Emo (sottocultura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acconciature
Acconciature
Acconciature

Emo (pronuncia: /ˈiːmoʊ/) è un termine inglese nato per identificare una subcultura giovanile emersa negli Stati Uniti, in particolare a Washington D.C., tra gli anni ottanta e novanta[1]. Essa deriva direttamente dal genere musicale emo, da cui ha preso ispirazioni e caratteristiche, ma anche dal punk rock e da altri generi di musica alternativa[1].

Per più di un decennio, il termine emo è stato usato quasi esclusivamente per descrivere il genere musicale che ha dominato la fine degli anni 80; Tuttavia, durante gli anni novanta, quando la musica emo iniziò a convergere nel senso popolare, il termine iniziò ad essere utilizzato come un riferimento più ampio rispetto alla precedente denotazione, indicando quindi sia il genere musicale che il movimento culturale ad esso correlato. L'origine della parola emo in sé è confusa, anche se molto probabilmente è l'abbreviazione di emotional ("emotivo")[2]. I rappresentanti di questa subcultura vengono indicati col termine di emo kids ("ragazzi emo")[3] o semplicemente emo.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Abbigliamento[modifica | modifica wikitesto]

Un emo all'Animecon di Budapest del 2008

Lo stile emo (detto anche scene) è spesso associato ad un certo tipo di moda relativa all'abbigliamento skate. Attualmente, sia i ragazzi che le ragazze usano spesso jeans stretti ed aderenti, hanno una lunga frangia asimmetrica in testa e gli occhi truccati di nero. Sono frequenti t-shirt aderenti raffiguranti le band preferite, cintura con le borchie colorate con tonalità accese, scarpe da skater o in generale scarpe nere, Converse o Vans[4][5][6].

L'abbigliamento emo trae le sue radici dalla scena hardcore punk/post-hardcore e straight edge americana degli anni ottanta (proprio dove l'emo in origine era nato), i cui interpreti seguivano l'abbigliamento skater di quel periodo, che differentemente da quello più recente, si basava su indumenti tendenzialmente stretti ed aderenti, tatuaggi, magliette corte e capelli corti o rasati, e anzi non vi era traccia della caratteristica frangia.

Una coppia di emo kids

Lo stile emo oggi si è quindi distinto dall'originale sia nella musica che nel look, in quanto, sebbene presenti diversi elementi in comune, ha più affinità con la scena pop punk e melodic hardcore americana riconducibile agli anni novanta-duemila. La recente moda dei "nuovi" emo ha comunque condizionato le tendenze generali, in quanto oggi questi indumenti sono largamente utilizzati e reperibili nei negozi.

Ci sono due forme popolari di stile di abbigliamento che sono considerate emo al momento: il primo essenzialmente deriva dall'indie-punk-anni 90 e ha connessioni con l'indie rock e punk rock. L'abbigliamento è spesso di colori neri e scuri, spesso contrastati con colori vivaci e appariscenti. Le camicie possono essere personalizzate e avere vari motivi, spesso immagini ereditate dalla cultura punk.

Un altro stile popolare, influenzato da quello gotico, si concentra di più sui colori scuri ed è caratterizzato principalmente dalle camicie rosse in blu, fucsia e nero, talvolta con teschi o stelle; nastri luminosi; e pantaloni stretti (preferibilmente neri o scuri). Inoltre a volte i rappresentanti di questo stile indossano una maglietta o una camicia con una cravatta, contrastando i possibili colori di quest'ultima con delle cinture di proiettili. Vengono utilizzati anche maglioni, giacche da lavoro e paia di occhiali quasi sempre appuntiti e di colore nero. Tuttavia, non tutti gli stili d'abbigliamento sono correlati con la cultura dark o goth, solo pochi sono interamente collegati con la musica emo, oppure si rifanno ad altri stili solo per quanto riguarda alcuni aspetti estetici. L'emo ha subito un'influenza indiretta del punk, infatti il termine emo è legato all'emotional hardcore, la prima forma di musica emo.

È chiaro quindi che gli emo si preoccupino molto del loro aspetto perché è il mezzo tramite il quale esprimono i loro sentimenti. Non sorprende quindi che anche i ragazzi si trucchino o abbiano una grande cura nel modo di tenere i capelli o nella scelta degli accessori (cinture, bracciali, piercing ecc.).

Marchi[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli altri si possono citare Iron Fist, Hell Bunny e Poizen Industries[7].

Capelli[modifica | modifica wikitesto]

Emo coi capelli corti

I capelli costituiscono una base fondamentale della moda emo, in quanto è attraverso di essi che gli emo trasmettono alle altre persone le loro emozioni, i loro pensieri o gusti personali.

Le capigliature emo incoraggiano le persone a sperimentare con la forma dei loro capelli, dal taglio fino agli accessori, e possono essere un modo divertente per personalizzare il proprio look personale. Clip, manopole e fasce per capelli possono essere utilizzate per accentuare e creare varie forme e colori, che possono essere aggiunte in blocchi o striature per creare volume e consistenza. Le acconciature emo possono essere di qualsiasi lunghezza e pratiche abbastanza da poterle fare anche a casa, sebbene potrebbe essere una buona idea che il taglio base venisse fatto da un professionista.

Emo coi capelli medio-lunghi

Non ci sono particolari regole quando si tratta di stili di capelli emo, basta ottenere inventiva con strati increspati e frange, ma qualunque lunghezza una persona possa avere in genere questi stili tengono normalmente i capelli più lunghi nella parte anteriore del viso, a coprire solitamente un occhio o entrambi[8]. Le acconciature emo possono variare ma gli elementi basilari sono quasi sempre gli stessi:

Colore nero: i capelli tinti color nero profondo sono molto comuni e pochissime persone emo hanno i capelli davvero neri. Questo colore, così come anche gli altri, può anche essere combinato con striature e sezioni di altri colori, dai colpi di luna ai colori vivaci tipo punk come il neon rosa e il blu elettrico[8].

Emo con il tipico taglio "Spiky"

Asimmetria: i tagli di capelli emo sono tipicamente asimmetrici, con strati increspati, acutamente tagliati. Questo permette alle persone di essere fantasiose e originali con il loro stile di capelli e li fa sembrare allo stesso tempo ben curati, trendy e sbarazzini[8].

Dritti: La base per i capelli emo sono i capelli dritti, eleganti, che possono essere raggiunto solo veramente con moderni sieri liscianti e piastre per capelli. Tra gli emo sono popolari anche i tagli spiky, ma questi sono in genere spuntoni alla moda, lisciati ed eleganti, piuttosto che casuali e disordinati come i liberty utilizzati dai punk[8].

Corti: I capelli emo corti sono in genere ordinati e rivolti tutti verso uno stesso lato ed accorciati più finemente nella parte anteriore. Uno stile semplice per creare questo tipo di pettinatura consiste nell'utilizzare del gel o dei prodotti liscianti per poi aggiungervi della lacca; si può anche utilizzare una piastra. Le sezioni davanti e la frangia dei capelli normalmente vengono lasciati fatti cadere elegantemente sulla faccia, oppure vengono mantenuti fermi con delle clip. I capelli emo corti sono anche ottimi per ricreare gli stili spiky davvero ben curati[8].

Medio lunghi e lunghi: Sono in genere gli stili di capelli emo in cui vengono utilizzati soprattutto gli accessori, le tinture e le extensions. Solitamente sono piuttosto ben curati. Vengono pettinati leggermente, separati in due file che poi vengono lasciate cadere sulle spalle; la frangia viene spesso appoggiata ad una di queste fila di capelli in modo tale da farli sembrare più gonfi e voluminosi ed inoltre non coprono il viso[8].

Correnti[modifica | modifica wikitesto]

  • Alt-Country Emo: Emo vissuti in campagna o in zone rurali e cresciuti di conseguenza. Indossano abiti di flanella, pantaloni jeans, e talvolta si fanno crescere la barba[9][10].
  • Christian Emo: Sono gli emo che ascoltano soprattutto generi come il christian rock o il christian metal. Rispetto agli altri emo, non seguono la moda emo o punk, ma indossano abiti civili. Solitamente non bevono alcolici[9][10].
  • Eighties Emo: Sono gli emo originali, cioè quelli che seguono ancora la moda e lo stile di vita emo degli anni 80[9][10].
  • Goth Emo: Gli emo più vicini al movimento goth. Sono vestiti principalmente con abiti scuri, neri o rossi[9][10].
  • Indie Emo: Essenzialmente sono gli emo che più s'intendono di musica e che passano le loro serate ad ascoltarla dal vivo nei locali o nei bar[9][10].
  • Machismo Emo: Gli emo che seguono la moda emotiva tipica del mondo emo al contrario; invece di essere tendenzialmente timidi, tristi e solitari, si comportano come delle persone estroverse, sicure di sé e spesso sfacciate[9][10].
  • Plastic Emo (o Scene Emo): Sono gli emo più originali, soprattutto per quanto riguarda la capigliatura ed il trucco fai-da-te[8], spesso piuttosto esagerati. Le ragazze appartenenti a questa branca emo vengono dette Scene Queen mentre i ragazzi Scene King.
  • Poser Emo: Non sono veri emo ma dei poser, cioè sono degli individui, spesso anche piuttosto giovani, che ascoltano musica emo e che si comportano come se fossero tristi e/o angosciati, ma in realtà non lo sono oppure non hanno un motivo vero per esserlo[8].
  • Prog Emo: Emo solitari che spendono la maggior parte del loro tempo soprattutto alla lettura di manga o fumetti, alla visione di anime, all'uso di videogames ecc. Hanno spesso un look sconfusionato ed artistico[9][10].
  • Skater Emo: Sono gli emo più vicina alla cultura skate, e quindi passano la maggior parte del tempo a praticare questo sport piuttosto che a stare con gli altri emo[8].
  • Trustafarian Emo: Sono gli emo più vicini al movimento vegano ed hippie; rispetto agli altri emo hanno uno stile relativamente semplice e solitamente indossano sandali, pantaloni larghi, giacche leggere e magliette su cui spesso sono scritte delle frasi oppure disegnati dei motivi attraverso i quali comunicano il loro stato d'animo[9][10].

Impatto di massa[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di abbigliamento emo

In generale quindi, tra gli adolescenti, il termine emo è legato ad un'estetica di abbigliamento e taglio di capelli che può essere composto dall'uso di pantaloni canalizzati, t-shirts tagliate che spesso portano i nomi di band rock o punk e capelli con frange lunghe da un lato, che a volte coprono uno o entrambi gli occhi; è comunque popolare anche la capigliatura Spiky (cioè "spuntonata"), ottenuta solitamente grazie alla cotonatura delle ciocche di capelli e all'utilizzo di prodotti come lacca o gel su queste ultime. Inoltre il mondo emo si distingue per il suo carattere particolarmente emotivo-emozionale, sensibile, timido, introverso, depresso, angosciato ecc. Tuttavia, si deve tener conto che il movimento si è trasformato negli anni e che gli emo non necessariamente corrispondono a uno specifico stereotipo[12][13][14].

Borsa a scacchiera con spillette emo e punk. Gli abiti e accessori a scacchiera sono piuttosto comuni fra gli emo.

Essi tendono inoltre a essere identificati con vari sottogeneri musicali rock e punk, come l'hardcore punk, il post-hardcore e screamo, pop punk, indie rock; Anche se è possibile ascoltare metalcore, deathcore, pop rock, gothic rock, elettronica, electropop, sperimentale eccetera.

Nei mass media[modifica | modifica wikitesto]

Il fenomeno è diventato talmente diffuso che anche i media più "mainstream" hanno cominciato a parlarne in maniera diffusa[15][16][17].

Nel corso degli ultimi due decenni, gli emo sono saltati alla cronaca principalmente per casi di autolesionismo e suicidio, ma anche di droga, alcolismo, anoressia, bulimia e vari altri[18][19][20][21][22][23]. Ciò ha portato ad una ulteriore stereotipizzazione degli emo e della loro identità[24][25][26] ed ha anche provocato una certa avversione, se non una vera e propria discriminazione[27][28][29] nei loro confronti da parte di gruppi di individui o subculture diverse, talvolta scaturita anche in tragedia[30][31]. Nel settembre 2010 inoltre si è verificato uno scandalo sugli emo a causa di un servizio/inchiesta del programma televisivo Le Iene in cui veniva mostrato ciò che accadeva nei cossiddetti "Durex Party", cioè delle feste private in cui partecipano principalmente gli emo e dove si consumano solitamente sostanze stupefacenti, si fa sesso o entrambe le cose[32][33].

Ad ogni modo, visti gli abusi e le aggressioni fisico-verbali che spesso subiscono gli emo nel Regno Unito, nell'aprile 2013 è stato varato un nuovo regolamento dalla polizia della Greater Manchester che equipara le discriminazioni in base alla "subcultura" di appartenenza a quelle fatte per razza, religione, disabilità e orientamento sessuale, facendole rientrare quindi nella categoria dei crimini d'odio[34][35].

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Recentemente sono diventati piuttosto popolari i fumetti emo, cioè dei fumetti, spesso creati da artisti non professionali, caratterizzati da un grafica semplice e scarna, talvolta anche deprimente, in cui le storie vedono spesso un solo personaggio o una coppia (spesso maschio e femmina) in cui i temi centrali sono l'amore, la tristezza, la malinconia, la solitudine ecc. espressi spesso da battute o situazioni in stile umorismo nero; tra i più popolari si può citare il fumetto Pon and Zi.

Sono molto popolari nella cultura emo alcuni film di Tim Burton come Edward mani di forbice, The Nightmare Before Christmas, La sposa cadavere o anche Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street.

È diventato uso comune inoltre identificare dei personaggi fittizi (spesso cinematografici ma non solo) con i tratti tipici della cultura emo, sia dal punto di vista estetico che emotivo; per citarne alcuni: Sam Monroe, personaggio del film L'ultimo sogno; Jeff Matthews, personaggio del film Cimitero vivente 2; Sasuke Uchiha, personaggio della serie multimediale di Naruto; Zexion, personaggio della serie videoludica Kingdom Hearts; Elle, personaggio della serie multimediale di Death Note; Ulquiorra Cifer, personaggio della serie anime e manga di Bleach; Zero Kiryu, personaggio della serie anime e manga di Vampire Knight; vari altri.

Cinematografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Urban Dictionary: Emo culture
  2. ^ (EN) What is Emo - Introduction to the Emo Scene Community www.soemo.co.uk
  3. ^ (EN) Urban Dictionary: Emo kids
  4. ^ Articolo da Knot Magazine In difesa dell'emo. URL consultato il 10.02.2008.
  5. ^ Articolo da Incendiary Magazine - Cos'è l'emo?. URL consultato il 10.02.2008.
  6. ^ Articolo sull'emo da www.gurl.com. URL consultato il 10.02.2008.
  7. ^ a b How to Dress Emo (for Girls) WikiHow
  8. ^ a b c d e f g h i /www.luv-emo.com
  9. ^ a b c d e f g h i j (EN) Everybody Hurts: An Essential Guide to Emo Culture WordPress
  10. ^ a b c d e f g h i (EN) Emo, an essay fiction FictionPress
  11. ^ (EN) an essay fiction FictionPress
  12. ^ La Gorce, Tammy (2007-08-14). "Finding Emo". The New York Times. Retrieved 2007-10-20.
  13. ^ Bunning, Shane (2006-06-08). "The attack of the clones: an emo-lution in the fashion industry". Newspace, University of Queensland, School of Journalism and Communication. Retrieved 2007-10-20.
  14. ^ Stiernberg, Bonnie (2007-03-13). "What is emo?". The Daily illini. Retrieved 2007-10-20.
  15. ^ «Emo», il nuovo fenomeno adolescenziale, Corriere della Sera.
  16. ^ Vita da Emo, Repubblica XL.
  17. ^ Emo e punk contro la cultura dominante Tesi online
  18. ^ Autolesionismo e giovani."Un Emo non è tale finché non si suicida". Perché? Servizio Civile Magazine
  19. ^ Giovani – Ragazzi “emo”: dolore e suicidio come stile di vita Consorzio Parsifal
  20. ^ Il fenomeno sociale, cultura Emo: narcisismo ed autolesionismo interno18
  21. ^ Autolesionismo ed emo GirlPower.it
  22. ^ Violenza verso il sé negli "Emo" Profiling - I profili dell'abuso
  23. ^ Hannah was a happy 13-year-old until she became an 'emo' - part of a sinister teenage craze that romanticises death. Then she hanged herself. Her devastated mother tells other parents: No child is safe The Daily Mail
  24. ^ Sands, Sarah (August 16, 2006). "EMO cult warning for parents". The Daily Mail. Retrieved 2007-03-11.
  25. ^ La Gorce, Tammy (2007-08-14). "Finding Emo". The New York Times. Retrieved 2007-10-20
  26. ^ Rawstorne, Tom (16 May, 2008). Why no child is safe from the sinister cult of emo. The Daily Mail. Retrieved 2013-09-04.
  27. ^ Mexico Says 'Emo' Youths Face Discrimination BanderasNews
  28. ^ Saudi Arabia bans ‘emos’ from universities Alarabiya.net English
  29. ^ Russia wages war on emo kids, The Guardian
  30. ^ Stoned to death for being an emo: NINETY Iraqi students killed for having 'strange hair and tight clothes' The Daily Mail
  31. ^ Strage di ‘emo’ in Iraq. Nell’ultimo mese più di 90 morti ilmediterraneo.it
  32. ^ Le iene, gli Emo, i Durex party: quando l’informazione (?) scuote il web, Pragmatiko
  33. ^ Gli Emo e i Durex Party: servizio choc delle Iene, Excite
  34. ^ Regno Unito: sei emo, punk o metallaro? Sei protetto dalla violenza per legge, Il Fatto Quotidiano
  35. ^ Aggressioni contro gli emo, a Manchester saranno crimini d’odio, Euronews

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Movimenti correlati[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]