Engelbert Humperdinck (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Engelbert Humperdinck
Engelbert Humperdinck a Las Vegas nel 2009
Engelbert Humperdinck a Las Vegas nel 2009
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Pop
Adult contemporary music
Periodo di attività 1956 – in attività
Strumento pianoforte
Etichetta Decca Records
Album pubblicati Vedi: Discografia
Sito web

Engelbert Humperdinck, nome d'arte di Arnold George Dorsey (Chennai, 2 maggio 1936), è un cantante britannico, specializzato in repertorio pop ed easy listening. Attivo dal 1956, è anche pianista ed è tra gli artisti che hanno venduto il maggior numero di dischi nel Regno Unito.

Amico di Elvis Presley e di altri artisti famosi come ad esempio Leland Sklar e Abraham Laboriel, ha svolto parte della sua carriera negli Stati Uniti dove diversi suoi singoli hanno scalato le chart.

Il suo nome è iscritto fra quello delle celebrità della Hollywood Walk of Fame al 7000 Hollywood Blvd e la sua figura è rappresentata nel museo delle cere di Madame Tussauds a Las Vegas.

È fra gli artisti che si sono esibiti nella trasmissione televisiva Top of the Pops.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha toccato l'àpice della popolarità fra gli anni sessanta e gli anni settanta, dopo che - guarito da una grave forma di tubercolosi - decise di adottare come nome d'arte quello del compositore tedesco Engelbert Humperdinck.

Nato in una famiglia numerosa (dieci fratelli) da un ufficiale della British Army, Mervyn Dorsey, e dalla moglie Olive, all'età di dieci anni si trasferì con i suoi a Leicester, in Inghilterra. Un anno dopo iniziò ad interessarsi alla musica e ad imparare a suonare il sassofono.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Engelbert Humperdinck (a destra in alto) nel 1966 al "Club nr. 1" (Belgio)

Nei primi anni cinquanta iniziò a lavorare come apprendista in uno studio di ingegneria alternando questa attività con il suonare in nightclub. Intorno ai diciassette anni fu convinto da amici a partecipare ad una gara canora in cui imitava l'attore Jerry Lewis. Dal quel momento venne soprannominato Gerry Dorsey, e così si fece chiamare per una decina di anni circa[1].

La sua carriera venne interrotta a metà anni cinquanta per il servizio militare nella British Army Royal Corps of Signals.

Nel 1958 ebbe dalla Decca Records l'opportunità di incidere il suo primo singolo, I'll Never Fall in Love Again, che non ebbe particolare successo ma consentì al cantante di essere scritturato dalla casa discografica per i successivi dieci anni durante i quali avrebbe inciso dischi di maggiore o minore successo.

Contestualmente, Dorsey (questo era ancora il suo nome pubblico) continuò a suonare in nightclubs fino al 1961, quando si ammalò di tubercolosi. Una volta guarito dalla malattia tornò a suonare nei nightclub fino al 1965 quando entrò nel team del manager ed amico Gordon Mills, lo stesso che curava a quel tempo gli interessi del cantante Tom Jones.[1].

Il successo[modifica | modifica sorgente]

Nel luglio 1966 Humperdinck (che nel frattempo, su consiglio di Mills, aveva assunto il nuovo pseudonimo rifacendosi al nome dell'autore dell'opera lirica ispirata alla fiaba Hansel e Gretel), registrò il primo successo internazionale partecipando in Belgio assieme ad altri quattro colleghi britannici all'annuale Knokke song contest. In ottobre si esibì poi a Mechelen. In quel periodo, Humperdinck salì ai primi posti nelle classifiche discografiche belghe con il brano inciso sei mesi prima Release Me. La televisione belga registrò un video clip del cantante che esegue la canzone Dommage Dommage nel porto di Zeebrugge[2].

Forte di un nuovo contratto fatto stipulare da Mills con la Decca Records, Humperdinck reincise nel 1967 una nuova cover di Release Me in stile di ballata acustica arricchita da cori. In tale versione il brano raggiunse la Top ten in USA e il primo posto in Gran Bretagna impedendo al 45 giri a doppia facciata A dei Beatles Penny Lane-Strawberry Fields Forever di raggiungere la cima della classifica (che il gruppo non mancava ininterrottamente dal 1963). Rimase per cinquantasei settimane nelle Top 50 single chart[3].

Sebbene quel 1967 fosse un anno consacrato alla musica psichedelica del nascente flower power sostenuta dai Beatles e in USA dai The Byrds, il successo di un brano pop come Release Me non sorprese più di tanto, considerando il fatto che lo stesso Frank Sinatra aveva raggiunto appena un anno prima la vetta delle classifiche e lo stesso aveva fatto un altro cantante di genere adult contemporary music come Tom Jones. Ad ogni buon conto, Release Me fu venduta, nel periodo di maggiore popolarità, ad una media di 85 000 copie/giorno restando per anni la sua canzone più conosciuta, oltre che uno dei singoli più venduti nel Regno Unito e in assoluto fra i più venduti di tutti i tempi.

Stile "Easygoing"[modifica | modifica sorgente]

Lo stile easygoing del canto - che ne faceva il classico interprete confidenziale - assieme al look casual e al portamento distinto, che risultava enfatizzato in rapporto a quello maggiormente hard di artisti coevi come ad esempio Tom Jones, hanno garantito nel tempo a Humperdinck un largo seguito specialmente fra il pubblico maturo femminile.

A Release Me hanno fatto seguito due altre ballate piazzatesi ai primi posti in classifica, There Goes My Everything e The Last Waltz, che gli fecero acquisire una fama da crooner che lui peraltro non sempre apprezzò. "Se non sei un vero crooner", disse in un'intervista a Rick Sherwood del The Hollywood Reporter, "non puoi desiderare di essere definito tale". Convinto di non avere la stoffa del crooner, era consapevole di essere semplicemente un buon cantante del suo tempo, con un proprio stile definito.

Altre sue canzoni di successo sono in seguito state Am I That Easy to Forget, A Man Without Love, From Here To Eternity, Les Bicyclettes de Belsize, The Way It Used To Be, A Place In The Sun, I'm A Better Man e Winter World of Love, tutte distribuite prima che gli anni sessanta declinassero nei settanta.

Nel decennio successivo il cantante ha pubblicato diversi album di successo: The Last Waltz, The Way It Used To Be, A Man Without Love e l'eponimo Engelbert Humperdinck. Soprattutto due canzoni incise negli Stati Uniti, fra il 1976 ed il 1978, lo riportarono in auge: la prima fu 'After the Lovin' ' che raggiunse la prima posizione in Nuova Zelanda, la settima in Canada e l'ottava nella Billboard Hot 100 ed un paio d'anni dopo, 'This moment in Time'.

Meno fortuna ha avuto con la televisione: un suo programma di scarso successo fu interrotto dopo sei mesi di trasmissione.

Sempre per la tv è apparso come guest star in un episodio della serie televisiva Love Boat (1983) ed in uno di Weeds.

È rimasto legato al suo paese di origine, l'Inghilterra, e negli anni ottanta ha abitato per qualche tempo in un cottage a Forest Row, nell'East Sussex.

Ha rappresentato il Regno Unito al 57° Eurovision Song Contest.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

  • Release Me (1967) UK numero 6
  • The Last Waltz (1967) Decca - UK numero 3, Norvegia numero 5 e US numero 10
  • A Man Without Love (1968) Parrott/Decca UK numero 3 e Norvegia numero 1
  • Engelbert (1969) UK e Norvegia numero 3
  • Engelbert Humperdinck (1969) US e UK numero 5 e Norvegia numero 9
  • We Made It Happen (1970) UK numero 17
  • Sweetheart (1971)
  • Another Time, Another Place (1971) UK numero 48
  • Live at the Riviera Las Vegas (1972) UK numero 45
  • In Time (1972)
  • Engelbert King of Hearts (1973)
  • My Love (1973)
  • Engelbert Humperdinck - His Greatest Hits (1974) UK numero 1
  • engelbert humperdinck live in Japan(2lp) (1975)
  • After the Lovin' (1976)
  • Miracles By Engelbert Humperdinck (1977)
  • christmas tyme (1977)
  • Last of the Romantics (1978)
  • This Moment in Time (1979)
  • love's only love (1980)
  • retrospective (1980)
  • Live in Concert All of Me (1980)
  • A Merry Christmas With Engelbert Humperdinck (1980)
  • Don't You Love Me Anymore (1981)
  • You and Your Lover (1983)
  • A Lovely Way To Spend An Evening (2lp) (1985)
  • Träumen Mit Engelbert (1986) Ariola - Svizzera numero 6
  • The Best Of Engelbert Humperdinck (1986) Dino Music - Olanda numero 2
  • remember-i love you (1987) White Records - Austria numero 5
  • in love (1988)
  • In Liebe (1988) White Records - Austria numero 10
  • Ich denk an Dich (Star Of Bethlehem) (1989)
  • zartlichkeiten (1990)
  • Coming Home (1991)
  • Hello Out There (1992)
  • Yours (1993)
  • Yours Quiereme Mucho (1993)
  • The Golden Hits Of Engelbert Humperdinck & Tom Jones (1993) Deram/Mercury - Olanda numero 6
  • Love Unchained (1995)
  • After Dark (1996)
  • A Little In Love (1998)
  • The Dance Album (2000) UK numero 48
  • Engelbert Humperdinck - Live with The Royal Philharmonic Orchestra (2000) Legacy
  • Always Hear The Harmony: The Gospel Sessions (2002)
  • Definition of Love (2003)
  • Engelbert Live (2003)
  • His Greatest Love Songs (2004) UK numero 4 - nuova registrazione di Ted Carfrae
  • Let There Be Love (2005)
  • Totally Amazing (2006)
  • Greatest Hits and More (2007)
  • The Winding Road (2007)
  • Legacy Of Love (2009)
  • Release Me (The Best Of Engelbert Humperdinck) (2012) Decca - Nuova Zelanda numero 3

Singoli nelle "chart" USA[modifica | modifica sorgente]

  • Release Me (And Let Me Love Again) - UK numero 1, Olanda numero 2 e US numero 4, 1967
  • There Goes My Everything - numero 20, 1967
  • The Last Waltz - UK numero 1, Norvegia ed Austria numero 3, Svizzera ed Olanda numero 9 e US numero 25, 1967
  • Am I That Easy To Forget - Irlanda numero 1, UK numero 3 e US numero 18, 1968 (numero 1 Adult Contemporary - per una settimana)
  • A Man Without Love (Quando M'Innamoro) - Svizzera numero 1, UK numero 2, Norvegia numero 3, Olanda numero 5, Austria e Germania numero 6 e US numero 19, 1968
  • Les Bicyclettes De Belsize - numero 31, 1968
  • The Way It Used To Be - numero 42, 1969
  • I'm A Better Man - numero 38, 1969
  • Winter World Of Love - numero 16, 1970
  • My Marie - numero 43, 1970
  • Sweetheart - numero 47, 1970
  • When There's No You - numero 45, 1971 (numero 1 Adult Contemporary - per una settimana
  • Another Time, Another Place - numero 43, 1971
  • After The Lovin - numero 8, 1977 (numero 1 Adult Contemporary - per due settimane - disco d'oro)
  • This Moment in Time - 1980

"Cover"[modifica | modifica sorgente]

Humperdinck ha eseguito in carriera cover di canzoni che, grazie anche al suo contributo, sono diventate degli standard di fama internazionale. Fra le altre figurano:

Canti natalizi[modifica | modifica sorgente]

Humperdinck ha inciso anche diversi canti natalizi:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Stark, Herbert Alick. Hostages To India: OR The Life Story of the Anglo Indian Race. Third Edition. London: The Simon Wallenberg Press: Vol 2: Anglo Indian Heritage Books
  2. ^ YouTube - Engelbert - Dommage Dommage
  3. ^ 'Release Me', ChartStats. URL consultato il 23 settembre 2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 27259648 LCCN: n93033711