Enoplomischus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Enoplomischus
Immagine di Enoplomischus mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Salticoidea
Famiglia Salticidae
Sottofamiglia Synagelinae
Tribù Leptorchestini
Genere Enoplomischus
Giltay, 1931
Serie tipo
Enoplomischus ghesquierei
Giltay, 1931
Specie

Enoplomischus Giltay, 1931 è un genere di ragni appartenente alla Famiglia Salticidae.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Questo genere ha un vistoso processo spinale sul pedicello che riproduce molto bene la medesima struttura presente nella parte anteriore dell'addome delle formiche del genere Odontomachus Latreille, 1804, grazie al quale questi ragni possono confondersi fra le stesse formiche.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le due specie oggi note di questo genere sono state rinvenute in Africa centrale: precisamente nella Repubblica Democratica del Congo, Costa d'Avorio e Kenya[2].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, a giugno 2011, si compone di due specie[2]:

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

  • Enoplomischus chattoni Berland & Millot, 1941; questi esemplari a seguito di un lavoro degli aracnologi Wesolowska e Szeremeta del 2001, sono stati riconosciuti sinonimi di Enoplomischus ghesquierei Giltay, 1931[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wesolowska W., 2005 - A new species of "Enoplomischus" from Kenya..
  2. ^ a b c The world spider catalog, Salticidae
  3. ^ Specie tipo del genere.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giltay, 1931 - Notes arachnologiques africaines. IV. Description d'une espèce nouvelle de Leptorchestinae (Salticidae unidentati). Revue de zoologie et de botanique africaines, vol.21, p. 167-170.
  • Wesolowska W., 2005 - A new species of "Enoplomischus" from Kenya (Araneae: Salticidae: Leptorchestinae). Genus, vol.16 (2), p. 307-311, 8 ff. Articolo in PDF

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi