Emporio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine emporio (dal greco antico empòrion; plurale empòria) designava nel Mediterraneo antico una località marittima adibita allo scarico, al deposito e alla vendita di merci.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

L'etimologia del sostantivo emporio risale al greco antico ed è sintetizzabile nei seguenti passaggi: dal verbo pèiro (attraverso, oltrepasso) deriva il sostantivo pòros (passaggio, specialmente marittimo), da cui ha origine èmporos (passeggero, viaggiatore, specialmente con finalità commerciali), che a sua volta ha prodotto empòrion, che indica precisamente il luogo di approdo di un viaggiatore marittimo.

Significato antico[modifica | modifica sorgente]

Tutti i popoli antichi che abitavano sulle sponde del mar Mediterraneo e che praticavano il commercio possedevano luoghi di approdo, dove le merci importate venivano direttamente scambiate con prodotti locali. Ma fu soprattutto con i Fenici e con i Greci, a partire dall'VIII secolo a.C., che tali luoghi cominciarono ad avere una organizzazione funzionale al loro scopo, dotandosi di specifiche infrastrutture, che suddividevano lo spazio in aree dedicate alle varie attività commerciali. Gli empori ebbero grande importanza non solo per l'incremento delle attività mercantili, ma anche per lo sviluppo urbano, giacché spesso intorno ad essi nacquero e si svilupparono importanti città, come Calcide, sull'isola greca di Eubea, o Nasso in Sicilia.

Tuttavia, anche inseriti in un contesto urbano, gli empori continuarono ad essere percepiti come aree a sé stanti e spesso i loro confini erano segnalati da cippi, quando non addirittura marcati con cinte murarie. Sebbene persistano ancora molti dubbi in merito, è assai probabile che gli empori, o almeno molti di essi, godessero di uno status fiscale particolare, assimilabile a quello degli attuali porti franchi. È certo che nel loro ambito operavano dei magistrati preposti a vigilare sul rispetto delle norme commerciali vigenti, che in greco erano chiamati epimeletài tou emporìou.

Due esempi: Atene e Roma[modifica | modifica sorgente]

L'emporio meglio conosciuto dell'antichità classica è quello che sorgeva presso il Pireo, il porto di Atene. Esso si trovava nella parte più interna dell'insenatura portuale. Disponeva di una lunga banchina, divisa in tante sezioni, ciascuna riservata ad un particolare tipo di nave. Contigua ad essa si estendeva una piazza, utilizzata per le operazioni di carico e scarico, mentre tutto intorno sorgevano cinque portici colonnati per l'esposizione e la vendita dei prodotti.

L'emporio di Roma, allestito all'inizio del II secolo a.C., era collocato tra le pendici del colle Aventino e il fiume Tevere. Le navi mercantili lo raggiungevano risalendo la corrente da Ostia. In origine si presentava semplicemente come un insieme di magazzini, ma qualche decennio dopo la sua nascita, a seguito della notevole crescita commerciale della città, venne lastricato e recintato. In seguito la sua identità topografica venne meno, perché esso entrò a far parte del gigantesco sistema di banchine, scali e magazzini che, con la progressiva trasformazione di Roma in metropoli, si affollarono lungo le sponde del Tevere.

Altri importanti empòria[modifica | modifica sorgente]

Gli empòria furono creati lungo le coste del Mediterraneo presso le strategiche stazioni che diventavano veri e propri punti di contatto tra culture lontane. Qui di seguito faremo un excursus (sicuramente poco esaustivo) dei punti di contatto a noi noti.

  • Troia. La città dell'Iliade era un importante crocevia tra occidente ed oriente in epoca Minoica.
  • Naucratis. In passato questa città egiziana fece da "ponte" tra la civiltà Greca e quella Egizia.
  • Thapsos. Fino al XIII secolo a.C. dovette essere un emporio minoico in Sicilia.
  • Gela. La città che tra il VI e il V secolo a.C. era tra le più importanti del mondo greco era dotata di un fiorente emporio distrutto in passato.
  • Agrigento. L'Emporio siceliota di Akragas fu costruito alla foce del fiume Akragas nel VII secolo a.C.
  • Empúries (in latino Emporiae). Fondata dai Focesi di Massalia nella prima metà del VI secolo a.C. sul golfo di Roses, in Catalogna.

Significato moderno[modifica | modifica sorgente]

Al giorno d'oggi il termine emporio, accanto al significato antico, ha assunto un'accezione più generica, venendo ad indicare una qualsiasi piazza commerciale, dove si vendano, si comprino o si scambino merci: possono essere considerati empori tanto quello marittimo di Livorno quanto quello terrestre di Francoforte.

Inoltre la parola può anche indicare luoghi più limitati, come grandi negozi magazzini, specialmente se adibiti alla vendita di un'unica tipologia di merce: sono empori, ad esempio, i mercati stabili di prodotti ortofrutticoli presenti nel tessuto urbano di moltissime città.