Employment

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Employment

Artista Kaiser Chiefs
Tipo album Studio
Pubblicazione 7 marzo 2005
Durata 44 min : 12 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Rock
Etichetta B-Unique
Produttore Stephen Street, Stephen Harris
Kaiser Chiefs - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2007)

Employment è il primo album della rock band inglese Kaiser Chiefs, pubblicato nel marzo 2005 dall'etichetta B-Unique.

Di chiara influenza Britpop e new wave, il disco riporta in auge il punk rock degli anni '70 e la musica di gruppi quali Beach Boys e della musica West Coast. Il 13 marzo 2005 l'album arrivò al terzo posto della UK Albums Chart e quasi un anno dopo giunse al secondo posto, trainato dal successo della band ai Brit Awards 2006, anno in cui fu il quarto disco più venduto nel Regno Unito.

Riscontro e registrazione del disco[modifica | modifica sorgente]

La band decise di lavorare all'album con il produttore Stephen Street, che conobbe Nick Hodgson dopo un concerto degli Ordinary Boys, dove la band di Hodgson e soci faceva da gruppo spalla. Hodgson diede a Street un CD contenente alcuni demo dicendogli che la band avrebbe gradito collaborare con lui. Verso la metà di agosto del 2004 il gruppo incontrò il produttore agli Olympic Studios, dove registrò la canzone "I Predict A Riot" insieme all'ingegnere del suono Cenzo Townsend. Come riferisce il manager James Sandom, intervistato da HitQuarters, l'album d'esordio dei Kaiser Chiefs fu registrato in fretta perché la band era costantemente in tour e aveva un periodo di tempo limitato per registrare. Per questo motivo la conoscenza con Stephen Street rimase superficiale.

L'album fu accolto entusiasticamente da pubblico e critica. Le riviste musicali paragonarono lo stile del gruppo a quello dei Blur e dei Franz Ferdinand, mettendone in risalto l'energia del suo guitar pop capace di dare nuova linfa al rock britannico. Il disco ottenne un NME Award nella categoria Best Album 2006.

La motocicletta che si sente all'inizio della canzone "Saturday Night" e che compare nel videoclip promozionale della canzone appartiene a Graham Coxon dei Blur, band di riferimento per i Kaiser Chiefs. Come riportato nel libretto allegato al CD, "la motocicletta di Graham Coxon (1935 Kaiser 'Chief' 750cc Manx TT Works Racer) compare grazie alla cortesia di Transcopic Records". Il brano "Caroline, Yes" è così chiamato in riferimento a "Carole, No" dei Beach Boys. Inizialmente si chiamava "Hail to the Chief", come svelato nel libro A Record of Employment.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Template-info.svg
  1. Everyday I Love You Less and Less - 3:37
  2. I Predict a Riot - 3:53
  3. Modern Way - 4:03
  4. Na Na Na Na Naa - 3:01
  5. You Can Have It All - 4:35
  6. Oh My God - 3:35
  7. Born to Be a Dancer - 3:30
  8. Saturday Night - 3:27
  9. What Did I Ever Give You? - 4:09
  10. Time Honoured Tradition - 2:45
  11. Caroline, Yes - 4:13

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Formazione[modifica | modifica sorgente]