Enric Clarasó

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Resignación.

Enric Clarasó (Sant Feliu del Racó, 1857Barcellona, 1941) è stato uno scultore spagnolo, esponente del modernismo catalano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in un piccolo centro rurale della Catalogna in provincia di Castellar del Vallès nei pressi di Barcellona.
Si formò presso la Scuola di Belle Arti di Barcellona sotto la guida dello scultore John Roigh.
Dopo aver condiviso per qualche tempo lo studio con il pittore Miguel Carbonell Selva (1855-1896) nel 1881 si legò di grande amicizia con il pittore Santiago Rusiñol che gli presentò Ramón Casas. Tutti e tre insieme formarono un gruppo molto affiatato e noto nell'ambiente artistico dell'avanguardia catalana dell'inizio del Novecento. Insieme esposero molte volte al Salone Pares di Barcellona a partire dal 1890.
Con il denaro ricavato dalla sua partecipazione ai lavori di decorazione dell'Esposizione Universale di Barcellona del 1888 poté recarsi a Parigi con il suo amico Rusiñol Dopo questo soggiorno parigino la sua scultura si può definire già modernista pur conservando alcuni elementi del suo precedente stile naturalista.
Partecipò all'Esposizione Nazionale di Madrid nel 1892, a quella di Chicago del 1893. Alla Esposizione Universale di Parigi del 1900 vinse una medaglia d'oro.
Sue opere sono presenti in cappelle funerarie di famiglia dei cimiteri di Barcellona e di Saragozza.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]