Enrico Casimiro I di Nassu-Dietz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Casimiro I di Nassau-Dietz

Enrico Casimiro I di Nassau-Dietz (Arnhem, 21 gennaio 1612Hulst, 13 luglio 1640) , fu conte di Nassau-Dietz e Stadtholder di Firisia, Groninga e Drenthe.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Enrico Casimiro I di Nassau-Dietz era il figlio primogenito di Ernesto Casimiro I di Nassau-Dietze di Sofia Edvige di Brunswick-Lüneburg e come suo padre egli si votò ancora giovane alla carriera delle armi.

Il 12 luglio 1640 egli venne ferito a Sint Jansteen durante la battaglia di Hulst e morì il giorno successivo. Enrico Casimiro venne sepolto a Leeuwarden, e venne succeduto nei suoi titoli dal fratello minore Guglielmo Federico di Nassau-Dietz.

La sua morte, a soli 28 anni, fu un esempio significativo del sacrificio che i Nassau apportarono per la liberazione della patria e il The Rijksmuseum conserva ancora oggi una maglia macchiata di sangue che la tradizione vuole fosse indossata da Enrico Casimiro quando venne ferito.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ bullet-hole hat in Rijksmuseum

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Statolder di Frisia, Groninga e Drenthe Successore
Ernesto Casimiro I di Nassau-Dietz 16321640 Guglielmo Federico di Nassau-Dietz
Predecessore Conte di Nassau-Dietz Successore
Ernesto Casimiro I di Nassau-Dietz 16321640 Guglielmo Federico di Nassau-Dietz