Emmanuel Fremiet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Emmanuel Frémiet)
Emmanuel Frémiet

Emmanuel Frémiet (Parigi, 6 dicembre 1824Parigi, 10 settembre 1910) è stato uno scultore francese. Egli è famoso per la sua scultura di Giovanna d'Arco sita a Parigi e delle sue statue sorelle site a Filadelfia e Portland negli Stati Uniti, oltre che del monumento a Ferdinand de Lesseps a Suez.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era nipote di Rude, di cui fu anche allievo, e si dedicò subito alla scultura di animali. Il suo primo lavoro consistette nella realizzazione di litografie di argomento scientifico, e per un certo periodo, in momenti di avversità, esercitò la raccapricciante professione di pittore all'obitorio. Nel 1843 egli inviò al Salon di Parigi uno studio di un gazzella, e dopo tale data ebbe l'opportunità di lavorare con grande continuità. I suoi "orso ferito" e "cane ferito" vennero creati nel 1850, e il Museo del Lussemburgo si assicurò questo esempio del suo lavoro.

La statua di Giovanna d'Arco a Parigi, opera di Frémiet.

Negli anni 1850, Frémiet produsse diverse opere riguardanti Napoleone III. Nel 1853, "il più famoso scultore di animali dei suoi tempi", espose alcune sculture in bronzo del Basset-Hound di Napoleone III al Salon di Parigi. Subito dopo, dal 1855 al 1859 gli vennero commissionate una serie di statuette di argomento militare per lo stesso Napoleone III, nessuna delle quali è giunta fino a noi.[1] Egli realizzò la statua equestre di Napoleone nel 1868 e nel 1869quella di Luigi d'Orleans (posta nel Castello di Pierrefonds). Nel 1874 fu la volta della prima statua equestre di Giovanna d'Arco eretta in Place des Pyramides a Parigi. Successivamente questa venne sostituita da una nuova versione della statua nel (1889), eseguita su commissione di Daniel Iffla. Durante questo periodo eseguì anche "Pan e il cucciolo di orso", anch'essa acquistata dal Museo del Lussemburgo e dal 2005 esposta al Musée d'Orsay.

Nello stesso tempo espose "Gorilla che rapisce una donna" che ottenne una medaglia d'onore al Salon di Parigi del 1887. Sebbene lodata a suo tempo, l'opera viene ora ritenuta ridicola, da parte di alcuni osservatori, per la raffigurazione di un gorilla che rapisce una donna nuda. Comunque, questa scultura ha catturato l'immaginazione del pubblico, come testimoniano le ripetute popolarità del tema di King Kong

Dello stesso genere è il suo "Orango selvaggio del Borneo" del 1895, una commissione del Museo di Storia Naturale di Parigi. Frémiet realizzò anche la statua dell'arcangelo Michele per la guglia della Eglise St Michel, e la statua equestre di Velasquez per il Jardin de l'Infante al Louvre. Nominato Ufficiale della Legion d'Onore nel 1878, divenne membro della Académie des beaux-arts nel 1892 e succedette ad Antoine-Louis Barye come professore di disegno animale al Museo di Storia Naturale di Parigi.

Emmanuel Frémiet morì a Parigi e venne sepolto nel Cimetière de Louveciennes.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fusco, Peter and H. W. Janson, editors, The Romantics to Rodin, Los Angeles County Museum of Art 1980 p. 272

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 49256352 LCCN: nr91004828