Enrico I di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enrico Ottone il Grande o Eudes Di Borgogna (9461002) fu duca di Borgogna e conte di Auxerre.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 946 e battezzato Eudes o Ottone da Ugo il Grande (895-956), duca di Francia, conte di Parigi e conte di Auxerre e da Edvige di Sassonia (922-965), figlia del re di Germania Enrico l'Uccellatore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da bambino fu avviato alla carriera ecclesiastica.

Nel 965, alla morte del fratello Oddone, venne investito del titolo di duca; abbandonò la vita ecclesiastica ed assunse il nome di Enrico.

Nel 975 sposò Gerberga di Châlon[1] (?-986), vedova del re d'Italia in esilio, Adalberto II (932-975) che si era rifugiato ad Autun, con la moglie ed il figlioletto Ottone Guglielmo, che, dopo il matrimonio, fu adottato da Enrico Ottone.

Nel 982, Enrico Ottone investì il figlio adottivo Ottone I Guglielmo del titolo di conte di Borgogna (vassallo del duca) donandogli la parte del territorio, che si trovava al di fuori del regno di Francia ed inoltre gli concesse la contea di Mâcon, feudo del ducato di Borgogna.

Nel 992 sposò Gersenda di Guascogna, figlia del duca di Guascogna Guglielmo.

Nel 995, non avendo figli propri dalle due mogli ed essendo Gersenda prossima alla morte (996) designò il figlio adottivo erede del ducato

Morì nel 1002, lassciando erede Ottone I Guglielmo.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Enrico adottò il figlio della prima moglie, Gerberga di Châlon, e del re d'Italia, Adalberto II, Ottone Guglielmo, che fu conte di Borgogna, conte di e poi duca di Borgogna.

Predecessore Duca di Borgogna Successore
Oddone 965–1002 Ottone I Guglielmo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gerberga di Châlon era figlia del conte di Châlon e d'Autun, Lamberto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Louis Halphen, Francia: gli ultimi Carolingi e l'ascesa di Ugo Capeto (888-987), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 636-661
  • Louis Halphen, "La Francia dell'XI secolo", cap. XXIV, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 770-806.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]