Enkianthus campanulatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Enkianthus campanulatus
Enkianthus campanulatus2.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Ericales
Famiglia Ericaceae
Sottofamiglia Enkianthoideae
Genere Enkianthus
Specie E. campanulatus
Nomenclatura binomiale
Enkianthus campanulatus
(Miq.) G. Nicholson[1], 1884
Sinonimi
  • Andromeda campanulata
    Miq. (basionimo)
  • Tritomodon campanulatus
    (Miq.) F. Maek. ex H. Hara]

Enkianthus campanulatus (Miq.) G.Nicholson, 1884[2][3] (in inglese Red-veined Enkianthus) è un arbusto appartenente alla famiglia delle Ericaceae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È la specie più resistente di Enkianthus. Ha portamento arbustivo, stretto e verticale, con fogliame deciduo lucido di colore verde brillante, che vira al colore rame brillante/rosso aranciato in autunno. L'altezza ed il diametro che può raggiungere sono entrambi di 4 m.
Le foglie sono caduche, da ovali ed ellittiche, riunite in verticilli all'estremità dei rami.

In primavera, offre una profusione di piccoli fiori a forma di campanula, di colore bianco crema con venature rosse, riuniti in infiorescenze pendule.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È originario dei boschi montani del Giappone.

Ha bisogno di luce solare diretta, buona umidità del suolo e terreno acido. È molto rustico e può tollerare una temperatura di -15 °C.

La pianta fu importata in Inghilterra da Charles Maries, che in quel periodo si trovava in Giappone alla ricerca di piante per conto dei Vivai Veitch.

L'arbusto può superare le aspettative di crescita in altezza nelle giuste condizioni, come a Gravetye Manor, di proprietà di William Robinson, dove un paio di essi furono piantati attorno all'anno 1900 ed hanno raggiunto circa 5 m[4].

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Requisiti per la coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Esposizione: da pieno sole a parzialmente ombreggiato
Distanza: mantenere 1,2 - 1,5 m di distanza tra di loro
Altezza x larghezza medie: 3,3 m di altezza x 1,7 m di larghezza
Fertilizzazione: fertilizzare in primavera, subito prima della ripresa primaverile
Resistenza al freddo: tollera il freddo fino a circa -29 °C
Uso dell'acqua: mantenere il suolo omogeneamente umido. Preferisce suoli acidi e ben drenati.

Propagazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ill. Dict. Gard. i. 510, 1884
  2. ^ Enkianthus campanulatus - IPNI
  3. ^ Enkianthus campanulatus - GRIN
  4. ^ Alice M. Coats, Garden Shrubs and Their Histories (1964) 1992, s.v. "Enkianthus".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica