Enicognathus leptorhynchus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Parrocchetto beccosottile
Enicognathus leptorhynchus -two captive-8a.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Sottofamiglia Arinae
Genere Enicognathus
Specie E. leptorhynchus
Nomenclatura binomiale
Enicognathus leptorhynchus
(King, 1831)

Il parrocchetto beccosottile (Enicognathus leptorhynchus King, 1831) è un uccello della famiglia degli Psittacidi.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Pappagallo caratterizzato dalla lunghezza e ricurvatura del ramo superiore del becco, che si presenta piuttosto leggero e sottile e di colore nerastro. Ha taglia attorno ai 40 cm e la colorazione generale verde chiaro, fronte rossa, penne della corona e del dorso verdi bordate di nero a conferire un effetto a scaglie. La coda è rosso mattone, come lo scudo ventrale. L'iride è arancio e le zampe grigie. I giovani sono caratterizzati dalla mandibola superiore più corta e dal piumaggio più scuro.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

È essenzialmente uccello di foresta che frequenta le zone aperte e i coltivi solo in primavera quando scende in pianura. Durante la migrazione vola alto e si muove in stormi anche di 300 individui. È gregario e vive in colonia anche durante la riproduzione che avviene a partire da novembre. La femmina depone le uova, da 4 a 8, nel cavo di un albero o, in mancanza, in un anfratto roccioso o, alla disperata, costruisce un nido a coppa nel fitto della vegetazione. La cova dura circa 25 giorni. Si nutre prevalentemente di noci (è goloso di quelle di Araucaria araucana), bacche, frutta, semi, germogli e radici.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Vive in una striscia montuosa lunga e stretta in Cile, attorno ai 2000 metri e anche oltre. In natura è in declino, in cattività si registra un buon numero di coppie riproducenti ma non è una specie diffusa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Psittacidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli