Emirato di Bukhara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bukhara
Bukhara – Bandiera
Bukhara - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Emirato di Bukhara
Nome ufficiale Buxoro Amirligi, Аморати Бухоро
Lingue ufficiali Persiano
Lingue parlate Uzbeko, Tagiko
Capitale Bukhara
Dipendente da Romanov Flag.svg Impero Russo
Politica
Forma di Stato Monarchia
Forma di governo Protettorato
Emiro Mir Masum Shah Murad
Nascita 1785 con Mir Masum Shah Murad
Causa Guerra civile russa
Fine 8 ottobre 1920 con Mohammed Alim Khan
Causa Invasione sovietica
Territorio e popolazione
Bacino geografico Asia centrale
Religione e società
Religioni preminenti Islamismo
Bukhara - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Flag.svg Khanato di Bukhara
Succeduto da Flag of the Bukharan People's Soviet Republic.svg RSS Bukhara

L'Emirato di Bukhara fu uno Stato islamico derivato dal Khanato di Bukhara nel 1785 e divenuto protettorato dell'Impero Russo nel 1873. Confinava a sud con l'Afghanistan e la Persia, a est col Khanato di Kokand, a ovest col Khanato di Khiva.

Il 2 settembre 1920 sotto la spinta dello Yeni Bukharlylar, l'ultimo emiro Mohammed Alim Khan abdica, e l'8 ottobre l'emirato invaso dai bolscevichi del Turkestan diventa la Repubblica Sovietica Popolare di Bukhara, che sarà poi annessa dall'Urss.

Emiri[modifica | modifica wikitesto]

  • 1785–1800 Mir Masum Shah Murad
  • 1800–1826 Haidar Tora
  • 1826 Hussain
  • 1826 Omar
  • 1826–1860 Nasrullah Khan
  • 1860–1885 Muzaffar ad-Din
  • 1885–1910 Abd al-Ahad
  • 1910–1920 Mohammed Alim Khan
storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia