Enkheduanna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enkheduanna, o Enheduanna (... – ...), figlia di Sargon di Akkad, fu gran sacerdotessa del dio Nanna ad Ur, vissuta tra il 2285 a.C. ed il 2250 a.C..

A lei sono attribuiti numerosi inni, tra cui il famoso "Inno ad Inanna". Gli inni sono in lingua sumerica, nonostante l'accadico fosse la lingua della famiglia e dell'impero del padre. Il suo nome è il più antico tramandato come autore di opere poetiche nella letteratura mondiale, anche se la validità dell'attribuzione tradizionale è almeno dubbia, anche per motivi linguistici. In ogni caso l'attribuzione a Enkheduanna di inni scritti in lingua sumerica mostra il rispetto della dinastia sargonica verso le tradizioni religiose sumeriche.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Wolkstein D. e Noah Khramer S., Il mito sumero della vita e dell'immortalità. I poemi della dea Inanna, Jaka Book, Milano, 1985.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]