Emilio Ravel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Emilio Ravel, nome d'arte di Emilio Raveggi (Siena, 2 febbraio 1933), è un giornalista e autore televisivo italiano, uno dei pionieri della televisione in Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la partecipazione alle rubriche Semaforo (1955) di Ugo Gregoretti, Permette una domanda? (1956) con Armando Pizzo e Arti e scienze (1961) con Carlo Mazzarella, è prima inviato e poi caporedattore a Tv7 (1969). Dall'anno seguente ha collaborato al rotocalco televisivo AZ, un fatto come e perché.

Fra le trasmissioni che portano la sua firma la più famosa è sicuramente la rubrica dedicata allo spettacolo del neonato TG2, Odeon (dal 1976), in collaborazione con Brando Giordani, con il quale realizza successivamente Colosseum (dal 1983). Ha collaborato anche a Gulliver (1980), Replay (1981), Unomattina (1994) e Bella Italia.

Senese della contrada della Selva, è da anni il telecronista ufficiale per la Rai del Palio. Ha collaborato ai canali tematici satellitari di RaiSat realizzando molte rubriche (come la serie Album, dedicata a personaggi famosi) prima di passare a Sky TG24 (Doppio espresso, con Brando Giordani).

È stato autore di inchieste giornalistiche, testi di narrativa e divulgazione storica: Esploriamo l'autostrada (1963), Il tumulto dei Ciompi (1978), Il diavolo a Firenze (1987) e, con Idalberto Fei, Cavalli che correte in piazza quando è estate: gli animali delle contrade del Palio di Siena. Racconti fantastici e storia vera (2007). Con Brando Giordani ha firmato anche la regia e la sceneggiatura del film SuperTotò (1980).

Nel 2012 viene chiamato da Caterina Stagno nel gruppo di Giovanni Minoli per collaborare alla produzione del magazine Dixit Stelle in onda su Rai Storia.

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie