Enrico Castelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il filosofo Enrico Castelli Gattinara, vedi Enrico Castelli Gattinara di Zubiena.
Enrico Castelli
Enrico Castelli.jpg
Enrico Castelli nel 1936
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ritirato 1939
Carriera
Squadre di club
1936-1939 Olimpia Milano Olimpia Milano
Nazionale
1936 Italia Italia 5 (4)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Enrico Castelli (Milano, 22 febbraio 19091983) è stato un cestista e dirigente sportivo italiano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Ha esordito nella nazionale italiana di pallacanestro a Padova il 3 maggio 1936 nella vittoria per 30-17 sull'Austria. Ha poi giocato tre gare alle Olimpiadi 1936. In totale, ha segnato quattro punti in cinque gare con gli azzurri[1].

Ha vinto quattro scudetti consecutivi con la maglia della Borletti Milano: nel 1936, nel 1936-37, nel 1937-38 e nel 1938-39.

Fu anche commissario CONI per l'Alta Italia della Federazione Italiana Pallacanestro nel 1945, nel periodo in cui si susseguirono Guido Graziani e Decio Scuri ai vertici della federazione e in attesa della nomina di Aldo Mairano quale presidente a tutti gli effetti[2].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpia Milano: 1935-1936, 1936-1937, 1937-1938, 1938-1939

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Almanacco illustrato del basket 1990. Modena, Panini, 1989, p. 398.
  2. ^ Presidenti della FIP

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente della FIP Successore
Decio Scuri 1945 Aldo Mairano

Controllo di autorità VIAF: 43049340