Empietà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'empietà è, nella concezione generale, la trascuratezza del culto di una religione, ovverosia della totalità della pratica religiosa esteriore; indipendentemente dalle sue sacre scritture, dalla sua teologia o mitologia, o dalla fede personale dei suoi credenti. L'empietà si distingue, in quanto atto passivo, dall'eresia che implica invece l'attiva opposizione al dogma religioso. Nonostante l'evidente differenza, storicamente, i reati di eresia o empietà sono stati sostanzialmente perseguiti e condannati utilizzando gli stessi criteri, sottostante l'obbligo di osservare il dogma religioso o politico, fedelmente e assolutamente.

Personaggi accusati di empietà o eresia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

religione Portale Religione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di religione