “magliette rosse” in Corriere del Veneto, 10 ottobre 2014. URL consultato il 7 novembre 2014.
  3. ^ (EN) Paul Stephens, Leicester's explosive spell sinks Baa-Baas in The Independent, 19 marzo 2005. URL consultato il 6 febbraio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]