Enoch (figlio di Caino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enoch è un personaggio biblico dell'Antico Testamento, figlio primogenito di Caino; viene citato nel passo della Genesi 4,17, del quale si dice: "Più tardi si mise a costruire una città che chiamò Enoch, dal nome di suo figlio". È probabile che il nome Enoch significhi sacrificio, ed indichi proprio quei sacrifici rituali in cui una vergine o un bambino venivano uccisi sulle fondazioni della nuova città, in modo che il loro fantasma furioso le infestasse e si opponesse a qualunque nemico.[senza fonte] Ma esiste anche un altro significato: Enoch, infatti, in ebraico significa "iniziato".

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]