Enio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando una delle tre Graie, vedi Enio.

Enio è una figura della mitologia greca, personificava l'urlo furioso della battaglia.

Si tratta di una divinità femminile associata ad Ares e perciò alla guerra. Non ha una propria mitologia, anche se il fratello Enialo appare in uno stralcio del libro XX dell'Iliade. V'è anche la possibilità che Enialo sia uno pseudonimo dello stesso Ares.

Enio corrisponde alla dea italico-romana chiamata Bellona.

Omonimie[modifica | modifica wikitesto]

Sotto il nome di Enio troviamo anche un soldato peone, nel libro XXI dell'Iliade. Dopo la morte di Patroclo, Achille furioso affrontò decine di avversari uccidendoli tutti, fra le sue vittime vi fu anche Enio. Il suo corpo, gettato nello Scamandro, finì bruciato nell'incendio provocato da Efesto prima che i pesci potessero spolparlo, come invece era accaduto al cadavere del suo compagno Asteropeo. Per entrambi gli eroi, comunque, non poté essere effettuata alcuna sepoltura, cosicché alle loro anime restò precluso l'ingresso nell'Ade.

Enio è infine il nome di una delle tre Graie.