Emory Kristof

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Emory Kristof (Laurel, 19 novembre 1942) è un fotografo statunitense specializzato in fotografia subacquea ad alta tecnologia.

Studia giornalismo all'Università del Maryland, dove si laurea nel 1964. Entra in seguito a far parte dello staff del National Geographic dal 1964 al 1994, scrivendo 39 articoli.

Venuto in contatto con Bates Littlehales e Luis Marden sperimenta nel 1976 la sua apparecchiatura subacquea per una ricerca del mostro di Loch Ness; questa non ebbe successo, ma Kristof inventò un sistema di scatto sensibile al movimento utilizzato in seguito nel 1977 e nel 1979 per una serie di fotografie nell'Oceano Pacifico che resero possibile la scoperta di alcune nuove specie marine. Sempre Kristof fu, nel 1991, il fotografo a realizzare un primo[1] reportage del Titanic (la cui posizione era stata scoperta 6 anni prima) a 4000 metri di profondità, alloggiando all'interno di un sommergibile russo per grandi profondità, il MIR I, e usando appositi proiettori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ulteriori esplorazioni vennero effettuate in seguito. Resoconto dell'esplorazione del 2004 e alcune delle foto scattate da Kristof: [1], [2], [3].
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie