Enicocephaloidea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Enicocephaloidea
Immagine di Enicocephaloidea mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Paraneoptera
Sezione Rhynchotoidea
Ordine Rhynchota
Sottordine Heteroptera
Infraordine Enicocephalomorpha
Superfamiglia Enicocephaloidea
Famiglie

Enicocephaloidea è una superfamiglia di Insetti dell'Ordine dei Rincoti (Sottordine Heteroptera). È l'unica superfamiglia compresa nell'infraordine Enicocephalomorpha ed è largamente rappresentata nelle regioni temperate.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Gli Enicocefalomorfi sono insetti di medio-piccole dimensioni, con corpo oblungo lungo 2-15 dimensioni. Il capo è allungato e mostra un restringimento dietro gli occhi apparendo suddiviso in due lobi (anteriore e postoculare); nel lobo postoculare sono localizzati gli ocelli quando sono presenti. Le antenne sono moderatamente lunghe e il rostro relativamente breve, mai più lunghe del capo.

Le ali sono generalmente ben sviluppate, interamente membranose sia le anteriori sia le posteriori. Le anteriori presentano, come nei Dipsocoromorfi, presentano una frattura longitudinale mediale e una vena trasversale che, partendo dal margine costale, interseca la radio e la vena derivata dall'unione di media e cubito. Le zampe anteriori sono generalmente di tipo raptatorio.

L'addome e le armature genitali, nei maschi, sono sempre simmetrici, le femmine sono provviste di ovopositore (Aenictopecheidae) oppure prive (Enicocephalidae).

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Descritto negli anni settanta, questo taxon comprende specie originariamente incluse fra i Reduvoidea e successivamente messe in relazione con i Dipsocoromorfi. La suddivisione sistematica, proposta da ŠTIS (1989) comprende due sole famiglie, Aenictopecheidae ed Enicocephalidae, le quali differiscono sostanzialmente per la morfologia degli organi genitali maschili e femminili e per la morfologia alare.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pavel Štys. Enicocephalomorpha in Randall T. Schuh, James A. Slater (a cura di), True bugs of the world (Hemiptera: Heteroptera). Classification and Natural History. Cornell University Press, 1995. pp. 67-73. ISBN 0801420660. (In inglese).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi